Magazine Cultura

David Kilgour - Left by Slow

Creato il 17 maggio 2011 da Beppax
David Kilgour - Left by Slow
Un disco di culto è un disco di cui si desidera celare la bellezza condividendola con le poche persone che senti veramente vicine. E "Left By Slow" di David Kilgour somiglia tanto ad uno di quegli album che trasformano l'ascoltatore in un vigile custode di un segreto impenetrabile. Il culto si trasforma in stupore quando ci si sorprende a pronunciare le stesse parole, le identiche descrizioni che solo pochi uomini al mondo utilizzerebbero per descrivere la stessa cosa. Una condivisione tra pochi, insomma. E' questo l'effetto che fa "Left By Slow". Se ci penso, infatti, ci sono dischi, come ad esempio "The Friends of Rachel Worth" dei The Go-Betweens, che da soli riescono nella loro particolare capacità di accomunare i pochi ammiratori. Questi parleranno di quell'album utilizzando le stesse parole, non importa in che lingua o in quale paese: quell'oggetto rimarrà imprescidibilmente svincolato da ogni definizione letteraria, da una qualsiasi classificazione venuta con la celebrità.
"Left by Slow" è un disco senza tempo, senza possibilità di descrizione unilaterale. Una chitarra in primo piano, una voce sincera, la batteria ed il basso, un pianoforte qua e là. Punto. La semplicità delle armonie basta e avanza. La deliziosa alternanza di umore, nostalgico e allegro, scanzonato a volte (da dove viene fuori "Autumn Sun" se non da un recondito nascondiglio conservato gelosamente dai Pavement?), la forza della scrittura. Ecco il mondo di David Kilgour, vecchia gloria dell'underground neo-zelandese anni 80.
Un piccolo capolavoro prezioso da nascondere agli altri, da custodire gelosamente negli anfratti meno frequentati del proprio guardaroba, da tirare fuori solo in assoluta solitudine, lontani da ogni sguardo.
Un mondo da gustare in solitudine, per riconquistare quella dimensione tipica di chi si sente solo ma eppure vivo.
Vivissimo

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • The Kills – Future Starts Slow

    Kills Future Starts Slow

    Leggere il seguito

    Da  Therocksuckers
    CULTURA, MUSICA
  • Recensione su Left

    Recensione Left

    Federico Sisti – Recensione di “Arrivederci Italia” su Left Prossimi appuntamenti di Ennio Rega: Mercoledì 14 settembre ore 13.00, su RMC101 intervista,  al... Leggere il seguito

    Da  Enniorega
    CULTURA, MUSICA
  • Auguri David!

    Auguri David!

    Classe 1954, 57 anni proprio oggi e una carica mostruosa, è stato l'anima dei Van Halen più potenti di sempre, è stato un ottimo solista accompagnato dal... Leggere il seguito

    Da  Lozirion
    CULTURA, MUSICA
  • David Butali. My Tuscany

    David Butali. Tuscany

    di Cristina Annino Queste foto di David Butali, negando concettualmente ogni presenza umana, mi ricordano le pitture rupestri del Neolitico dove gli animali... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • David Lynch dance

    David Lynch dance

    David Lynch: il regista? Sì. Il genio? Sì. Il mito? Già, proprio lui adesso a 64 anni si diletta anche a fare musica. Dopo alcune collaborazioni con Angelo... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Cercando la mia vita slow

    Cercando vita slow

    La settimana comincia col solito tram-tram ferroviario tra le nebbie dell’Appennino, accompagnata dalla dolcezza di un piccolo libricino assaporato in questa... Leggere il seguito

    Da  Crjcrj
    CULTURA
  • Wake Wood - David Keating

    Wake Wood David Keating

    La Hammer ultimamente sta cercando si rifarsi viva nel mondo dell'horror dopo anni di silenzio. Sempre ultimamente, ha sfornato due prodotti: uno degno di nota... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA

Magazines