Magazine Cultura

Cimitero di montagna.

Creato il 04 novembre 2012 da Enricobo2
Cimitero di montagna.
Il giorno dopo le abbondanti piogge, c'è un senso di pulito nell'aria, una chiarezza vivida che scansiona i pixel dell'orizzonte moltiplicandoli sempre di più. Mentre la strada sale verso la montagna, anche il verde spento del tardo autunno sembra accendersi, ormai quasi coperto dalle macchie di rosso e di giallo. Appena al di sopra, il sole forte come nelle giornate di pieno inverno, accende la neve di una chiarore abbacinante. Devi abbassare lo sguardo tanto è violenta la luce che quasi confonde i tratti spigolosi delle cime più chiare con l'azzurro cupo e smagliante del cielo. Sulle creste di queste Alpi cupe e arcigne soffia lontana una tormenta di polvere bianca. Il piccolo cimitero del paese digrada verso valle volto a sud per lasciarsi rischiarare completamente in ogni suo anfratto. Pochi sono gli angoli nascosti dove la prima neve è rimasta a coprire le pietre antiche. L'ombra l'ha risparmiata, quasi dimenticata, mentre i raggi violenti hanno già sciolto l'altra, che forse perché prima ed inesperta è risultata così tenera da non riuscire a resistere a lungo. Così i marmi sono lucidi e brillanti, inebriati per essere così quasi coperti dai tanti fiori portati da tutta questa gente, inusuale per il luogo sempre deserto, oggi invece così affollato. Poi a gruppetti se ne vanno e il luogo riprende la sua essenza fatta di silenzio e di bellezza triste.  Come sono belli i cimiteri di montagna quando il sole li riscalda.
Cimitero di montagna.
Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:
Dalla montagnaHaiku riposato.HaikuTarda primavera.Primavera.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines