Magazine Società

Chi decide la nostra “agenda”?

Creato il 02 febbraio 2010 da Pinomario

Chi decide gli argomenti dei nostri discorsi? Chi stabilisce le questioni "importanti" di cui discutere? Chi decide che i problemi importanti oggi siano alcuni e non altri? Chi stabilisce cosa è accaduto o cosa accade veramente? Chi decide quali sono le notizie da porre in primo piano?
In effetti, cosa facciamo, di solito, per sapere cosa è accaduto o cosa sta accadendo? Quasi tutti guardiamo la Tv o ascoltiamo la radio o leggiamo il giornale ( a dire il vero, credo che lo si debba fare sempre di meno e cercare altre strade, consentite forse oggi dal web. Sarebbe, forse, meglio usare la Tv e i giornali per scopi diversi da quello di “informarsi” su quello che accade nel mondo, oggi. Il rischio, altrimenti, sarebbe, è, quello di interessarci e di parlare di quello che ci dicono – ci ordinano? – la tv o i giornali, invece che di quello che veramente accade o ci accade! ).
A meno di essere talmente ingenui da credere di essere noi a scegliere cosa è importante, e di cosa occuparci! Siamo veramente così ingenui da identificare i “fatti” del giorno con le notizie pubblicate, per decisioni – sicuramente non trasparenti e non controllabili, talora ciniche, a volte servili, spesso interessate (se non altro, a vendere i giornali o un programma Tv) - di comitati di redazione di giornali o di Tv, magari sotto l’input di “democratiche veline” di organismi governativi o di grossi centri di interessi economici o finanziari?
Chi decide quali sono i “fatti”? Chi stabilisce, in un mondo così vario, vasto e complesso, come quello in cui viviamo oggi, quali sono le “notizie” da selezionare e pubblicare? Sappiamo veramente cosa accade oggi nel mondo? Conosciamo veramente il mondo in cui viviamo? Riusciamo veramente ad ascoltare le voci che andrebbero ascoltate, a fissare i volti che aspettano di uscire dall’ombra, o ad accorgerci degli eventi che “accadono” veramente, su questo nostro pianeta?
E allora, noi, di “che” parliamo? Anzi, adattando al nostro discorso una espressione di Lacan, “chi” parla veramente?
Non sarebbe questa una consapevolezza fondamentale per qualunque discorso “politico”?.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine