Magazine Diario personale

Come gabbiani?

Da Abattoir

di Irene Coppola


Affinché mediti e impari che l’incosciente temerarietà non può dare alcun frutto… tutto ci è ignoto, e tutto della vita è imperscrutabile, tranne che siamo al mondo per mangiare e per campare il più a lungo possibile (Il gabbiano Jonathan Livingston, Richard Bach).

E’ una visione della vita che accomuna molta gente, io l’ho sempre definita un po’ triste e pessimista, ma dà forza a persone deboli, fragili o semplicemente deluse.
Ogni giorno ci rediamo conto di quanto poco sappiamo e di quante cose belle o brutte esistono e aspettano di essere scoperte e rianimate… ma le lasciamo lì, ad aspettare.
Viviamo in un mondo intrinseco di apparenza. Non guardiamo mai oltre quel “velo di Maya” che ci permette di afferrare la vera essenza dell’essere.

Certo, in tutto questo una buona parte è d’attribuire alla società e alle persone che la “popolano”. Una società che cresce, frenetica, in continuo movimento e mutamento, dove realmente si pensa che siamo qui al mondo “per mangiare e campare il più a lungo possibile”, aggiungerei “campare bene”. Una società dove si mescolano sogni, ambizioni realtà, fallimenti. Un mondo materiale, dove sono pochi quelli che sognano, e ad alcuni questo viene distrutto.

I have a dream. Frase celebre, no?!

Anche io ho un sogno, non è qualcosa d’impossibile, se lo dicessi susciterei risa… proprio per la sua banalità! Il mio sogno s’ispira alla vita o al futuro, diverso da come potevamo aspettarcelo, dove tutto è sempre più complicato. Il mio sogno è speranza, è una piccola lotta con il mondo e la sua soffocante burocrazia.
Un mondo in cui siamo come gabbiani, abbiamo grandi ali per volare e potremmo percorrere grandi distanze, ma rimaniamo inermi a guardare e diamo con il nostro silenzio il permesso a terzi di decidere per noi.
Ma le nostre ali, dove le abbiamo riposte? Interrogativi che non ci permettono di rispondere a tono, per cambiare le carte e poter dire che “l’incosciente temerarietà può dare i suoi frutti. La chiave di volta verso la conoscenza, dando un senso alla propria vita, il nostro senso.”

Io vedo solo gruppi disgregati di gente che non sa dove andare, perchè accecata da interessi egoistici o ancor peggio travolta da pigrizia.
Ci giudichiamo migliori di altre specie sulla terra, siamo definiti la specie più intelligente… invece, siamo stati semplicemente più fortunati. Peccato che non c’è alcun criterio di ripartizione di questa fortuna e che ormai abbiamo dimenticato cosa significa lottare per avere indietro i nostri sogni.

Scegliamo il nostro mondo successivo in base a ciò che noi apprendiamo in questo.
Se non impari nulla, il mondo di poi sarà identico a quello di prima, con le stesse limitazioni (Il gabbiano Jonathan Livingston, Richard Bach).


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Oltre metà luglio, caldo torrido, David Letterman come sottofondo

    Oltre metà luglio, caldo torrido, David Letterman come sottofondo

    Chiacchiere tra due donne che non si vedevano da due anni, visibilmente cambiate, palesemente serene. Parole che volano leggere, così come eravamo abituate,... Leggere il seguito

    Da  Elettra
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Come nuvole

    Come nuvole

    Non posso immaginare i miei giorni senza un tuo sorriso senza le tue parole mi sento vuoto, perso, un buco nell’anima taglia il mio essere Ti voglio per me con... Leggere il seguito

    Da  Apolide
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Sogni Chic 6 - Come scrollarseli di dosso

    Come si fa a togliersi di dosso i sogni quando hanno la consistenza della realtà? Quando ti svegli e sei ancora invischiata nei frammenti che la tua mente ha... Leggere il seguito

    Da  Pkiara
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Come se fosse la prima volta

    Come fosse prima volta

    La mia valigia si è riempita di sogni, le parole sono scese dentro di me come semi a coltivare una terra inaridita dal tempo.Germogli verdissimi si sono fatti... Leggere il seguito

    Da  Johakim
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Come un elastico che molla

    Se credi che capire sia qualcosa che spezza e spazza via polvere all'improvviso dai tuoi occhi, forse credi anche che capire sia determinante e ti cambierà la... Leggere il seguito

    Da  Spaceoddity
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • L'11 settembre: come me lo ricordo

    Il Washington Post su Twitter chiede di raccontare cosa si stava facendo QUELL'undici settembre, dove ci si trovava. Le risposte sono qui:... Leggere il seguito

    Da  Pkiara
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • come ledi ouc

    come ledi

    io e lo zdoro siamo in un periodo nel quale appena io vado a lavorare, lui torna a casa. ergo: ci vediamo solo la sera, verso le 20.30. Leggere il seguito

    Da  Zdora
    DIARIO PERSONALE, TALENTI