Magazine Libri

Dal libro al film #9: "Colpa delle stelle", tratto dall'omonimo romanzo di John Green

Creato il 20 agosto 2014 da Annie_caffeine @annie_caffeine
Dal libro al film #9:


Cari visitatori della Tana,

lo so, avevo promesso di resistere fino al 4 Settembre, ma non ce l'ho fatta.
La curiosità ha avuto la meglio e alla fine ho deciso di vedere Colpa delle stelle, l'attesissimo film tratto dall'omonimo romanzo di John Green.
Come sapete negli USA e in Gran Bretagna il film è già uscito da più di un mese e internet è un mondo pieno di risorse, quindi un po' in anteprima, un po' per vie traverse, sono riuscita a vederlo e oggi ve lo recensisco.
Ma come sempre, prima di parlare del film, facciamo un passo indietro e parliamo del romanzo.
Il libroDal libro al film #9: Hazel ha sedici anni, ma ha già alle spalle un vero miracolo: grazie a un farmaco sperimentale, la malattia che anni prima le hanno diagnosticato è ora in regressione. Ha però anche imparato che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto alle sue coetanee, con una vita in frantumi in cui i pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate, e le dimostra che il mondo non si è fermato, insieme possono riacciuffarlo. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle avverse sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.
QUI LA MIA RECENSIONE
Il filmDal libro al film #9: Dal momento in cui ho saputo che erano stati acquistati i diritti di questo romanzo per trarne un film, devo ammettere che sono stata piena di aspettative positive.I primi problemi però sono sorti quando ho scoperto chi sarebbe stato ad interpretare i due ruoli principali.Ma andiamo per ordine e partiamo dai dati tecnici che riguardano il film.I diritti del film sono stati acquistati nel 2012 da Fox 2000, ma la produzione vera e propria del film è cominciata soltanto nel 2013, anno in cui sono stati scelti il regista e gli attori.La direzione del film è stata affidata a Josh Boone, già noto al pubblico internazionale per aver diretto Stuck in Love (2012). La trasposizione vera e propria del romanzo l'hanno curata dai due inseparabili partner Scott Neustadter e Michael H. Webster, che insieme avevano già curato (500) Giorni insieme. Il soggetto ovviamente è di John Green.Le riprese del film sono cominciate nell'estate 2013 e si sono svolte per lo più in Pennsylvania , tranne ovviamente che per le famosissime scene ambientate ad Amsterdam, per le quali l'intera troupe si è recata nella città olandese.Ma passiamo al cast: nei due ruoli principali, ossia quelli di Hazel e Augustus troviamo rispettivamente Shailene Woodley e Ansel Elgort. Troviamo poi Nat Wolff nel ruolo di Isaac, Laura Dern e Sam Trammel nel ruolo di mamma e papà Lancaster e infine Willem Dafoe nei panni di Peter Van Houten. 

Come vi dicevo all'inizio, per questo film ero piena di aspettative, ma ero e sono ben consapevole che una trasposizione cinematografica ha bisogno di essere curata nei minimi dettagli per riuscire a soddisfare sia me che tutti quei lettori che come me hanno amato questo romanzo.Partirei dagli elementi positivi: il ritmo narrativo del film rende bene quello del libro. Le scene che sono state tagliate per necessità sono state rimosse sapientemente, senza andare ad intaccare la trama o le relazioni tra i personaggi. Inoltre ci sono stati dei piccoli spostamenti di frasi o dialoghi, che inseriti in scene diverse hanno comunque dato valore alle parole scritte da John Green. Tuttavia c'è un elemento, proprio nell'ultima scena, che mi ha un po' irritata. Suppongo che tutti coloro che hanno letto il libro conoscano l'ultima frase, che è quella che manda il cuore a pezzi e da il via ai fiumi di lacrime, e proprio a quella frase non è stata data secondo me la giusta rilevanza nel film, per dare spazio invece a quella che ha fatto da cavallo di battaglia/campagna pubblicitaria sia al libro che al film.

Nel complesso però devo dire che i due sceneggiatori si sono attenuti bene ai dialoghi e in generale alle parole del romanzo, ma questo fatto in certe volte risulta strano. E' come se le parole di Hazel e Augustus del libro non stessero altrettanto bene dette da Hazel e Augustus del grande schermo, tanto da suonare bizzarre, a volte. Questo sicuramente dipende non soltanto dal fatto che io i protagonisti me li ero immaginati molto
Dal libro al film #9:
diversi da Shailene e Ansel, ma molto anche da quanto bene loro hanno saputo interpretare i loro ruoli.

In generale non posso dire che la loro performance non sia stata buona, ma mi aspettavo qualcosa di più. Insieme loro sono molto carini, e sicuramente la performance di Ansel in questo ruolo è da considerare nettamente superiore a quella di Divergent, tuttavia c'è stato qualcosa, che nel complesso non mi ha convinta.Ottima invece secondo me la performance di Willem Dafoe, che nei panni di Peter Van Houten ha saputo rendere ogni sfaccettatura di questo personaggio, nonostante la notevole differenza fisica tra l'attore ed il personaggio letterario.
Nota di merito per la colonna sonora, che comprende brani di artisti che apprezzo moltissimo, tra cui Tom Odell, OneRepublic, M83, Birdy e Jake Bugg, che nonostante sia stata definita da molti una colonna sonora più da telefilm che da grande schermo, a me è piaciuta moltissimo (e poi non credo proprio che ci siano delle regole per le colonne sonore "da film" o "da telefilm". Una colonna sonora è bella quando riesce bene e si incastra alla perfezione con la storia che il film racconta).


Nel complesso Colpa delle stelle è un buon adattamento, riuscito meglio di molti altri che ho visto fino ad ora. Come sempre c'è qualche piccolo difetto -tutti gli adattamenti ne hanno qualcuno- ma ovviamente sta a chi ha letto il libro e poi visto il film giudicare quali sono accettabili e quali no.

Se dovessi utilizzare lo stesso metodo di valutazione che uso per i libri, direi che questo film avrebbe 3 riccetti e mezzo.
Ovviamente sono curiosissima di sapere quali sono le vostre aspettative su questo film, oppure cosa ne pensate se lo avete già visto!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :