Magazine Società

Come gettar benzina su un fuoco già acceso!

Creato il 05 maggio 2010 da Federicobollettin
Il sindaco di Castel Volturno incita alla violenza contro gli immigrati
Situazioni del genere si stanno espandendo a macchia d'olio. Il primo cittadino di un altro comune nel casertano si esprime come un militare pronto alla rivolta. La mediazione, il confronto, lo sviluppo umano e culturale del territorio, l'integrazione, sembrano, per molti sindaci in Italia, le nuove eresie da combattere.
Ecco le sue testuali parole: «Siamo pronti a trasformare Castel Volturno in una nuova Rosarno — ha detto il sindaco— perché siamo letteralmente invasi da immigrati. Rivolgo un appello al ministro Maroni, verso il quale va tutta la mia stima per la lotta alla camorra che sta attuando, affinchè ci aiuti a liberare la nostra città dai clandestini che spesso si trasformano in spacciatori e delinquenti. Se non ci sarà un intervento rapido, sarò costretto a capeggiare una rivolta per ridare dignità alla nostra terra».
La risposta dei Comboniani di Castel Volturno e di alcune associazioni attive sul territorio arriva come un forte invito alla convivenza pacifica.
Caro Sindaco,
non ha cominciato nella migliore delle maniere il suo terzo mandato come primo cittadino.
Incitare la popolazione ad una rivolta stile Rosarno non è proprio un buon modo. Non è parlando alla pancia della gente che si possono risolvere i problemi di questo territorio.
Le sue affermazioni ci spaventano. Lei in questo modo si sta assumendo tutta la responsabilità di gettare benzina su un fuoco già acceso, perché chiamare alla rivolta una popolazione Italiana già esasperata e sofferente, è solamente un atto irresponsabile. Lo hanno capito anche i vertici del suo partito che hanno subito preso le distanze dalle sue allarmanti dichiarazioni.
(continua)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L’Europa come la vorremmo

    L’Europa come vorremmo

    Su The Economist è apparsa una cartina dell’Europa in cui si vedono nuovi staterelli, e magari quelli esistenti sono stati spostati qua e la a seconda di come... Leggere il seguito

    Da  Michele
    MEDIA E COMUNICAZIONE, POLITICA, SOCIETÀ
  • Come si fa?

    Come

    Badate bene che la domanda del titolo non è né polemica né retorica, mi interessa davvero sapere come fate voi che lo fate.Che cosa?, direte voi. Andiamo con... Leggere il seguito

    Da  Lanterna
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Come gli indiani (Freedom house 2009)

    Come indiani (Freedom house 2009)

    Stilato il rapporto di Freedom house sulla libertà di stampa: siamo alla pari dell'India, del Benin e di Hong Kong. Freedom House evidenzia che “in Italia, un... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • § E pure come malato ho fallito §

    Usciamo un attimo fuor di metafora e diciamo come si è svolta la faccenda. Ci eravamo lasciati con il fatto che mio fratello non sarebbe stato messo al... Leggere il seguito

    Da  Faith
    SOCIETÀ
  • Come un eruzione di petrolio in profondità

    Come un vulcano sottomarino che erutta tonnellate di petrolio al giorno. Così è stato definito il disastro che sta ancora avvenendo sulle coste della... Leggere il seguito

    Da  Lebarricate
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Esistere come corpo

    «Diamo il nostro corpo a tutti, anche al di fuori di ogni relazione sessuale: attraverso gli sguardi, i contatti. Lei mi dà il suo corpo, io le do il mio:... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Come garantisci l'integrazione?

    Fini: Pensare solo alla sicurezza è la cosa più miope che si possa fare!"Ad alcuni amici del centrodestra contesto che si fermano al tema sicurezza: è la cosa... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    SOCIETÀ

Magazine