Magazine Cultura

Comunicato sindacale delle Fondazioni Liriche

Creato il 14 dicembre 2015 da Nonzittitelarte

Comunicato sindacale delle Fondazioni Liriche

Roma, 14 dicembre 2015

COMUNICATO FONDAZIONI LIRICO SINFONICHE

 Le Segreterie Nazionali giudicano positivamente i provvedimenti intervenuti in merito al settore delle Fondazioni Lirico Sinfoniche. Tali provvedimenti sono il frutto di un grande lavoro politico e istituzionale di pressione costante da noi esercitata, congiuntamente all’associazione datoriale, nei confronti delle forze politico‐parlamentari, del Ministero e conseguentemente del Governo e di una nostra regia mirata nei ricorsi concernenti l’art. 40 del “Decreto del Fare”.

L’emendamento inserito dal Governo stesso nella legge di stabilità coglie pienamente le nostre impostazioni di spostare di due anni il termine per il raggiungimento dell’equilibrio strutturale di bilancio per le otto Fondazioni in sofferenza così come definite nella Legge “Valore Cultura” (dal 2016 al 2018).

Positivo il fatto che per le rimanenti Fondazioni sia stato stanziato un incremento di 10 milioni di euro per il 2016 “da dotazione del Fondo di Rotazione” per ovviare in parte alla crisi di liquidità dovuta ai ritardi e alle mancate erogazioni in capo alle Regioni e ai Comuni e alla cronica latitanza del sostegno alle Fondazioni dei soci privati fin dalla loro istituzione.

Nei prossimi giorni proseguiranno, come riferito dal Direttore Generale dello Spettacolo dal Vivo Dott. Onofrio Cutaia nella riunione dello scorso 10 dicembre, gli incontri con i dirigenti di Cassa Depositi e Prestiti e ABI per verificare quali ulteriori finanziamenti possono essere reperiti per mettere compiutamente in equilibrio questi prestigiosi centri di produzione culturale.

Sempre nel corso del sopra richiamato incontro con il Dott. Cutaia, è stata altresì espressa la disponibilità del MIBACT ad aprire specifici tavoli di confronto sulle singole Fondazioni Lirico Sinfoniche secondo le priorità emerse e la gravità delle problematiche che ne potessero condizionare le attività.

Appare infine di straordinaria importanza il recentissimo pronunciamento della Corte Costituzionale che, con Sentenza 260/2015, Camera di Consiglio del 10/06/2015, Decisione del 01/12/2015, Deposito del 11/12/2015, che ha reso giustizia rispetto all’art. 40 del “Decreto del Fare” che inibiva per le sole Fondazioni Lirico Sinfoniche (di diritto privato) la possibilità di trasformazione dei rapporti di lavoro, per gli aventi diritto, da tempo determinato a tempo indeterminato, operazione del tutto impropria guidata dalla passata Dirigenza del MIBACT e da noi sempre giudicata del tutto incostituzionale.

Ci sembra di poter dire che si sta “girando pagina” e si prospetta un impegno serio e di valenza necessaria delle parti istituzionali e politiche interessate nel misurarsi sulla tenuta del futuro dell’Arte e della Cultura Musicale che in gran parte proprio dalle Fondazioni Lirico Sinfoniche è rappresentato.

Il tema sarà affrontato compiutamente in un prossimo coordinamento nazionale unitario.

. LE SEGRETERIE NAZIONALI SLC‐CGIL  FISTEL‐CISL  UILCOM‐UIL  FIALS‐CISAL

condividi con Facebook
Condividi su Facebook.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :