Magazine Cultura

Damnations Day - Invisible, The Dead

Creato il 25 ottobre 2013 da Iyezine @iyezine
Damnations Day - Invisible, The Dead - Nightmare Records &l;
  • HOME
  • recensioni
    • Indie
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Pop / Folk
    • Elettronica
    • Metal
  • articoli
  • news
  • libri
  • interviste
  • podcast
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Elettronica
  • 7 pollici
  • Fumetti
  • LivE Reports
  • archivio
    • Archivio2012
    • Archivio2011
    • Archivio2010
    • Archivio2009
    • Archivio2008
    • Archivio2007
  • chi siamo
  • contatti

Recensione

Home > Recensioni > Damnations Day - Invisible, The Dead

http://www.iyezine.com/media_foto/2013/damnations.jpg metal Invisible, The Dead Damnations Day

Damnations Day - Invisible, The Dead

25 Ottobre 2013 A cura di:

Alberto Centenari

Damnations Day - Invisible, The Dead

Damnations Day
Invisible, The Dead

2013 - Nightmare Records
Voto : 9.00 / 10

Tag: powermetal powermetal progmetal progmetal heavymetal heavymetal

2013-10-25 00:00:00 Alberto Centenari

Melbourne, Australia: la terra dei canguri ci regala una band fantastica, i Damnations Day, autori di un esordio clamoroso.

Di metal progressivo si tratta e ad un ascolto distratto potrebbero ricordare i Queensryche, ma con più attenzione, dopo vari ascolti, emergono prepotentemente echi di Judas Priest, Fates Warning, Iron Maiden, dei più moderni Evergrey e, in certi passaggi di stampo hard rock addirittura gli americani Alter Bridge.
Minestrone? Assolutamente no, i quattro di Melbourne hanno talento da vendere e riescono ad essere personali confezionando una raccolta di brani stupendi.
E allora via con la title-track: attacco sparato, molto moderno, stacco melodico con sugli scudi il cantante Mark Kennedy, protagonista assoluto di questo disco; sono passati tre minuti e siamo già in odore di standing ovation!
Dopo la bellissima The Meaning, ecco uno dei capolavori del disco, I Am, dove Mark si trasforma in Halford per un pezzo alla Painkiller, da urlo; doppia cassa a palla anche per Reaper, dove in evidenza è la chitarra solista di Jon King.
Dopo la ballad Ghost In Me si ritorna in territori metal prog con Lucid Dreaming, brano che Geoff Tate non riesce più a scrivere ormai da anni.
Altra perla del disco è Reflections, con Dean Kennedy che distrugge le pelli per questo brano metal che più classico non si può, grazie a un assolo da lacrime e a Mark che mette in riga l’ultima generazione di vocalist con una prova maiuscola.
E qui si arriva al mio pezzo preferito, Carried Above The Sun, in puro stile ultimi Maiden (quelli più progressivi) con un’alternanza di potenza e melodia da applausi.
L’acustica A World To Come chiude il lavoro e tirando le somme il risultato è soltanto uno: siamo di fronte ad una grande band, capace di comporre uno degli album più belli che mi sia capitato di sentire negli ultimi mesi; lasciarselo sfuggire sarebbe un delitto!

Track list:
1. Invisible, the Dead
2. The Meaning
3. I Am
4. Reaper
5. A Ghost in Me
6. Lucid Dreaming
7. Reflections
8. Carried Above the Sun
9. A World to Come

Line-up:
Mark Kennedy – Vocals/ Guitars
Jon King - Guitars
Luke Vinken – Bass
Dean Kennedy – Drums

DAMNATIONS DAY - Facebook

Commenti:

Al momento non ci sono commenti. Lascia il primo commento completando il form qui sotto.

Cosa ne pensi ? Lasciaci un commento.....

Nome* Email Commento* La capitale d'italia?* (write 'roma' minuscolo)

Secondo noi potrebbe piacerti anche:

Hollow Haze - Countdown To Revenge

Hollow Haze - Countdown to Revenge

Secret Sphere-portrait Of A Dying Heart

secret sphere-portrait of a dying heart

Twins Crew - The Northern Crusade

Twins Crew - The Northern Crusade



Damnations Day - Invisible, The Dead

Altre Sezioni:
Netlabels
Tour Diaries
Cinematic Blog
Riviera 2011

In Your Eyes:
Contatti
Chi Siamo
Sitemap
Iscriviti alla Newsletter
Web Design

Social:
Facebook
Gruppo di Facebook
Twitter
Feed Rss


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog