Magazine Lifestyle

Cucina come una rockstar

Creato il 16 febbraio 2016 da Agipsyinthekitchen

E se domani decidessi con il mio amore gitano di prendere un van e andare in giro per l’Italia a cucinare veggie burgers e tacco vegetariani?
E se parcheggiassi magari vicino al mare – quando abbiamo bisogno di vitamina mare – e sfornassi dal mattino muffin al cioccolato salato da offrirvi sulla vostra strada verso il lavoro?
O ancora: se dopo una riunione fiume, scendeste verso la strada, camminaste verso il Duomo e trovaste me e quel barbuto adorato del mio amore che vi prepariamo un burrito a base di fagioli e cavolo nero, mantecato con creme fraiche e erba cipollina?

Continua la mia collaborazione con Foodora e questa volta vi portiamo a Stoccolma, dove tra architetture pulite e donne bellissime tra colbacchi e neve, incontriamo un food truck che porta l’essenza dell’hipster al prossimo livello: quello della rockstar.

_MG_8601-2

_MG_8653-2

Parliamo di tatuaggi, guacamole e un sogno di due amici, che decidono di portare il sole nelle fredda Scandinavia, con un camioncino tutto rosa e folcloristico.
Zingare singole all’ascolto che mi chiedete sempre se il mio Gitano ha amici da presentarvi: comprate un biglietto per Stoccolma e diventate groupie di questi due fanciulli avant guarde : non vi faranno mai mancare guacamole, cipolla e tortillas.
Senza contare le immense coltivazioni di coriandolo che nascondono dentro al loro camioncino.

Come dire, sento già le vostre esclamazioni: “vedo che hai barba, tatuaggi e sai cucinare messicano. Aspetta che inizio a spogliarmi “.

:)

{ almeno questo è l’effetto che il mio Gitano provoca sulla sottoscritta ogni volta che mi guarda }

_MG_8719

_MG_9048

Quindi menù semplice a base di taco, guacamole e nacho chips.  E se li convincete a venire in Italia, sono certa mie belle zingarelle, che farete inserire nel menù anche una versione mediterranea del burrito.

Dicono che cucinare sia un modo di diffondere amore, e il buon cibo non è mai un compromesso. Così come in amore: i compromessi ci sono sempre, ma non vengono mai vissuti come tali. Quanto piuttosto come ingredienti preziosi per rendere il nostro piatto – la nostra relazione – ancora più genuina.

Per maggiori informazioni:
https://www.foodora.it
http://foodoracle.foodora.com


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog