Magazine Cultura

Come sopravvivere a un mese senza internet

Creato il 29 giugno 2015 da Sommobuta @sommobuta
Come sopravvivere a un mese senza internetCome sopravvivere a un mese senza internet.
La risposta potrebbe essere: “Impossibile”, e potremmo concludere qui ques’articolo.
La verità è che “è difficile”, ma ce l’ho fatta.
Come?
Con molta pazienza.
Pensavo che qui in UK farsi mettere una linea internet fosse semplice. Cioè, in teoria “lo è”, ma come spesso accade, teoria e pratica sono due cose totalmente distinte e separate.
Pensavo: vado dal gestore “X”, quello ti dice: “Ok, vengo a casa tua il giorno Y a metterti tutto”, ed è fatta, invece il gestore ti fa sei miliardi di domande, vuole sapere se il padrone di casa è d’accordo, se può fare dei buchi nel muro, se è possibile avere una liberatoria, se può avere la concessione vattelapesca, se ha il permesso di installare cavi e fili, se, se, se…
Dù palle.
Manco in Italia.
E poi ci vogliono comunque 14/21 giorni.
Per la serie: tutto il mondo è paese.
Come sopravvivere a un mese senza internet
Va detto però che dopo l’attesa, i tecnici e gli ingegneri che sono venuti a casa hanno avuto una professionalità che non ho mai visto da nessuna parte. Soprattutto hanno risolto un problema logistico in quattro e quattrotto, che se fossimo stati in Italia probabilmente avrebbero detto: “Internet a casa vostra nun se po’ mettere, arrivederci e tanti saluti”.
È stato un mese lungo, compensato e mitigato da letture e riletture. Composto per lo più da agganci selvaggi a reti internet gratuite in giro per Londra. La cosa fastidiosa del non aver accesso a Internet è stata il non poter verificare in tempo reale delle informazioni per il saggio su Dragon Ball. E la stizza ha raggiunto livelli “Over 9000!” quando, recatomi in biblioteca per scroccare un po’ di web, anche la biblioteca, per diversi giorni di fila, ha avuto problemi con internet.
Come sopravvivere a un mese senza internet
In ogni caso, ora, FINALMENTE, è tutto ok.
Ho internet a casa.
Una bella fibrozza a 40 Mega in download e 10 in upload.
E siamo tutti contenti.
Posso ritornare ad aggiornare il blog, facebook, social network e youtube con la “solita” regolarità.
In molti mi hanno dato per “morto”; la verità è che, per causa di forze maggiori, mi sono preso una pausa.
Certo però che vedere l’archivio del 2015 de “Il Viagra della Mente” fermo a 31 articoli fa un po’ impressione. Non è stato proprio un anno felice. Anche se a livello di views, paradossalmente, hanno macinato più questi soli 31 articoli di tutti quelli dell’anno passato.
Impressionante.
Come sopravvivere a un mese senza internet
Cosa succede quindi da oggi, 29 giugno 2015?
Succede che fino a settembre il blog va in modalità “estiva”, con articoli lunedì-mercoledì-venerdì. Alle 14:00 ora italiana.
Da settembre si ritorna alla quotidianità articolaria.
Farò qualche video “scemo” su YouTube fino al finale di Dressrosa, così da pubblicare il video #totaletombale sulla saga, e annunciare “la fase 2” (di cui avevo già accennato). E ufficialmente, da settembre, inizierò coi video in inglese*.
Per quanto riguarda i saggi butici, il 17 luglio (salvo slittamenti dell’ultimo minuto – ma non credo) esce il saggio su Dragon Ball (lo annunceremo comunque settimana prossima in maniera ufficiale); a Natale uscirà il terzo saggio su One Piece (e sto valutando se fare o no un “qualcosa” per una eventuale edizione cartacea – ma anche qui, ne parleremo a tempo debito). E tra settembre/ottobre ho intenzione di far uscire un altro saggio fumettistico, la cui idea mi ha assalito e convinto definitivamente mentre scrivevo il saggio su Dragon Ball.
Ma anche di questo ne parleremo con calma quando sarà.
Come sopravvivere a un mese senza internet
Anyway, bentrovati.
Lo so che quest’anno ve l’ho già detto un paio di volte, ma evidentemente questo 2015 era destino che andasse così.
Ad ogni modo ci tengo a scrivere una cosa: “Il Viagra della Mente” potrà avere anche (fisiologiche) battute d’arresto. Ma fino a quando mi divertirà aggiornarlo, non chiuderà mai.
Però ora sono curioso: siete mai stati costretti a rimanere per causa di forze maggiori senza internet per un lungo periodo? Cosa facevate, nel frattempo?
------
*Sì, la cosa è slittata, ma certe cose è meglio prepararle per bene per non fare una brutta figura.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • sommobuta come Gesù Cristo

    sommobuta come Gesù Cristo

    Guardo la data dell’ultimo aggiornamento: 20 febbraio.Poi guardo la data sul desktop del mio pc: 30 marzo.In tutti questi anni Il Viagra della Mente non è mai... Leggere il seguito

    Da  Sommobuta
    CULTURA, DIARIO PERSONALE
  • Come una turista.

    Come turista.

    Mi piace girare per Milano come una turista, lasciandomi incantare dalle sue vie, dalle sue piazze, dai suoi monumenti come se non li conoscessi a memoria. Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA
  • Sono come tu mi vuoi!!

    Sono come vuoi!!

    La continua ricerca del sé attraverso gli occhi degli altri. Viviamo per cercare conferme attraverso persone diverse da noi e invece alcune volte dovremmo... Leggere il seguito

    Da  Claudia Stritof
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, LIFESTYLE
  • Come Togashi col mal di schiena

    Come Togashi schiena

    La verità è che vi devo delle scuse. Anche se in teoria non dovrei scusarmi di nulla. Dopotutto "questo" non è un lavoro, ma un hobby. Leggere il seguito

    Da  Sommobuta
    CULTURA, DIARIO PERSONALE
  • Come in gita.

    Come gita.

    E’ bello accompagnare gli ospiti della casa di riposo in chiesa per i riti della settimana santa perché, a vederli così sorridenti, sembrano proprio bambini in... Leggere il seguito

    Da  Scurapina
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SCUOLA
  • Cream Blush "Come to Town" by Essence

    Cream Blush "Come Town" Essence

    Buon pomeriggio e Buona Festa delle Donne a tutte voi!!!Oggi vi voglio parlare di un blush che faceva parte della collezione "Come To Town" della Essence. Leggere il seguito

    Da  Fiorellina84
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Fotografia come arte

    Fotografia come arte

    Autoritratti di Andy WarholNon è un errore dire che l'arte negli ultimi cinquant'anni può trovare nella fotografia una sintesi dei propri andamenti. Leggere il seguito

    Da  Artesplorando
    ARTE, CULTURA