Magazine Diario personale

Cronaca da Parigi

Da Il Gazzettino Del Bel Mondo
parisoggi

Foto tratta da Getty

Cristina Donato è una giovane ricercatrice genovese attiva in quel di Parigi. Queste sue parole le abbiamo lette scorrendo la bacheca di Facebook e ci sono piaciute talmente da chiederle l’autorizzazione di un re-post sul nostro blog (con la speranza di leggere altre “cronache parigine” dalla sua fluente penna). 

… mentre tutti, comodamente seduti sulla poltrona di casa a migliaia di km da qua, continuano a condividere foto e articoli dalla dubbia fonte, io condivido quello che vivo, che forse può aiutarvi a capire un attimo che vedere le cose “live” fa effetto. Ieri Parigi era avvolta da un silenzio surreale interrotto dalle sirene della polizia e dal rumore di qualche elicottero che attraversava il cielo. Châtelet sempre affollata era vuota, una ragazza piangeva dirigendosi verso la RER. Sorrido a una ragazza musulmana visibilmente preoccupata, perché lo faccio sempre e ora più che mai. Ho visto la fila dei parenti delle vittime davanti all’obitorio di place Mazas. Una nonna piangeva disperata, l’avrei abbracciata fortissimo ma non ce l’ho fatta perché sono scoppiata a piangere pure io. Un mio caro amico mi è venuto a bussare a casa ancora sotto shock: “Ero lì, sparavano e sono scappato e sono vivo… Ero vicino al nostro bar…”. Questo è vivere a Parigi oggi, andare a lavoro con i soldati per strada, sentire le sirene e alzare la musica per non sentirle più. Dopo gennaio il mio cervello é saturo. Perché oggi c’era già più gente per strada, perché comunque vada si tornerà a vivere la nostra vita con qualche ferita nel cuore, io col pensiero di esser stata tra i fortunati… La violenza non è la risposta alla violenza. Lo vedo per strada negli occhi della gente. Non abbiamo voglia di altra sofferenza perché le vittime del terrorismo non hanno colore, non hanno paese, sono vittime qua a Parigi, a Beirut e in Siria, ovunque.. . Ci rialziamo più forti di prima. (Cristina Donato)



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Frammenti di Parigi #1

    Frammenti Parigi

    Tra vicoli antichi e boutique eleganti, girovagamo alla ricerca di Montmartre. Mappe e cellulari avevano difficoltà a indicarci la corretta via in quel grovigli... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Frammenti di Parigi #7

    Frammenti Parigi

    Museo d’Orsay (costo 12€/Gratis minori di 26)Ci si può arrivare con innumerevoli metro, ma il mezzo più comodo resta la RER C perché ha la fermata proprio... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Frammenti di Parigi #6

    Frammenti Parigi

    Problema Siti italiani (tv, conti correnti, ecc..)Chi si è trasferito da poco all’estero e ha cercato di vedere l’ultimo concerto di Gigi D’Alessio su rai.it... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Frammenti di Parigi #5

    Frammenti Parigi

    Come Vivere Parigi (sensa un soldo)Problema n°1La scheda telefonica:Se non volete regalare miliardi alla wind per cercare la fermata metropolitana più... Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Frammenti di Parigi #8

    Frammenti Parigi

    Nell’incantevole quartiere di Montmartre, poco distante dall’uscita della metro di Abbesses, si trova il famoso “mur des je t’aime”. Leggere il seguito

    Da  Snake788
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Cronaca di una convivenza. Reazioni

    Cronaca convivenza. Reazioni

    Non vorrei raccontare anche questo, ma tornando in macchina dalla biblioteca mi sono scritta in testa questo post e dunque merita un suo posto nel mondo. Se me... Leggere il seguito

    Da  Ornellaspagnulo82
    POESIE, TALENTI
  • Cronaca semiseria del "periodo no"

    Cronaca semiseria "periodo

    Il “periodo no” è quel particolare periodo dell’anno in cui tu saresti tenuto a fare qualcosa, ma l’universo sembra cospirare contro di te affinché tu fallisca. Leggere il seguito

    Da  Sommobuta
    CULTURA, DIARIO PERSONALE