Magazine Cultura

Come strutturare un racconto con sole 7 frasi

Creato il 05 settembre 2013 da Scrid
Posted on 5 settembre 2013 by Sonia Lombardo in corsi di scrittura, scrittura creativa | Leave a comment

Le sette frasi che seguono ti possono aiutare a iniziare a scrivere una storia, costruirla, scena per scena, dal suo culmine alla risoluzione, sfruttando delle frasi che ci sono molto familiari, fin dall’infanzia:

C’era una volta c’era ___. Ogni giorno, ___. Un giorno ___. A causa di ciò, ___. A causa di ciò, ___. Fino a quando finalmente ___

Da un’idea di Brian McDonald, autore di Invisible Ink: a Practical Guide to Building Stories that Resonate”

C’era una volta …

C'era una volta
Che si usino queste parole esatte o meno, questa apertura ci ricorda che la nostra prima responsabilità come narratori è quello di introdurre i nostri personaggi e struttura – vale a dire, di fissare la vicenda nel tempo e nello spazio. Istintivamente, il pubblico vuole sapere: di cosa tratta la storia? Dove sono e quando è successo tutto questo? Non è necessario fornire tutti i dettagli, ma è necessario fornire informazioni sufficienti, così il pubblico ha tutto ciò di cui ha bisogno per capire la storia.”

E ogni giorno …
Con i personaggi e l’impostazione stabilita, si può cominciare a dire al pubblico come è la vita di ogni giorno in questo mondo. Nel Mago di Oz, per esempio, con le scene di apertura si stabilisce che Dorothy si sente ignorata, non amata, e sogna un posto migliore “oltre l’arcobaleno.” Questo è il mondo di Dorothy in “equilibrio”, il che non implica che tutto vada bene, ma solo come stanno le cose.

Finché un giorno …
Accade qualcosa che getta il mondo del protagonista sottosopra, costringendolo a fare qualcosa, cambiare qualcosa, ottenere qualcosa per ripristinare il vecchio equilibrio o stabilirne uno nuovo. Nella struttura della storia, questo momento viene indicato come l’incidente scatenante ed è l’evento cardine che lancia la storia. Nel Mago di Oz è il tornado l’incidente che trasporterà Dorothy apparentemente lontano, molto lontano da casa.

E a causa di questo …

mago-di-oz
Il tuo personaggio principale (o il “protagonista”) inizia la ricerca del suo obiettivo. In termini strutturali, questo è l’inizio del 2° atto, il corpo principale della storia. Dopo essere letteralmente caduta nella terra di Oz, Dorothy vuole disperatamente tornare a casa, ma le viene detto che l’unica persona che la può aiutare vive lontano. Quindi, lei deve camminare a piedi per la Città di Smeraldo per incontrare un mago misterioso. Lungo il percorso incontrerà i diversi ostacoli, che rendono il racconto più interessante.

E a causa di questo …
Dorothy raggiunge il suo primo obiettivo – incontrare il Mago di Oz – ma questa non è la fine della sua storia. A causa di questo incontro ora ha un altro obiettivo: uccidere la strega cattiva dell’Ovest e consegnare il suo manico di scopa al Mago. Nei racconti brevi si può inserire solo un “a causa di questo”, ma almeno uno è sempre necessario.

Fino a quando finalmente …
Entriamo nel 3° atto e ci avviciniamo al momento della verità. Dorothy riesce nel suo compito e si presenta con la scopa della strega defunta al Mago, che così ora deve mantenere la sua promessa di aiutarla a ritornare in Kansas. Questo accade, ma non proprio nel modo in cui inizialmente ci si aspettava.

E da quel giorno …
Una volta che sappiamo che cosa è successo, le scene finali ci dicono ciò che la storia significa per il protagonista, per altri personaggi nella narrazione e (non ultimo) per il pubblico. Quando Dorothy si risveglia nel suo letto e si rende conto che non ha mai veramente lasciato il Kansas, impara la lezione: quello che cerchiamo è spesso già dentro di noi.

La prossima volta che ti trovi in ​​difficoltà durante la scrittura di una storia, provare a ripercorrere il racconto attraverso questi passaggi. Anche se i personaggi non stanno seguendo una strada di mattoni gialli, le sette frasi di cui sopra possono aiutare a capire dove stanno andando.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Come ti modifico l’ebook

    Come modifico l’ebook

    No, oggi non parliamo di editing, anche se ci si avvicina. Come ben sapete, da qualche tempo ho preso a frequentare assiduamente le varie pagine di Kickstarter. Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, SERIE TV
  • Come trovare la gioia?

    Come trovare gioia?

    Autore: La RedazioneGio, 29/08/2013 - 10:30 Per trovare gioia, energia e libertà è importante sviluppare la capacità di superare i sensi di colpa, la vergogna... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Parole parole parole: come? – 120

    Parole parole parole: come?

    le parole sono di tutti e invano si celano nei dizionari perché c’è sempre il marrano che dissotterra i tartufi più puzzolenti e più rari; le parole dopo... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Boardgame, come se piovesse!

    Boardgame, come piovesse!

    Ormai è assodato, sono stato contagiato dal morbo di Kickstarter. E come un buon appestato che si rispetti, devo obbedire al naturale richiamo di diffondere il... Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, SERIE TV
  • Parole parole parole: come? – 128

    Parole parole parole: come?

    Autore: La RedazioneMer, 05/06/2013 - 13:30 le parole sono di tutti e invano si celano nei dizionari perché c’è sempre il marrano che dissotterra i tartufi più... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Parole parole parole: come? – 124

    Parole parole parole: come?

    le parole sono di tutti e invano si celano nei dizionari perché c’è sempre il marrano che dissotterra i tartufi più puzzolenti e più rari; le parole dopo... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Parole parole parole: come? – 99

    Parole parole parole: come?

    le parole sono di tutti e invano si celano nei dizionari perché c’è sempre il marrano che dissotterra i tartufi più puzzolenti e più rari; le parole dopo... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI