Magazine Cultura

Colpa delle Stelle: Amsterdam nelle pagine di John Green

Creato il 22 ottobre 2014 da Luoghidautoreblog

Testo e immagini di Selena Nuccini

untitled
Hazel Grace, una giovane sedicenne di Indianapolis con un vero miracolo alle spalle. Malata da anni di cancro ai polmoni, grazie a un farmaco sperimentale sembrerebbe che la malattia sia in regressione. Purtroppo, a causa del suo stato, Hazel non socializza molto con le sue coetanee, trascorrendo così molto tempo da sola a leggere. Un giorno però, il destino le fa incontrare Augustus Waters, un affascinante compagno di sventure che riesce a contagiarla con la sua voglia di vivere, le sue passioni e risate. Ma come un peccato originale, come una profezia scritta nelle stelle, il tempo a loro disposizione è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.

Questo è un breve riassunto del best seller di John Green, Colpa delle Stelle (pubblicato in Italia da Rizzoli).  Un testo eccellente pur dovendo affrontare un tema difficile, doloroso e soprattutto reale, ma che l’autore riesce ad illustrare alla perfezione. Hazel Grace è una protagonista molto spigliata, di quelle che lasciano il sorriso sulle labbra anche nei momenti più duri. I protagonisti del romanzo si fanno amare fin dalle prime righe, e state bene attenti, qui non si prova pietà per loro, ma li si ama perché hanno un modo tutto loro per cogliere sia le semplici che le difficili avventure della vita.

Nel romanzo, i due giovani raggiungono Amsterdam per incontrare il loro amato autore di Un’imperiale Afflizione, Peter Van Houten.

Amsterdam ( http://www.amsterdam.info/it/ ), capitale dei Paesi Bassi, è entrata

Amsterdam1
a far parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO nel 2010 grazie alla sua area centrale circondata dai canali del XII secolo. Tutta attraversata da un vasto numero di canali, si suddivide in circa 90 isole collegate da un migliaio di ponti. Con questa caratteristica, viene conosciuta in tutto il mondo come la “Venezia dei Paesi Bassi”.

Vondelpark
Hazel ed Augustus si recano in questa magnifica città per tre giorni. Nel libro, viene accuratamente specificato più volte il nome l’albergo dove alloggiano, ovvero l’Hotel Filosoof, collocato nelle vicinanze del Vondelpark, uno dei parchi più belli di tutta Amsterdam. Nel libro, tutte le camere dell’Hotel Filosoof portano il nome di un filosofo. L’unica descrizione della camera dove alloggiano ce la dà Hazel in maniera molto semplice: la descrive come una stanza piccola, con un letto matrimoniale addossato a una parete, una vecchia poltroncina polverosa, una scrivania e una mensola piena di libri.

Ora, visualizzando l’Hotel nel sito web, non sembra affatto come Green lo

esperienza_hotel
descrive nel suo libro; ma suvvia, lasciamo un po’ di spazio all’immaginazione. Grazie a questo magnifico libro e alla trasfigurazione cinematografica, il Sandton Hotel de Filosoof propone una completa esperienza in stile “Colpa delle Stelle”, offendo la possibilità di alloggiare in una delle camera a tema di #TFIOS (http://www.sandton.eu/en/amsterdam/TFIOS), un sogno per ogni fan!

Il libro però non specifica tutte le attrazioni che si possono visitare in una città come questa: la Piazza Dam per esempio, la piazza più famosa di tutta Amsterdam, da dove si può ammirare il Palazzo Reale (http://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_Reale_(Amsterdam) ) e la Chiesa Nuova, l’autore non scrive nulla. Durante il viaggio vengono descritti solo alcuni dei luoghi d’interesse della città, come il Rijksmuseum, il Vondelpark ed il quartiere di Leidsegracht. Un altro luogo di grande interesse storico che visitano i nostri

Statua_AnnaFrank
protagonisti è la Casa-Museo di Anna Frank. L’abitazione dove si nascose per due anni assieme alla famiglia durante la Seconda Guerra Mondiale è collocata nel quartiere di Jordaan, lungo il canale Prinsengracht. All’interno del museo si può vedere l’alloggio segreto della famiglia dietro una libreria mobile e le stanze, ormai vuote della casa, le quali, ancora oggi, trasmettono gli eventi che si svolsero al suo interno. La storia e le vicende della famiglia Frank sono descritte da Anna attraverso documenti storici, fotografie e oggetti originali. Il diario originale di Anna è esposto all’interno del museo (http://www.annefrank.org/it/Museo/Informazioni-pratiche/Orari-dapertura-prezzi-dingresso-e-ubicazione-1/ ).

Colpa delle Stelle è un libro che fa sorridere e piangere, ma che conquisterà ogni suo lettore fin dalle prime pagine. Pur essendo un argomento molto toccante e cupo, l’autore riesce comunque a parlare della malattia sotto un altro aspetto.. Buona lettura!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog