Magazine Salute e Benessere

Come vincere con le parole grazie al Mental Coaching

Creato il 26 agosto 2010 da Ekis Sport Coaching @Ekis_srl

Mental coaching e concentrazione per lo sprintLa settimana scorsa Valentina ha trattato nel suo articolo un argomento di fondamentale importanza nel mental coaching e nelle prestazioni sportive: le domande che ti fai e, più in generale, ciò che dici a te stesso.

Oggi voglio approfondire ancora di più questa abilità e darti strumenti pratici per iniziare a comunicare con te stesso in modo utile!

Chissà se ti sei mai detto queste frasi: “cavolo (o altre parole di questo tipo…) non me ne va una giusta, oggi non é proprio giornata!”, “su questo campo gioco sempre male”, “e se adesso sbaglio?” etc. Per quanto riguarda la mia esperienza sportiva me le sono ripetute molte volte!

Agli sportivi che seguo come Mental Coach, pongo sempre questa domanda “cosa ti dici quando sei in quel momento?”. All’inizio sembrano stupiti dalla domanda ma poi iniziano a prendere coscienza di quello che si dicono e li ha inizio il lavoro.

Ricollegandomi allo splendido articolo di Roberto Merli, vorrei ampliare l’argomento del dialogo interno che ogni atleta inevitabilmente attiva durante una gara o una partita. Il dialogo interno non è altro che quella voce che sentiamo dentro di noi, una voce che ha il potere di influenzare i nostri stati d’animo e le nostre decisioni. Consciamente o inconsciamente ci diciamo qualcosa, sempre. Non sempre ne siamo consapevoli ma l’effetto che questo produce è tangibile.

La performance sportiva é fortemente condizionata dal dialogo interno.

Ci sono frasi che ci ripetiamo continuamente e questo avviene sia nello sport che nella vita di tutti i giorni.

Prova a immaginare se una persona ti ripetesse costantemente che quella particolare situazione é impossibile da affrontare. Che cosa accadrebbe? Inevitabilmente verresti condizionato da quelle parole. E più questa persona é importante per te, più hanno peso le sue parole. Vero? E quanto pensi siano importanti le tue parole per te stesso?

Ciò che ti dici diventa la tua realtà!

Anthony Robbins dice: “Ciò che pronunci costantemente con forte intensità emotiva, tu proverai, creerai, e diverrai. Le parole che pronunci con convinzione emotiva diventano la vita che vivi: il tuo paradiso oppure il tuo inferno.”

Mental coaching per la resistenza
Ti faccio un esempio che mi é capitato un po’ di tempo fa lavorando con un atleta, un maratoneta a livello mondiale. Dopo un infortunio lamentava di non riuscire più a svolgere con la stessa efficacia una parte della gara molto importante. Nonostante gli sforzi non riusciva a ottenere miglioramenti, anzi aveva iniziato ad odiare persino la parte di allenamento dedicata a quella fase di gara. Dopo un attento lavoro preliminare e molte domande, notai che c’erano alcune frasi che lui si ripeteva continuamente, erano frasi motivanti che utilizzava per caricarsi, ma da un certo momento in poi qualcosa cambiava e le sue parole diventavano: “..adesso proverò dolore, adesso arriva il dolore e non passerà più”. E secondo voi cosa succedeva dopo? Immancabilmente arrivava il dolore e tutta la sua attenzione era diretta lì, il gesto tecnico nella corsa perdeva di efficacia e anche la sua fisiologia cambiava. Questo gli faceva perdere molto tempo e terreno rispetto agli avversari e subito dopo la fine di quella fase si diceva “ecco tutte le volte è uguale, non mi passerà più, è sempre così”.

Fu incredibile come mutando la frase che si ripeteva, tramite il lavoro di Coaching, e spostando l’attenzione dal dolore al piacere della corsa, si generò un cambiamento generale nella sua mente e nel suo corpo con eccezionali risultati in gara.

E’ quindi possibile cambiare il nostro dialogo interno? Sì, è possibile! Il primo passo è prendere consapevolezza dei propri pensieri, ascoltare ciò che ci diciamo, senza negare e senza giudicare. Da qui parte il cammino verso il cambiamento, verso l’obiettivo di vedere il lato positivo della situazione presente e futura.

Non sarebbe un’ottima idea se potessimo decidere noi stessi cosa dirci, scegliendo parole potenzianti e stimolanti? Certamente lo è!

Ecco alcuni esempi di come si può cambiare il dialogo interno:

  • “Oggi non mi sento bene, ho paura di sbagliare, speriamo che i miei compagni non mi passino troppo spesso la palla” potrebbe diventare "ho la possibilità di dimostrare a me stesso e agli altri come reagisco nei momenti di difficoltà"
  • “Su questo campo gioco sempre male” diventa “Questo campo é un’ottima opportunità per dimostrare le mie potenzialità
  • “Mi sento gli occhi addosso” diventa “Oggi tutti potranno vedere quanto valgo

Ovviamente non basta dirsi: “Sono il Campione del Mondo” (soprattutto se non lo sei :-) ) perché tutto si trasformi magicamente (altrimenti il lavoro del mental coach sarebbe molto semplice), ma sicuramente un primo passo che puoi fare è prendere coscienza di quello che ti dici e modificarlo in qualcosa di “positivo”.

Mental coaching e dialogo interno
Attenzione, però, perché così come i muscoli vanno mantenuti in forma, così devi fare con il tuo dialogo interno; devi fare in modo che sia addestrato a fare il tifo per te, a supportarti e a metterti in condizione di ottenere il meglio da te stesso.

E’ un circolo virtuoso: prendi consapevolezza del tuo dialogo interno, modificalo a tuo piacimento, nel modo che ritieni più funzionale per te e crea nuove abitudini di pensiero!  Così facendo (insieme ad un lavoro di mental training personalizzato) potrai creare un nuovo livello di performance nello sport… e anche nella tua vita.

A presto e buon lavoro!

Luca Taverna
Di Luca Taverna


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog