Magazine Viaggi

Cosa vedere in tre giorni a Budapest

Creato il 06 febbraio 2012 da Tipolosco

Gennaio 2012 inizia il mo viaggio nella capitale ungherese, una città che tutti mi avevano descritto elegante e ricca di storia, la Parigi dell’Europa centrale e di cui effettivamente me ne sono innamorata.

Il fascino di Budapest nasce dal suo essere punto d’incontro tra l’est e l’ovest d’Europa, tra i ricordi imperiali e le tendenze moderne. È attraversata dal Danubio che la divide in due, la parte più grande e pianeggiante sulla riva sinistra denominata Pest e la zona collinare sulla sponda destra dove si trovano Buda e Obuda.

Ponte delle catene

Il mio budget era limitato per cui ho organizzato volo, hotel e visita della città all’insegna del risparmio. Innanzitutto il primo passo per risparmiare è stato acquistare il pacchetto completo volo + hotel su lastminute.com al costo di 200 euro che comprendeva volo andata/ritorno Roma-Budapest, soggiorno con colazione a buffet per tre notti all’ Hotel Touring. Da mettere in conto anche il costo del Bus dall’Aeroporto di Budapest al centro della città andata/ritorno di soli due euro. Un hotel a 2 stelle che ho preferito anche per la sua posizione nel nord di Buda, vicino alla parte storica della città, a 300 metri dalla riva del Danubio sulla zona verde e quindi dall’omonima valle dove ho potuto godere di un’atmosfera di pace e benessere. Prenotando un hotel con colazione ho risparmiato uno se non due pasti al giorno ed è stata un’ottima scelta.

La visita turistica della città è stata intensa ma senza dubbio low cost. Monumenti, piazze, magnifici palazzi e terme sono ciò che Budapest mi ha offerto in soli tre giorni e tanti sono i ricordi che ora custodisco.

Buda

Il primo giorno l’ho dedicato a Buda, ho preso la funicolare, detta il Sikló, che da Clark Adam Ter porta a Piazza Szent Gyorgy sulla Collina del Castello di Buda, castello medievale dichiarato patrimonio mondiale dell’Unesco, tra le cui mura si trovano vicoletti e piazze e all’interno si ammirano musei e negozi. Il costo della visita è di 4 euro.
Da Piazza Szent Gyorgy ho poi visitato il Palazzo Reale oggi sede di musei ed istituzioni culturali a 3,50 euro, e passeggiando attorno al castello ho potuto vedere la cupola, la fontana di Matyas, la porta dei leoni e la Galleria Nazionale Ungherese che ospita una ricca collezione di arte ungherese.

Parlamento di Budapest

Il secondo giorno, invece, mi sono messa alla scoperta di Pest, la parte moderna della capitale ungherese, dove consiglio di partire da Kossuth ter e visitare il Parlamento (per i cittadini Ue il biglietto è gratuito), il monumento Imre Nagy, piazza Roosvelt dove si trovano l’Accademia Ungherese delle scienze, il palazzo Gresham l’imbocco del Ponte delle catene, il primo ponte permanente sul Danubio.
Le visite ai monumenti sono sempre economiche ma il mio consiglio è di acquistare la Budapest card di 24 euro con la quale si ha diritto alla libera circolazione sui mezzi di trasporto pubblico, sconti per visite della città, bagni termali, musei, ristoranti e negozi per 4 giorni.

Infine il terzo giorno sono due le cose che assolutamente non si possono perdere: la gita sul battello perché vedere Budapest dall’acqua è uno spettacolo unico e una giornata in uno dei famosi stabilimenti termali della città, l’unica capitale europea con le terme. Io ho scelto i Bagni Gellbert tra i migliori della città che funzionano sia come bagni termali che come piscina ed ho speso 14 euro

Per quanto riguarda i ristoranti il budget non è un problema, perché sono tutti molto economici il menù fisso sui 16 euro, solo un primo piatto o solo gli antipasti circa 4 euro.

Simona di Vacanze economiche.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I paesini del Tour de France 2015

    paesini Tour France 2015

    Si terrà quest'anno la 102ª edizione del Tour de France. Quest'anno il tour comincerà il 4 luglio ad Utrecht, nei Paesi Bassi, e finirà il 26 luglio, come ogni... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI
  • Quando da Torino l'Angelo chiamerà Le Penseur...

    Quando Torino l'Angelo chiamerà Penseur...

    A Torino manca qualcosa.A Torino, città dalla magia enigmatica ed intessuta di reticoli in chiaroscuro di leggende, metà di luce e metà di ombra (oppure di... Leggere il seguito

    Da  Il Viaggiatore Ignorante
    VIAGGI
  • #unviaggiovintage: un ricordo speciale

    #unviaggiovintage: ricordo speciale

    E' arrivato il mio turno di raccontarvi #unviaggiovintage. Scavo in profondità è torno al 1997, il mio primo viaggio fuori dall'Italia, 4 giorni a Parigi e... Leggere il seguito

    Da  Elena Zappi
    VIAGGI
  • Gli organetti di Barberia

    organetti Barberia

    Un organetto di Barberia sulla Place d’Aligre I bambini parigini crescono spesso in piccoli appartamenti che non offrono molte opportunità di svago e non... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • I saldi estivi a Parigi

    saldi estivi Parigi

    I saldi estivi a Parigi Gli attesissimi saldi estivi sono cominciati lo scorso mercoledi e dureranno fino al 4 agosto 2015. Ogni anno l’inizio dei saldi... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Taxi parisien vs Uber

    Taxi parisien Uber

    La manifestazione dei tassisti parigini contro gli autisti di UberPop e VTC (voiture de tourisme avec chauffeur) che si è svolta ieri ha trasformato la... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI

Dossier Paperblog

Magazine