Magazine Cultura

Dark Ride, di Craig Singer (2006)

Creato il 17 giugno 2011 da Psichetechne
Dark Ride, di Craig Singer (2006)
Un gruppo di sei amici in viaggio si ferma nei pressi di un parco dei divertimenti chiamato "Dark Ride". I giovani non sono a conoscenza del fatto che uno psicopatico, responsabile del brutale assassinio di due ragazze avvenuto anni prima, è appena fuggito da un istituto psichiatrico e ha trovato rifugio all'interno di quel luogo...E' estate, tempo di fiere strapaesane, di cinema all'aperto, di giostre, di ruote panoramiche e tunnel dell'orrore di hooperiana memoria. Ecco dunque che prendo in mano questo primigenio AfterDark del 2006, che desideravo vedere da tempo, e approfitto dell'inizio estate per parlarne. Purtroppo ne devo parlare male, molto male, poichè a dispetto di una locandina che farebbe ben sperare, il film di questo ininfluente Craig Singer ("Animal Room", 1995; "Perkin's 14", 2009), vuole pigramente scimiottare il ben più consistente, per l'epoca, "The Funhouse" (1981) di Tobe Hooper, e a questo pietoso scimiottamento si ferma.  Si tratta cioè della solita solfa del gruppetto di ragazzotti ventenni, maschi e femmine, alla ricerca di nuove esperienze di sesso e di sballo attraverso le consuete canne fumate together sul van on the road again, sulle strade della grande mamma America. Il gruppetto incrocia Jonah, il pazzo criminale slasher di turno, appena fuggito con tanto di camicia di forza, come se nulla fosse, dal manicomio di massima sicurezza della contea, e per finezza di scrittura (si fa per dire, of course), uno dei ragazzi è addirittura il cugino delle due ragazzine uccise da Jonah nei bei tempi che furono. Tutto il narrato è iper-intriso, fino al vomito bulimico, di clichè di sottogenere di serie B, C, Z, e per sovramercato abbiamo anche un condimento di dialoghi insulsi, artatamente sboccati e pseudogiovanilistici, tanto per attrarre come mosche sul miele gli adolescenti brufolosi di provincia che vogliono vedere le fighette ventenni con la minigonna,  un pò più puttane delle loro compagne di classe quindicenni. Il film è cioè avvolto da un puritanesimo yankee davvero disturbante, ed è proprio questo suo stile di fondo che mi spinge ad usare per controformazione reattiva, come si è notato, un linguaggio volgarotto che non è mia abitudine usare qui. Le sequenze di pseudo-sesso sono infatti utilizzate per attrarre pubblico giovane, provinciale, e sottoporlo a stimoli erotico-aggressivi seducenti, tanto perchè paghino il biglietto alla cassa. La sequenza della fellatio che si conclude in modo ridicolmente gore, è emblematica in tal senso. Il resto del film è pura e noiosa inutilità, banalità cotta, ricotta e stracotta, quasi volgare nella sua ostinazione. Il villain assassino e psicopatico è poi senza spessore, senz'anima, una vera ameba che veste una maschera da burattino che forse vorrebbe ricordare qualche lontano film di Argento, ma magari lo fa senza neppure rendersene conto. L'ambiente labirintico della funhouse, del tunnel degli orrori è allestito e fotografato in modo dozzinale, con quelle sciocche luci rosse intermittenti di cui non capiamo il senso, semprechè ne abbia uno qualsiasi. Pochissimo da dire circa il reparto effetti speciali, vacui e spenti come pochi avevo visto finora, tanto quanto il tenore della suspense, adrenalinica come un'iniezione di pentotal direttamente in vena. E' davvero vergognoso vedere come un regista si disponga a massacrare in modo così idiota il genere slasher, fregandosene assolutamente del significato storico che questo genere ha rappresentato per il cinema americano dalle sue origini ai nostri giorni. Si salvano una, massimo due sequenze floridamente splatter, che tuttavia non sono sufficienti ad evitare che la barca presto coli a picco. Cosa possiamo aggiungere sul cast? Carine le ragazze, alle quali offrirei volentieri un drink, per il resto Singer avrebbe potuto tranquillamente ingaggiare uno stormo di oche starnazzanti sortendo lo stesso effetto, nonchè spendendo molti meno quattrini. "Dark Ride": film orribilmente brutto e da evitare con cura, dedicando invece all'estate incipiente lunghe  passeggiate in fiere strapaesane, o al luna park, guardando il cielo stellato sulla ruota panoramica, insieme al proprio amore.  Regia:Craig Singer Sceneggiatura:Craig Singer, Robert Dean Klein Fotografia:Vincent E. Toto Musica:Konstantinos Christides Cast:Jamie-Lynn Sigler, Patrick Renna, David Clayton Rogers, Alex Solowitz, Andrea Bogart, Jennifer Tisdale, Brittney Coyle, Chelsey Coyle, Jim Cody Williams Nazione:USA Produzione: Lionsgate Films, My2Centences, Blue Omega Entertainment. Anno:2006 Durata:94 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • After dark

    After dark

    bellissimo romanzo di Murakami Aruki che copre un arco di circa sette ore, in una fredda notte a Tokyo. alcuni personaggi eterogenei si incontrano e finiscono... Leggere il seguito

    Da  Guchippai
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • La morale è: don’t ride alone.

    morale don’t ride alone.

    Mi è toccato un pranzo con i parenti in cui da un certo punto in poi si è parlato solo del biglietto orario dell’autobus che da domani 1 febbraio passa a costar... Leggere il seguito

    Da  Idiotecabologna
    CULTURA
  • Anche Craig Morgan se ne va

    Anche Craig Morgan

    Arriva un’altra separazione. E’ quella tra Craig Morgan e la BNA. Fonti ufficiali riportano del divorzio tra il cantante e l’etichetta discografica con la... Leggere il seguito

    Da  Godblesscountry
    CULTURA, MUSICA
  • It’s just a ride

    The world is like a ride in an amusement park, and when you choose to go on it you think it’s real because that’s how powerful our minds are. Leggere il seguito

    Da  Marco4pres
    CULTURA, SOCIETÀ
  • ESCE IN LIBRERIA DARK FLAME ( Dark ...

    ESCE LIBRERIA DARK FLAME Dark

    ESCE IN LIBRERIA DARK FLAME ( Dark Flame ), di Alyson Noel- EDITORE FANUCCI Mentre Ever tenta di annullare l’incantesimo con cui si è legata per errore a Roman ... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Dark water (2005)

    Dark water (2005)

    Regia: Walter SallesCast: Jennifer Connelly, John C. Reilly, Tim Roth, Dougray Scott, Pete Postlethwaite.Il film è una sorta di "fake",perchè si presenta come u... Leggere il seguito

    Da  Federicoerra
    CINEMA, CULTURA
  • Tucker & Dale vs Evil - Eli Craig

    Tucker Dale Evil Craig

    La prima parola che mi è passata per la mente vedendo questo film è stato GENIALE!!! Lo so che è molto inflazionata come parola, e che a volte è usata troppo e... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA

Magazine