Magazine Fotografia

Come realizzare dei bei ritratti anche al tramonto

Da Terapixel @terapixelblog

la-violinista-sul-mare-stefano-tealdi-ritratto-tramonto-terapixel.jpg

Chiunque di noi vorrebbe fotografare una persona al tramonto, perché il cielo è stupefacente, ma il solito problema è che il soggetto, o esce fuori come una silhouette perché (giustamente) il sole si trova alle spalle, o usate un flash e il soggetto viene sbiadito, come se fosse cancellato.

La foto qua sopra, La violinista sul mare, è stata concessa gentilmente da Stefano Tealdi (trovate sue informazioni alla fine dell’articolo).

Come si realizzano i ritratti ben esposti al tramonto?

Per evitare i sgradevoli inconvenienti citati all’inizio dell’articolo, iniziamo a spegnere il flash (lo attiveremo alla fine) e dopodiché puntiamo la reflex al cielo.

  1. Portiamo la fotocamera in modalità di priorità dei tempi (Tv sulle reflex Canon e S sulle Nikon) e fissiamo il tempo di otturazione per un valore minore di 1/200 di secondo (uno scatto più veloce mostrerebbe una fastidiosa banda nera sulla fotografia con il flash) e l’ISO per un valore compreso tra 100 e 400.
  2. Premete a metà corsa il pulsante di scatto per effettuare una lettura dell’esposizione corretta del cielo, trovando quindi, l’apertura focale.
    I fotografi esperti, solitamente utilizzano una misurazione di tipo spot, mirando direttamente sul sole (per cercare di avere meno zone bruciate possibili). Nessuno comunque ci vieta di utilizzare la misurazione valutativa, che è quella più comoda e che copre la maggior parte dei casi (per avere maggiori informazioni sui metodi di misurazione dell’esposizione, consulta questo articolo).
  3. Una volta trovata l’apertura focale esatta, si passa la fotocamera in modalità manuale e qui si inseriscono e si fissano tutti i valori trovati: tempo di esposizione, apertura focale e ISO.
  4. Ricomponiamo l’immagine, inserendo il soggetto nella foto, e a questo punto, se scattiamo, vedremo che il cielo sarà correttamente esposto, mentre il soggetto sarà praticamente scuro.
  5. Qui entra in gioco l’utilizzo del flash che servirà a schiarire il nostro modello/a a seconda della sua potenza e posizione rispetto al soggetto.

Servirà fare un pò di prove, prima di trovare la giusta illuminazione, ma ricordatevi anche che la luce del tramonto varia molto rapidamente, e quindi dovrete ricordarvi di controllare periodicamente le foto scattate sul display, proprio per verificare che il cielo sia ancora correttamente esposto.
È un vecchio trucco, ma è ancora usato perché funziona molto bene.

Per completezza, guardate il video di Stefano Tealdi che mette in pratica quanto è stato scritto:

A proposito di Stefano Tealdi…

Stefano Tealdi è un fotografo strobista che è diventato particolarmente famoso su YouTube per i suoi video sulla Guida italiana per lampisti, un corso tutto in italiano e completamente gratuito.

Vi consiglio di dare un’occhiata ai suoi video e al suo blog perché si trovano tanti preziosi consigli, dove vengono svelati anche i segreti dei suoi scatti.
Iscrivetevi al suo canale su YouTube! Io l’ho già fatto!

Ecco altre sue fotografie:

stefano-tealdi-ballerina-04-terapixel.jpg

stefano-tealdi-ballerina-03-terapixel.jpg


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog