Magazine Diario personale

Cosa non mi piace di torino

Creato il 05 febbraio 2015 da Esaiae
COSANON MI PIACE DI TORINO
Non mi piace proprio per nulla come è stato restaurato il LINGOTTO. Era il LINGOTTO, un fabbrica monimento eccezionale molto ammirata in tutto il mondo anche da Le Corbusier ed ora svuotata dalla sua anima non è più nulla.COSA NON MI PIACE DI TORINO

La trasformazione l'ha rilevato come monumento di ferro e cemento nella sua bellezza plastica, nella sua enormità, nella sua aura e anima che ancora la vivificava, abitato dai fantasmi degli operai, degli ingegneri, dalle macchine che le davano vita e l'ha reso sterile agglomerato, ancora bello, ma senza più anima. Non più la vecchia non una nuova.

L'archistar  Piano, i potentati politici e no, della Torino turistica sono stati solo dei becchini e ora i Torinesi sono senza il loro monumento, la loro gloria, la loro anima industriale.
Doveva essere il simbolo della rinascita, il monumento alla Torino operaia e industriale, riassumere tutti i successi  della fabbrica e non dico di quella fabbrica, ma di tutte le fabbriche del Piemonte industriale. Un piemonte industriale da cui sono uscite la cinquecento,le fiat, le lancia, le presse le grandiose macchine per la stampa, i satelliti, le grandi motori, gli autobus, i primi film italiani, la RAI, la Sip, i cavi e i pneumatici della Ceat, Bamche come la Cassa di risparmio e il San Paolo, La RIV, LA SNIA VISCOSA,

Tutti questi operai, impiegati ingegneri meritavano una torre a testimoniare il loro intelligente e faticoso lavoro una torre che accompagnasse la fantastica e allora avveniristica fabbrica con una grandiosa ciminiera come una grande cattedrale è accompagnata da un grande campanile, come il campanile di Giotto accompagna il Duomo di Firenze,

Con bar ristoranti, esposizioni, appartamenti, uffici
COSA NON MI PIACE DI TORINO


multicolore per costruzione per pubblicità e insegne mastodontiche come quelle dell'Empire State Building di New York eletta a patrimonio dell'umanità. Ma per favore fatela costruire e gestire da un privato

e sui fianchi una piccola tribuna per 100 - 150 posti per assistere alla gare di mini macchine elettriche, di tutti i tipi. Macchine, tante macchine di serie o convertite o costruite purchè elettriche e in grado di essere guidate da giovani e meno giovani. Macchine che corrono, che gareggiano, che ridanno quella vitalità che il Lingotto aveva prima quando pulsava di vita e lavorano, quando i torni giravano, le frese fresavano, le officine lavorano. 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :