Magazine Religione

Cristoteche: quando il divertimento diventa blasfemo

Creato il 31 ottobre 2013 da Moveup


cristoteche

Dal Brasile arriva una nuova moda: le cristoteche

Musica house, hip hop, techno, gospel remixata da un prete in console che si fa chiamare “dj Zeton” e le parole del vangelo che scorrono in un maxischermo: questo è quello che avviene nelle cristoteche.

Proprio così, questa è la nuova moda già in voga a Rio de Janeiro e che sbarca in Italia, per essere precisi a Marsala in Sicilia. In Brasile, da ben 10 anni, le cristoteche stanno attirando, attraverso la musica, molti giovani che sono incuriositi da queste serate a tema, intervallate da raffigurazioni New age di Gesù e dalla proiezione dei versi del vangelo in un maxischermo. E’ con il motto «God’s party – divertimento allo stato “puro”- perché Dio fa festa per 1 solo peccatore convertito, più che per 99 giusti!», che le cristocteche sono sbarcate sulla spiaggia di Marsala lo scorso 14 agosto, al Tiburon beach.  Ovviamente durante questo tipo di serate è vietato sia il fumo, l’alcool che la droga !Tra gli organizzatori di queste serate di “puro” divertimento ci sono i rappresentanti del Rinnovamento nello Spirito Santo che hanno affermato che ’idea delle cristoteche è un modo efficace di avvicinare i giovani alla fede cattolica. E pur avendo le stesse caratteristiche di una serata in discoteca, in questa non è permesso fumare né consumare alcolici, solo bevande a base di frutta.

Ovviamente, ci si sarebbe aspettato un no da parte del Vaticano, dato il carattere un tantino blasfemo delle serate, che invece sembra avere dato l’ok.

Ad anche nelle cristoteche ci sono le playlist

Come tutte le discoteche che si rispettino anche le cristoteche hanno una playlist dei brani più gettonati che appartengono al genere Christian trance, o Gospel remix, oppure è possibile anche ascoltare il salmo 23, in versione techno firmato dagli Ziggybeats.


Commenta l'articolo Giorgia

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines