Magazine Attualità

Con gli emigrati indiani sul Riyadh-Mumbai

Creato il 13 gennaio 2010 da Mariagraziacoggiola
Per via di ritardi, coincidenze perse e sfighe varie, mi sono trovata per caso a Riyadh in attesa di un Air India diretto a Mumbai. A differenza degli altri aeroporti del Golfo, quello di Riyadh é semplice e sobrio come una moschea. Da fuori somiglia a un accampamento beduino. Non c'é traccia della ricchezza saudita, anzi l'unica lounge dove mi sono intrufolata per fare internet era decisamente deprimente. Alcuni dei computer non funzionavano e uno sceicco, seduto al mio fianco, si é pure lamentato dicendo ad alta voce che "persino in Bangladesh ci sono lounge migliori". Il volo per Mumbai, un Air India, era in ritardo di alcune ore, ma sul cartellone delle partenze non compariva nemmeno. L'ho individuato per l'assembramento di giovani emigrati indiani davanti all'imbarco con le valige di cartone. Si sa l'economia dei paesi del Golfo dipende dalla manodopera di centinaia di migliaia di asiatici. Evidentemente con quel volo stavano tornando a casa, molti nel nord tra Uttar Pradesh e Bihar, dove c'é piú povertá. A Riyadh non ci passano turisti e meno che mai diretti a Mumbai su un volo della compagnia di bandiera indiana. la mia presenza quindi ha incuriosito. C'erano solo altre due o tre donne, indiane, che viaggiavano insieme. E' stato un viaggio divertente. Era la prima volta che viaggiavo con “emigranti” indiani, quelli poveri e analfabeti, non gli ingegneri della Silicon Valley californiana. Per caso stavo poi leggendo il saggio di Vittorio Zucconi, Il caratteraccio, dove mette a nudo gli Italiani e l'Italianitá, ripercorrendo la storia recente. Non é passato poi tanto tempo quando i 'terroni" (per i lombardi) o i "Napuli" (per i piemontesi) arrivavano con il treno dal Mezzogiorno d’Italia con le valigie piene di olio di oliva e salumi. La stessa famiglia di Zucconi, emigrata a Milano dalla "lontana" Modena, si portava perfino la farina per fare i tortelli.
Il fatto che fossi da sola ha subito fatto scattare un allarme tra le hostess che mi hanno assegnato un posto vicino al finestrino in una fila a tre, vuota. Un malcapitato che doveva sedersi al mio fianco é stato immediatamente spostato, senza fiatare, in un altro posto. Nemmeno avessi la rogna. Mi ricordava il Pakistan quando nessun uomo osava sedersi vicino a me nei bus. Le hostess erano visibilmente irritate. Davano ordini come delle kapó naziste. Quando abbiamo lasciato lo spazio aereo saudita (dove vige il divieto di servire l'alcol) hanno portato la cena. Ho preso dei vino bianco (francese). Poi é iniziata una strana questua. Un passeggero mi ha dato il suo passaporto e mi chiesto a gesti di compilare la sua carta dell'immigrazione che era in Inglese, nome, cognome, residenza, numero del volo, eccetera. Quasi tutti erano mussulmani. Poi facevo una crocetta dove c'era da firmare. Per il resto del viaggio sono stata impegnata a compilare le schede e farle firmare. Mi sono guadagnata la gratitudine di mezzo aereo. All'arrivo a Mumbai molti di loro sono scesi con la coperta della compagnia aerea avvolta intorno alla testa, come fanno a Delhi la notte quando fa molto freddo. Una hostess, indiana, con la carnagione molto chiara, ha tentato di protestare. Uno di loro se l'é levata e lei l'ha raccolta con due dita con una smorfia di vero disgusto dipinta in viso.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Scappo : attenzione con chi !

    Scappo attenzione

    Sulla Repubblica di oggi trovate un interessante quanto sponsorizzato articolo su coloro che scelgono di andarsene in pensione tra i 40 ed i 45 anni . Ho toccat... Leggere il seguito

    Da  Ottoaprile
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Dante si è fermato a a Mumbai

    Mi piacerebbe veramente sapere quanti sono a conoscenza che a Mumbai esiste un manoscritto della Divina Commedia. Pare che al mondo esistano solo due copie... Leggere il seguito

    Da  Mariagraziacoggiola
    CULTURA, ITALIANI NEL MONDO, LIBRI
  • Io sto con Balotelli

    Balotelli

    Controcorrente. Una voce fuori dal coro sul 'caso' Balotelli. La mia. Giornalista, anche di cose di sport, ma prima di tutto mamma... adottiva. Io sto con... Leggere il seguito

    Da  Mariellacaruso
    CALCIO, SOCIETÀ, SPORT
  • Ditelo con i fiori

    Ditelo fiori

    Rosa rossa= Amore Violetta= Timidezza    Anemone= Assegni Leggere il seguito

    Da  Vidi
    SOCIETÀ
  • Donne con le gonne

    Donne gonne

    Lucy è così una donna con la gonna… un animo libero e indipendente, che dagli uomini non si fa metter la gavezza….Lucy, la mia amica del liceo, è venuta a... Leggere il seguito

    Da  Bussola
    PER LEI, VIAGGI
  • Plagio con Luttazzi

    Plagio Luttazzi

    Qualche anno fa, quando ancora in Rai a fare ridere erano i comici e non i giornalisti, mi piaceva guardare i pezzi di Luttazzi. Leggere il seguito

    Da  Sogniebisogni
    SOCIETÀ
  • Crociera con Msc Lirica

    Crociera Lirica

    Pubblico volentieri il resoconto della crociera con Msc Lirica effettuata da "Sfat" con partenza da Salerno. Lo ringrazio anche per le foto che mi ha spedito, m... Leggere il seguito

    Da  7325
    VIAGGI