Magazine Attualità

Ciao Piero

Creato il 07 gennaio 2016 da Marcopress @gabbianone

Me ne ha raccontate così tante, e così grosse, che ne ho potuto scrivere poche. Alcune volte, confesso, quando squillava il telefono e compariva il suo nome, ho pensato «uff, mi tocca lavorare». Ogni volta si sarebbe dovuto raccontare, ogni volta era una notizia.
Abbiamo parlato di vestiti, ristoranti, Austria, Germania, guerra, Guerra, vini. Poi faceva spuntare Friulia e Mediocredito. Gli uscivano dal bavero, non riusciva a trattenersi.
Condividevo sostanzialmente tutto quello che diceva. Anche sul governo Monti, mentre il sindaco di Udine, quello vero, lo difendeva. Erano dibattiti sinceri, non convegni sponsorizzati. Solo una volta non fui d’accordo su un giudizio negativo su un collega (mio, sui colleghi suoi c’era poco da obiettare). Glielo dissi, ordinò altri due rossi.
Era passato al rosso. I bianchi li aveva preferiti in una fase precedente. Avremmo dovuto andare al Bacaro Risorto in via Aquileia, non ci fu mai l’occasione: io sempre centrale, lui sempre già in centro. Ma me ne parlava con passione. Pesava il rapporto qualità/prezzo come nessun altro.
Si preoccupò per mesi, per anni, che una sua carta mi avesse creato dei casini. Che mi avessero pedinato (me!). Che mi avessero fatto domande spaccandomi le palle per aver fatto il mio mestiere. «Piero, non ti preoccupare, basta essere hombre vertical», gli dissi. Esattamente come era lui. Si rasserenò. Quando il pedinatore fu steso da una parola – archiviato – festeggiammo a bolla.
Ci siamo visti l’ultima volta un mese fa. Ha fatto le solite domande, non capiva perché mancassero alcune informazioni. Anzi, lo capiva benissimo. Non capiva perché non le comunicassero. Dove finisce il diritto alla riservatezza sulla cosa pubblica?
Mancheranno le notizie, ma soprattutto le idee. Ti sia lieve la terra, Piero (cit.).

Il 23 ottobre 2012 scrivemmo Harduini.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ciao Mister, grazie di tutto…

    Ciao Mister, grazie tutto…

    5 DICEMBRE – “Tanto tuonò che piovve! “ In questo nebbioso novembre le antiche parole pronunciate da Socrate fotografano con cristallina precisione il... Leggere il seguito

    Da  Ilnazionale
    ATTUALITÀ, DA CLASSIFICARE
  • Bonolis, la Regione Piemonte attacca “Ciao Darwin”

    Bonolis, Regione Piemonte attacca “Ciao Darwin”

    Ad innescare la polemica sono stati i casting del 12 gennaio svolti presso la Film Commission Torino Piemonte, accusati di fomentare razzismo e omofobia Il... Leggere il seguito

    Da  Retrò Online Magazine
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Ciao Francè!

    Ciao Francè!

    Il fatto di essere dei “grandi” implica anche l’obbligo di saper prendere grandi decisioni, soprattutto a fine carriera: uscire dal campo tra gli applausi e... Leggere il seguito

    Da  Freeskipper
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Ciao a tutti

    Io non vedo alcun risultato positivo in ciò che Renzi ha combinato da quando è capo del governo, anzi, ci vedo realizzato in buona misura il pericolo che vado... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Ciao, Totò

    Ciao, Totò

    Ci si affeziona ai quotidiani, compagni irrinunciabili delle giornate dei lettori attenti a ciò che accade nei microcosmi e nel mondo più grande. Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Ciao,Henning Mankell...

    Ciao,Henning Mankell...

    Reading da “L’occhio del leopardo”di Henning Mankell –Marsilio editore Si sveglia all’improvviso nella notte africana e ha la sensazione che il suo corpo sia... Leggere il seguito

    Da  Marianna06
    AFRICA, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • Ciao Vicio...

    Ciao Vicio...

    Ma come avrà fatto, Vicio ad essermi presente in tutti questi anni. A me, che me lo ricordo nel mio immaginario in braghette e maglietta da calcio, senza mai... Leggere il seguito

    Da  Alblog
    SOCIETÀ

Magazines