Magazine Fai da te

Come costruire una parete in cartongesso

Da Alfredosurf

Come costruire una parete in cartongesso

Il cartongesso è un materiale da costruzione costituito da gesso di cava racchiuso tra due fogli di cartone.  Tra le sue qualità spicca sicuramente quella di essere  molto versatile ed adatto a soluzioni veloci ed economiche. Il prezzo per l’acquisto e la posa in opera non è particolarmente proibitivo e i lavori realizzati possono durare nel tempo; rientra, inoltre, a pieno titolo nei materiali utilizzabili nel fai da te. Contraddistinto da ottimo potere termoisolante e acustico, è utilizzato nella divisione degli ambienti, per eseguire controsoffitti, per risolvere problemi di umidità. In questo ultimo caso,  esistono in commercio appositi pannelli di cartongesso idrorepellenti da utilizzare  per la stanza da bagno e la cucina. I pannelli di cartongesso, inoltre, possono essere abbinati a pannelli di polistirene estruso contribuendo a  risolvere i problemi di condensa e umidità. Tutte queste qualità, unite alla facilità di lavorazione, ne fanno uno dei materiali maggiormente utilizzati nell’edilizia leggera.

Come si trova in commercio?

In commercio ci sono pannelli in cartongesso con spessore da 1 a 2cm circa di varie misure. In funzione delle caratteristiche tecniche, vengono prodotti pannelli resistenti al calore, al fuoco e quelli uniti al polistirene, particolarmente adatti ad isolare l’umidità e per l’esterno. Oltre ai pannelli classici  utilizzati per pareti, controsoffitti o per correggere pareti irregolari,  pannelli antiumidità e antincendio, sul mercato si trovano pannelli curvi per realizzare disegni particolari.

Vediamo come realizzare una parete divisoria in cartongesso con struttura portante in profilati metallici.

Difficoltà

medio.jpg

Attrezzi

sega, cutter (taglierino) per il taglio dei pannelli di cartongesso; livella; filo a piombo; cazzuola; americana; cofana; carta vetrata fine.

Materiali

pannelli di cartongesso,  tasselli ad espansione, viti autofilettanti per profilati, profilati, stucco e pittura per rifinire la parete,.materiale isolante (lana di legno, lana di vetro).

Come costruire una parete in cartongesso?

Una parete in cartongesso è composta da una struttura portante in metallo a cui fissare i pannelli di cartongesso da entrambe i lati della parete. La struttura in metallo portante si compone di profilati in alluminio a forma di “U” che sapientemente posizionati e fissati reggeranno i pannelli di cartongesso. Preliminarmente si posizionano i profilati,  che possono avere una sezione da 6-8 cm,  rispettivamente al soffitto, al pavimento e sulle pareti di appoggio. All’interno dovranno essere fissati altri profilati in verticale, che faranno da montanti, ad una distanza di 60/80 cm l’uno dall’altro. I montati cosi posizionati serviranno da base ai pannelli. Questi, come i profilati, vanno fissati con le apposite viti, distanziate di circa 20 cm l’una dalle altre, facendo attenzione che la testa delle viti affondi all’interno del gesso per 1/ 2 millimetri in modo tale da poter essere nascoste con l’apposito rasante.

1- Stabilire dove costruire la parete e tracciare sui muri laterali, sul soffitto e sul pavimento le linee guida.

2-sistemare un profilato lungo tutte le linee guida tracciate, fissandolo con tasselli ad espansione. Considerando che una parete di cartongesso può rivestire carattere di temporaneità, riguardo al profilato da fissare al pavimento, in alternativa ai tasselli si può optare per una colla specifica. In questo modo, in caso di rimozione della parete, non risulterà compromesso il pavimento.

3- sulla trave fissata al pavimento segnare e segare la parte necessaria per realizzare il vano destinato a ricevere il telaio della porta.  Posizionare in questi punti, per l’intera altezza della parete, due profilati in verticali e fisserli alle travi precedentemente fissate al soffitto ed al pavimento, utilizzando viti autofilettanti.  Per delimitare superiormente il vano della porta, fissate una trave orizzontale tra le due verticali appena posate. Porre la necessaria attenzione affinchè il vano creato sia in grado di ospitare il telaio della porta con la necessaria tolleranza.

4- ad intervalli di 60-80cm, fissare i montanti verticali  alle travi fissate al soffitto e al pavimento.

5- all'occorrenza, per dare maggiore rigidità alla strutturatra fissare dei profilati, ad intervalli regolari,  orizzontalmente tra i montanti verticali.

6- iniziando dal basso, fissare alla struttura  appena assemblata i pannelli di cartongesso utilizzando le apposite viti. Lasciate tra il pavimento ed i pannelli qualche millimetro per evitare che assorbano umidità; il battiscopa nasconderà lo spazio lasciato. Fissare i pannelli sul primo lato della struttura e, prima di ricoprire la seconda facciata, sistemate nell’intercapedine l’eventuale materiale isolante e il corrugato per l'impianto elettrico facendolo fuoriuscire nei punti destinati ad accogliere le prese elettriche. A parete terminata, con l'aiuto del cutter incidere le nicchie delle prese e posizionare le scatole port- frutti appositamente studiate per il cartongesso.

7- Nella cofana preparare l'apposito stucco (vedi la scheda "come impastare il gesso") e con l'aiuto dell'americana stuccare i fori delle viti e le giunture tra pannelli. Attendere l'asciugatura dello stucco, carteggiare con carta vetrata fine e passare una seconda mano di stucco, questa volta su una superficie piu larga in modo tale da livellare la parete. Attendere di nuovo l'asciugatura dello stucco e carteggiare. A questo punto la parete di cartongesso è pronta per ricevere la tinteggiatura, dopo essere stata trattata con l'apposito isolante.

2012-faidatesecondome.it - Alfredo Onori   ©Riproduzione Riservata

Se questa scheda ti è piaciuta e l'hai trovata interessante potresti aiutarmi a renderla visibile a più persone possibili.

Twitta l'articolo con il tasto qui sotto, commenta con Facebook e se vuoi lascia un commento.

Potrai avere avere maggiori delucidazioni o semplicemente farmi sapere che hai apprezzato questo lavoro.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :