Magazine Cucina

Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)

Da Andantecongusto @Andantecongusto
Sesta Sinfonia "Pastorale" - L. V. Beethoven
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Ritorno a parlare di olio extravergine.
Chi mi segue, conosce il mio amore per questo importante prodotto, fondamentale per la nostra cucina ancorché salute.
Nel mio piccolo mi sento una paladina del suo uso corretto, della sua conoscenza e soprattutto della sua valorizzazione perché tanto c'è ancora da dire sull'olio extravergine.
L'occasione questa volta me l'ha fornita la visita a due splendide aziende olivicole della mia regione, appartenenti al Consorzio Laudemio: il castello di Nipozzano e la Tenuta Santa Tea.
Il Laudemio Blog Tour mi ha infatti permesso, in compagnia di care amiche blogger, di ritornare in un'area della provincia di Firenze che amo molto, il Chianti Rufina, che si estende a pochi chilometri a sud di Firenze, dietro ai borghi di Pontassieve, Reggello e tra le innumerevoli pievi e castelli che si trovano aggrappolate a queste stupende colline.
Tempo di raccolta, ma l'autunno si sa, riserva sorprese e nel suo lento scorrere, le giornate spesso si svegliano coperte da un velo di bruma. La nebbia ed il maltempo non ci hanno però impedito di meravigliarci di fronte alla bellezza di questi luoghi, che a metà del giorno, hanno fatto capolino dietro un raggio di sole.
Il nostro primo ospite, di cui parlerò in questo post, è stato il Castello di Nipozzano, storica magione dei Marchesi de' Frescobaldi, la cui storia è direttamente allacciata alla storia di Firenze fin dal medioevo.
Banchieri, esploratori, poeti, musicisti, commercianti ma soprattutto uomini legati alle proprie terre ed ai frutti da esse ricavati, la famiglia de' Frescobaldi  è oggi un nome che in Italia e nel mondo, significa "vino".
Ma non un semplice vino qualsiasi: qui si parla di eccellenze, di premi, di vini sempre al top nelle classifiche dei migliori. Un nome per tutti: Pomino.
Eppure su queste terre aride (Nipozzano significa appunto senza pozzo), l'uomo è riuscito a vincere la sua battaglia impiantando vigneti generosi che hanno cambiato in meglio la silhouette del paesaggio. Più tardi sono comparsi gli olivi ed anche in questo la maestria dei Marchesi è riuscita ad ottenere un prodotto di pregio e grande rispetto.
Gli oliveti che crescono e coronano le tenute di Nipozzano, Pomino, Castiglioni, Valiano e Poggio a Remole, contribuiscono a dare vita al Laudemio de' Frescobaldi.
Quest'olio dall'incredibile verde tendente allo smeraldo, che a me viene da definire Verde Laudemio, è prodotto principalmente da cultivar Frantoio.
Molto fruttato, ha un sapore morbido, rotondo, in cui l'amaro ed il piccante sono armonizzati con grazia ma persistenti all'assaggio.
Per ottenere il Laudemio, vengono frante solo olive che crescono tra i 200 e 500 metri di altezza, con raccolta precoce.
Bisogna anche dire che gli olivi Frescobaldi sono relativamente giovani perché la gelata del 1985 ha praticamente distrutto gran parte degli oliveti, ma la famiglia Frescobaldi non ha perso il coraggio ed il reimpianto ha sicuramente dato nuovi stimoli alla produzione.
Vi lascio qui di seguito una ricetta facile e veloce su cui ho voluto provare quest'olio speciale e che in questi giorni gelati, è come una carezza di conforto.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Ingredienti per 4 persone
200 g di verza tagliata a julienne
300 g di finocchio
1 patata media
1 piccola cipolla
mezzo bicchiere di latte
2 fette di pane toscano
olio extravergine Laudemio
Acqua qb
sale qb - pepe nero macinato fresco
Pulite e tagliate la verza a julienne.
Pulite e tagliate il finocchio a fettine.
Pelate la patata e tagliatela a dadini.
Pulite e tritate la cipolla e fatela rosolare in 2 cucchiai di olio extravergine a fuoco dolce in una casseruola capiente. Aggiungete le verdure e fatele insaporire nella cipolla quindi coprite le verdure a filo con acqua fredda e fate cuocere fino a che le verdure non saranno morbide (c.ca 15/20 minuti). Salate.
Aggiungete il latte alle verdure quindi con un mixer a immersione, frullate fino ad ottenere un composto vellutato. Tenete da parte al caldo.
Riducete le fette di pane in dadini e tostatele su una padella antiaderente, quindi versate la cremosa nei piatti di portata, aggiungete i crostini, alcuni ciuffi delle barbe del finocchio e rifinite con una macinata di pepe nero ed un abbondante giro di Laudemio.
NB - omettendo i crostini di pane, questa è una ricetta completamente gluten free.
Termino questo post con una carrellata di immagini che racconteranno meglio di me, quanto speciale sia stata questa giornata.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Nipozzano è apparso dalla nebbia come un castello fantasma.
La delusione di non poter ammirare la valle da cui sovrasta è durata un attimo, perché l'atmosfera era così intensamente magica da lasciarci senza parole.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Lo sparuto gruppo di blogger coraggiose, si è addentrato sotto la pioggia attraverso un paesaggio silenzioso e mistico. Nell'aria l'odore della campagna bagnata era intenso e commovente.
Abbiamo osservato uomini impavidi affrontare il freddo e continuare a ripetere gli stessi gesti di migliaia prima di loro, in un rito antico e pure moderno.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)La visita all'orciaia con terrecotte centenarie ci lascia a bocca aperta ma di fronte al primo olio affiorare dalla centrifuga, i nostri occhi sono tutti per lui, quel filo di perfezione verde dorata.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Ma l'olio nuovo va assolutamente assaggiato su piatti degni ed in grado di valorizzarlo.
Ovviamente secondo tradizione toscana.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Semplicità, sapori antichi e mano gentile nelle preparazioni.
Merito delle presenze femminili in cucina che hanno saputo conquistarci.
Il Laudemio è stato il protagonista su una stupenda zuppa di orzo e porri e su una magistrale tagliata.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Dopo il pranzo, all'uscita ci ha sorpreso il sole, inaspettato e giocoso.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Il Chianti in tutta la sua bellezza ammirato dalla torretta sulle terre del vino.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Abbiamo chiuso in bellezza entrando nel tempio del vino di Nipozzano, la barriccaia.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)Vi parlerò ancora di questa giornata in un prossimo post tutto dedicato all'Azienda di Santa Tea e ad una ricetta da lei ispirata.
Cremosa bianca e Verde Laudemio. L'incredibile colore dell'eccellenza (parte prima)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Contorni: Patate in verde

    Contorni: Patate verde

    Contorni Patate in verde Si presentano da sole! Le ho sempre adorate ed erano uno dei miei contorni preferiti quando ero piccola insieme al purè di patate e... Leggere il seguito

    Da  Lyla
    CUCINA, RICETTE
  • Milanesi al verde

    Milanesi verde

    INGREDIENTI 4 fette di coscia di vitello da 100gr. ognuna 2 uova 2 pizzichi di sale 1 cucchiaio di prezzemolo tritato 1 cucchiaio di basilico tritato 50gr. Leggere il seguito

    Da  Molossina
    CUCINA, RICETTE
  • Acciughe al verde

    Acciughe verde

    Le acciughe al verde sono un tipico antipasto Piemontese, fresche e saporite, sono una vera leccornia per tutti gli amanti delle buone acciughe. Leggere il seguito

    Da  Claudiademitri
    CUCINA, RICETTE
  • Palamita e orata al verde

    Palamita orata verde

    Autore: Gaia | Categoria: Secondi di pesce, Secondi Piatti, Ultimi Post Tag: orata al verde, palamita al verde, ricette al pesce, ricette con palamita, ricette... Leggere il seguito

    Da  Giulioplay
    CUCINA, RICETTE
  • Zuppa cremosa al pomodoro con schiacciata al basilico

    Zuppa cremosa pomodoro schiacciata basilico

    In questi giorni a Milano, la temperatura si è notevolmente abbassata e per la sera, con questo freschino, mi è già venuta voglia di qualcosa di caldo.. Leggere il seguito

    Da  Cami
    CUCINA, RICETTE
  • Insalata cremosa di tacchino

    Insalata cremosa tacchino

    Ingredienti 250 g di lattuga 300 g di fesa di tacchino mezzo bicchiere di latte 90 g di formaggio spalmabile leggero semi di papavero sale olio Guarda altre... Leggere il seguito

    Da  Giulioplay
    CUCINA, RICETTE
  • GIRELLO con salsa VERDE

    GIRELLO salsa VERDE

    Ingredienti per 2 persone Per la carne : 300 gr. girello - un pezzetto di carota e uno di sedano - gambi di prezzemolo - una spruzzata di vino bianco - 1 fettin... Leggere il seguito

    Da  Mondoincucina
    CUCINA, RICETTE