Magazine Cultura

Che fine ha fatto Maurizio Costanzo?

Creato il 10 dicembre 2011 da Rory

Che fine ha fatto Maurizio Costanzo?

Un caffettuccio a quest’ora è la morte sua (spero che l’espressione sia corretta)!

Allora, mes chers amis, mi è venuto in mente che è un po’ di tempo che Maurizio Costanzo è scomparso dalle scene. Molti non lo amano ma a me ha sempre fatto simpatia, con quella trippa morbida e quella dizione non proprio perfetta. Certo, non è uno stinco di santo e non sono qui per farne un’apologia ma l’anno scorso (se non erro) vidi la sua ultima trasmissione, quella che faceva sulla Rai e devo dire che non era niente male. Quindi non so, voi sapete che fine ha fatto?

Tra l’altro, Maurizione oltre ad essere giornalista è anche un paroliere e scrivere canzoni è uno dei miei hobbies dai tempi del liceo, quando facevo cover demenziali di pezzi famosi, come ad esempio quella che divenne una vera e propria hit della mia classe, dedicata alla nostra pessima professoressa di scienze, di cui riporto nome e cognome senza paura, tanto lei è in pensione, io sono già diplomata, ergo…

Guarda come arriva/ Maria Rosaria la mattina/ tutta seria ed ancheggiando/ogni alunno sa che quando entra lei il suo momento sta arrivando/ prende la penna, scorre il registro “Ho deciso: oggi interrogo Femiano!” / Lo sfortunato s’alza piano e s’avvicina alla lavagna e la classe intona già la serenata e la canta e la balla/ la Serra è la prof che non sa manco parlare e pure insegna ma anche se si impegna non sa l’ABC!”

(la canzone era questa qui… all’epoca era di gran tendenza anche se fa pena lo so… ma aujourd’hui si porta la danza Kuduru quindi non ci possiamo lamentare!)

Questo per dirvi che un giorno potrei sproloquiare in un salotto su canale 5 mentre al contempo scrivo canzoni senza tempo tipo “Perdere il trattore”… no dai, scherzo, vedo le due ipotesi alquanto remote!

E a voi piace Costanzo?

p.s. domani nel random post vi racconto un po’ di novità, tra cui una veramente ma veramente trash che mi auguro vi renderà orgogliosi di me!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines