Magazine Diario personale

Come fuochi d'artificio

Da Stefanod
Ieri sera per l'ultimo dell'anno siamo andati a casa di una coppia di amici italo-svedese. Loro hanno due bambini di sei e nove anni che studiano italiano con Eleonora e così tutti e quattro i bimbi si sono messi subito a giocare insieme. Durante la prima parte della serata è andato tutto bene: i bambini giocavano a volte a coppie, a volte tutti insieme, praticamente degli angioletti. Anche durante la cena quasi niente capricci.
Poi ha iniziato a farsi tardi, e man mano che si avvicinava la mezzanotte crescevano nei bimbi sia la voglia di aspettare e vedere i fuochi d'artificio che la stanchezza. Verso le undici i bimbi si sono messi tutti buoni davanti alla televisione, ma si capiva che continuavano ad aumentare sia la stanchezza che la voglia di non cedere. Anche Sofia, che non aveva mai tirato più delle undici di sera, era attirata dal miraggio del vedere i fuochi d'artificio (anche perché eravamo su un'isoletta con la possibilità di vedere a 360 gradi i fuochi di diverse parti della città).
A mezzanotte nel giro di pochi minuti è scoppiato tutto: tappo dello champagne, fuochi d'artificio nonché la stanchezza colossale di tutti i bimbi che, visti i primi fuochi e quindi soddisfatta la voglia, all'unisono sono esplosi nei vari "non siamo stanchi...non vogliamo andare a letto!!" e hanno fatto quasi più botti loro di quelli in cielo.
Poi, nel giro di un quarto d'ora, tutti crollati.
E così noi adulti ci siamo goduti la prima lunga chiaccherata dell'anno constatando che una delle cose belle del frequentarsi con altri genitori con bambini in età simili è il rendersi conto che passiamo tutti per gli stessi dubbi e le stesse esperienze.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Come state?

    Avevo voglia di chiedervelo. Come state? si proprio voi che mi leggete affezionati ma anche coloro che si sono avvicinati al mio blog oggi per la prima volta. Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Come un pesce DENTRO l'acqua

    Ancora una volta la vita mi ha stupito [eh si', sto vivendo un periodo intenso :) ].Le prime volte che venni negli USA a far visita al mio fidanzato (oggi... Leggere il seguito

    Da  Mel.
    DIARIO PERSONALE, MATERNITÀ, TALENTI
  • Come si diventa archeologo?

    Come diventa archeologo?

    La domanda è semplice, la risposta un po' meno. Prima di iniziare un percorso sicuramente appassionante ma molto faticoso è bene avere le idee chiare. Leggere il seguito

    Da  Archeologo
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Contest: Come mi chiamo?

    Contest: Come chiamo?

    La cucina: gioie e dolori. Personalmente per me sono più gioie, almeno quando mi trovo al tavolo pronta ad ingurgitare tutto ciò che mi trovo sul piatto: non... Leggere il seguito

    Da  Siboney2046
    DIARIO PERSONALE, LIFESTYLE, PER LEI, TALENTI
  • come era prevedibile

    come prevedibile

    Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidita' umana.E non sono sicuro della prima.Albert Einstein(rendeva meglio in inglese, ma vabbè...)D'altronde... Leggere il seguito

    Da  Dony
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Il cuore come pietra miliare

    Sto leggendo Gli insegnamenti di don Juan, scritto da Carlos Castaneda. È il resoconto dell’esperienza del giovane antropologo con il vecchio sciamano yaqui, ch... Leggere il seguito

    Da  Kisciotte
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • Come t'ammazzo Cenerentola

    Come t'ammazzo Cenerentola

    Che rapporto avete voi con le pulizie di casa?Siete di quelli che se vedono una macchia chiamano rinforzi? Impugnano il mocio, l'acido muriatico e "ne resterà... Leggere il seguito

    Da  Giovanna
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI