Magazine Attualità

Cronache di pazzie quotidiane... ma non è una novellina

Creato il 05 dicembre 2013 da Ritacoltellese

Roma, autista della linea Atac 44 litiga al telefono con una donna: fa scendere i passeggeri e va via con il bus


Ha accostato l'autobus. È sceso in strada con il telefonino in mano, lasciando a bordo i passeggeri che lo guardavano allibiti. 
E al termine di una drammatica telefonata, presumibilmente con una donna, è risalito e ha ordinato a tutti di scendere. Quindi ha richiuso gli sportelli, ha inserito sul display la scritta “Deposito” ed è sfrecciato via. È successo questa mattina a Monteverde Vecchio, sulla discesa di via Dandolo, linea 44. L'episodio è stato riferito dai passeggeri, che alle otto del mattino si sono ritrovati in mezzo alla strada ad aspettare la corsa successiva, costretti ad arrivare in ritardo al lavoro o a scuola.
«Lo abbiamo visto spegnere il motore e telefonare» racconta Alice, una delle vittime dell'autista disperato. «Da quello che abbiamo sentito si intuiva che dall'altra parte del telefono c'era una donna, una ex moglie immagino. Gridava: "Mi hai rovinato la vita. Vaffanculo tu e le tue richieste, lo vuoi capire che non ciò una lira?" e giù insulti. Quando è tornato sull'autobus stava piangendo. Ci ha urlato “Scendete subito, brutti stronzi”. Siamo scesi». L'autobus era pieno, a occhio si potevano contare una cinquantina di passeggeri. Nessuno ha osato opporsi alla furia del conducente: uno alla volta sono scesi tutti e infine hanno guardato il loro 44 allontanarsi in direzione viale Trastevere. Qualcuno ha chiamato un taxi, gli altri si sono pazientemente messi in attesa alla fermata di via Dandolo. Qualcuno ha comunque dato atto all'autista di non aver parlato al telefono mentre guidava.
Lo dico sempre: non c'è bisogno di inventare giacché la realtà supera di gran lunga la fantasia!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cronache di pazzie quotidiane

    Prepotenti All’inizio i rapporti erano stati idilliaci: come quasi sempre accade in tutti i rapporti umani. Poi, via via che andava avanti la conoscenza, si... Leggere il seguito

    Da  Ritacoltellese
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • Cronache di pazzie quotidiane

    Cronache pazzie quotidiane

    FrustratiEra riuscito a comperarsi quella casa come tanti: grattando sulle missioni e mettendo da parte i soldi un poco per volta.Ma non tutti sono frustrati pe... Leggere il seguito

    Da  Ritacoltellese
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • Cronache di pazzie quotidiane

    Cronache pazzie quotidiane

    Igiene pubblicaIl gatto morto giaceva in un avvallamento laterale della via comunale. Doveva essere morto da un po' a giudicare dalla quantità di mosche che... Leggere il seguito

    Da  Ritacoltellese
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • Cronache di pazzie quotidiane

    Cronache pazzie quotidiane

    Non sono razzista, ma ci sono gli indianiAll'ennesima telefonata dell'ennesimo possibile acquirente che chiedeva: "Ma ci sono gli indiani?" Rosanna si... Leggere il seguito

    Da  Ritacoltellese
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • Cronache di pazzie quotidiane

    OssessioneIl marito la beccò come al solito dietro la siepe, ferma che tendeva l’orecchio all’ascolto di quello che i vicini stavano dicendo. Leggere il seguito

    Da  Ritacoltellese
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • cronache dai palazzi

    cronache palazzi

    Pier(luig)ino esploratore sembra aver fallito la sua missione. L’abbiamo visto mendicare, in streaming, l’appoggio del M5S, ed ha fatto una magra figura, oltre... Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • #mind the gap: cronache di una palermitana a Londra

    #mind gap: cronache palermitana Londra

    sabato 25 maggio 2013 di Rosita Baiamonte - La vita è un sogno o i sogni aiutano a vivere meglio? - Sogno una notte di mezza estate, ma anche di mezza primavera... Leggere il seguito

    Da  Abattoir
    ATTUALITÀ, CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines