Magazine Cinema

Country Boy

Da Cannibal Kid
Country BoyIl ragazzo di campagna(Italia 1984)Regia: Pipolo, Franco CastellanoCast: Renato Pozzetto, Donna Osterbuhr, Massimo Boldi, Enzo Cannavale, Clara Colosimo, Enzo Garinei, Sandra Ambrosini, Massimo SeratoGenere: campagna vs. cittàSe ti piace guarda anche: Infelici e contenti, Da grande, 7 chili in 7 giorni
Artemio: “Mamma, è una brava ragazza, è diplomata!”Madre di Artemio: “Allora l'è un putanun!”
Country BoyIl ragazzo di campagna è uno dei grandi capolavori non riconosciuti del Cinema Italiano. Forse perché a tutti gli effetti non è affatto un capolavoro, ma anzi è un film pieno di difetti e ingenuità. Allo stesso tempo è però proprio la sua genuinità a renderlo irresistibile e divertentissimo, con una serie di battute memorabili sparate a raffica soprattutto nella prima parte, giocata tutta su una fotografia impietosa quanto comica del mondo contadino. Quando lo sguardo ironico del film si sposta però sulla città, sulla gran Milàn, capiamo però che la campagna, pur con tutti i suoi difetti, non era poi così male, con i suoi ritmi diversi, lenti, in cui si può ancora avere il tempo per godersi le piccole cose. Un moralismo facile e prevedibile, che però per fortuna viene fatto dimenticare da un umorismo politically scorrect così anni ’80, rimpianto vedendo alcune anemiche commedie nostrane degli ultimi tempi.
Country BoyArtemio: “Self made man!”Madre: “Cosa vuol dire?”Artemio: “Che mi faccio da solo.”Madre: “Non devi mica farti da solo, ti fa male, poi ti vengono le occhiaie…”
Il ragazzo di campagna è una commedia all’italiana riuscita non solo perché riesce nell’intento di far ridere, a tratti parecchio, ma anche perché riesce a scherzare su tic e manie dell’Italia dell’epoca, così come faceva Fantozzi o come oggi riescono a fare I soliti idioti e, sebbene solo in piccola parte, film come Benvenuti al Sud o Che bella giornata, mentre non riesce assolutamente ai troppo stereotipati cinepanettoni, incapaci di dare una fotografia reale del paese.Che poi l’Italia anni Ottanta della Milano dei nuovi yuppie non è poi così lontana da quella attuale. Merito del film che era avanti per l’epoca? Questo no, è solo che l’Italia è una nazione basata sull’immobilismo e da 30 anni a questa parte non è cambiata molto.
Country BoySeverino Cicerchia lo scoreggione: “Sì rubo, rubo... Ma a chi rubo? A chi c'ha qualcosa! A chi non c'ha niente, non ci rubo niente!”
Nello stato di grazia (o quasi) in cui veleggia la pellicola, persino Massimo Boldi ci fa una bella figura, ritagliandosi lo spassoso ruolo di Severino Cicerchia detto lo scoreggione, il cugggino di città di Artemio che lo aiuta a sistemarsi e gli dà il primo lavoro: rubare le borsette in motorino, un’attività criminale troooooooooppo anni ottanta!In questa particolare circostanza, Artemio comunque fa la conoscenza della donna dei suoi sogni, o almeno così sembra. La tipa si rivelerà essere la tipica donna in carriera anni ’80, con un fisico alla Kelly LeBrock e ambizioni alla Melanie Griffith in Una donna in carriera, una maniaca del lavoro che si concede un’unica pausa la domenica per seguire la sua squadra del cuore: la Juve di Platini, naturalmente! E quella sì che era una Juve per cui valeva ancora la pena fare il tifo, taaac!
Country BoyArtemio: “Ho interessanti prospettive per il futuro”
All’inizio Artemio (un perfetto imbambolato Renato Pozzetto) ci viene presentato come una sorta di bamboccione ante litteram: a 40 anni vive ancora con la madre e svolge un’attività in famiglia. E così decide di fare il grande salto nella grande città, dove però si troverà a dover fare i conti con la difficoltà di trovare un lavoro e pagare un affitto che a Milano, ieri come oggi, è qualcosa di allucinante. Anche se siamo nell’economia in espansione degli esplosivi 80s, Artemio si trova così a dover fare i conti con le difficoltà dei ggiovani d’oggi, affrontando la tematica lavorativa in maniera sì comica, ma comunque più efficace di molte pellicole italiane nell’oggi di un un periodo di crisi economica.Capolavoro non riconosciuto del Cinema Italiano, or dunque? No, direi proprio di no, anche perché la regia firmata da Castellano & Pipolo è davvero poca cosa. D’altra parte Pipolo era pur sempre il padre di un certo Federico Moccia… E non potete nemmeno maledirlo per questo, visto che è venuto a mancare nel 2006.Nonostante i suoi limiti, rimane una visione da cui avrebbero alcune cosette da imparare gli sceneggiatoroni delle poco divertenti commedie nostrane.E adesso tutti a pranzo…
Artemio: “Ma è possibile che tutte le volte che muore un gatto tu mi cucini il coniglio?!?”(voto 7/10)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Speedy "Boy Wonder"

    Speedy "Boy Wonder"

    A richiesta rispondo presente! E poi con una richiesta così, come si fa a rimanere insensibili?I cari vecchi Speedy, con un singolo freschissimo!!! Uno degli... Leggere il seguito

    Da  Martelloide
    CULTURA, MUSICA
  • Country stronzata

    Country stronzata

    Country Strong(USA 2010)Regia: Shana FesteCast: Gwyneth Paltrow, Garreth Hedlund, Leighton Meester, Tim McGrawGenere: country-popSe ti piace guarda anche: Quand... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Inflated Country

    Inflated Country

    Not a new ad, but new to me. I don't really get it. Artificially inflated dick trumps inflated title? Copyranter si domanda cosa possa significare tale... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • [Track 117] Beautiful boy (Darling boy) – John Lennon

    [Track 117] Beautiful (Darling boy) John Lennon

    Oggi John Lennon avrebbe compiuto 71 anni. Le cronache raccontano che nacque durante uno dei più pesanti bombardamenti tedeschi su Liverpool. Leggere il seguito

    Da  Mrmontag
    CULTURA, MUSICA
  • Old Boy

    "Ridi, e il mondo riderà con te.Piangi, e piangerai da solo"Splendido, senza mezzi termini è un capolavoro violento e poetico allo stesso modo. Leggere il seguito

    Da  Lorant88
    CINEMA
  • [Recensione] Boy meets boy – David Levithan

    [Recensione] meets David Levithan

    Titolo: Boy meets boy Autore: David Levithan Editore: Fabbri ISBN: 9788845142093 Num. Pagine: 262 Prezzo: 14.00€ Voto: Trama: Amore, amicizie e contrasti in un... Leggere il seguito

    Da  Queenseptienna
    CULTURA, LIBRI