Magazine Cultura

De Italia

Creato il 11 dicembre 2013 da Iyezine @iyezine
De Italia &l;
  • HOME
  • recensioni
    • Indie
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Pop / Folk
    • Elettronica
    • Metal
  • articoli
  • news
  • libri
  • interviste
  • podcast
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Elettronica
  • 7 pollici
  • Fumetti
  • LivE Reports
  • IyeLab
    • Iye Comics
    • Iye Art
    • Iye Stories
  • archivio
    • Archivio2012
    • Archivio2011
    • Archivio2010
    • Archivio2009
    • Archivio2008
    • Archivio2007
  • chi siamo
  • contatti

Articolo

Home > Articoli > De Italia

De Italia

11 Dicembre 2013 A cura di:

Massimo Argo


Come al solito di ciò che succede in Italia si capisce ben poco. Sulle vicende italiche passate presenti e futuro si stende sempre una fitta coltre di nebbia. Come sui fatti di questi giorni è scattato l'ennesimo cortocircuito tricolore. Fascisti che inneggiano alla rivoluzione per instaurare poteri forti, compagni che sono contro le manifestazioni, celerini che solidarizzano con i manifestanti. L'unico comun denominatore sono i mass media che spargono disinformazione a piene mani.

Non si può negare l'impronta autoritaria, più che destroide, dei comitati che hanno promosso queste mobilitazioni, a parte le sigle dichiaratamente fasciste che hanno appoggiato le manifestazioni come Forza Nuova o Casa Pound, ma esse sono in minoranza in questi eventi. Il vero protagonista di queste giornate è l'Uomo Qualunque, l'italiano medio.
Nel 1944 Guglielmo Giannini fonda “ L'Uomo Qulunque “ un giornale che ha come motto, come disse lo stesso Giannini : “Questo è il giornale dell'uomo qualunque, stufo di tutti, il cui solo, ardente desiderio, è che nessuno gli rompa le scatole. “ Il giornale si scagliava contro tutti, contro lo stato, contro i partiti, etc. Ed è questo l'atteggiamento dell'italiano, esso vuole stare sempre in braccio alla mamma, che sia la genitrice naturale o lo Stato che lo assiste e lo coccola. Siamo stufi dei politici ? Gridiamo, ci indigniamo e poi di corsa a votare per rinnovare chi ci opprime. Senza mai prendersi in priam persona le responsabilità di se stessi e di chi abbiamo vicino, senza mai pretendere vera giustizia. L'italiano è furbo, va in piazza a protestare per la bandiera, in nome di un patriottismo che non ha mai avuto senso, poiché di fatto l'Italia non esiste, non è mai esistita.
E fa pensare che le regioni che forniscono, sicuramente per ragioni economiche, il maggior numero di effettivi alle nostre forze dell'ordine sono quelle del sud, dove ai tempi dell'unità di Italia vi erano i campi di concentramento per chi non voleva i Savoia.
E anche le forze dell'ordine sono un cortocircuito tutto italiano, poiché hanno manifestato simpatia e partecipazione ad una manifestazione del loro stesso colore politico : quello nero del fascismo.
Mentre non hanno remore a picchiare i lavoratori Ikea a Piacenza, o gli operai di Pomigliano d'Arco, o una ragazza in una università torinese.
Perchè le nostre troppe polizie sono marcatamente polizie politiche e ieri l'hanno dimostrato. Inflessiibili con formazioni di estrema sinistra ( ormai le uniche forze popolari in questo paese sono gli antagonisti ) o con gli ultras, diventano morbidissimi con i loro camerati, facendosi fotografare con loro. E questo perchè la polizia e affini sono strumenti del potere. Guardate quanti anni prende un imputato per questioni politiche, e quanto un omcida o un mafioso.
Essere ribelli è l'unico vero crimine in Italia. Essere ribelli veramente, rifiutando opere costose ed inutili mentre la gente muore nelle corsie d'ospedale, essere ribelle cercando reti di solidarietà orizzontali, autogestione e rottura delle logiche commerciali e di sfruttamento. Questo è imperdonabile in Italia.
Mentre è concesso confondere le acque, cercare sempre la deriva autoritaria, per sostituire al politico ladro il politico boia.
Lecito è sfogarsi per vie precostituite, sventolando una vuota bandiera che cancella i veri problemi, senza rendersi conto che l'internazionalismo è l'unica risposta.
In Grecia hanno Alba Dorata, formazione dichiaratamene neonazista, qui abbiamo gli apolitici, i “.. non prendo una posizione ma intanto sventolo il tricolore e voglio l'uomo forte.. “.
Perchè come dice Bebo Storti loro sono i non morti, fino a quando l'italiano non si prendera le sue responsablità, mettendosi in prima persona a gestire la propria vita politica e non, rifiutando questa democrazia assassina.

 -

Commenti:

Al momento non ci sono commenti. Lascia il primo commento completatando il form qui sotto.

Cosa ne pensi ? Lasciaci un commento.....

Nome* Email* Commento* La capitale d'italia?* (write 'roma' minuscolo)

Ultimi articoli


Ultimi post:


11 Dicembre 2013

Cirque Des Reves
Cirque Des Reves

11 Dicembre 2013

The Last Killers
Wolf Inside!

11 Dicembre 2013

Iron Jaws
Guilty Of Ignorance

11 Dicembre 2013

Rude & The Lickshots
Lickshots

11 Dicembre 2013

Ennui
The Last Way

11 Dicembre 2013

De Italia

11 Dicembre 2013

I Forconi Visti Da Via Parasio

10 Dicembre 2013

Eudaimony
Futile

10 Dicembre 2013

Ance E I Fatti Quotidiani
Tradizione Commerciale

10 Dicembre 2013

Marco Grasso E Matteo Indice -


De Italia

Altre Sezioni:
Netlabels
Tour Diaries
Cinematic Blog
Riviera 2011

In Your Eyes:
Contatti
Chi Siamo
Sitemap
Iscriviti alla Newsletter
Web Design

Social:
Facebook
Gruppo di Facebook
Twitter
Feed Rss


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 0021 [POINTS DE VUE] Steve Bisson | Viaggio in Italia?

    0021 [POINTS VUE] Steve Bisson Viaggio Italia?

    di Salvatore D’Agostino Nel 1954 usciva nelle sale cinematografiche ‘Viaggio in Italia’ di Roberto Rossellini. Nel film una coppia inglese, Alex e Katherine... Leggere il seguito

    Da  Wilfingarchitettura
    ARCHITETTURA E DESIGN, CULTURA
  • Bietti - “Cronache dal Neocarbonifero” Italia sommersa 2027-2701 di AA. VV. a...

    Bietti “Cronache Neocarbonifero” Italia sommersa 2027-2701 cura Gianfranco Turris

    “Cronache dal Neocarbonifero” Italia sommersa 2027-2701 di AA. VV. a cura di Gianfranco de Turris In un futuro a noi prossimo, la devastante esplosione di un... Leggere il seguito

    Da  Andrea Leonelli
    CULTURA, LIBRI
  • Edmondo De Amicis, Firenze

    Edmondo Amicis, Firenze

    Quando, a tarda notte, nel silenzio della sua cameretta, dopo un lungo lavoro condotto con furia febbrile egli sentiva bisogno di smorzare il fuoco che gli... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA
  • De Agostini

    Agostini

    Case editrici (noEAP)Sito web - libriContatti: form sul sitoPubblicazioni: generi fantasy e fantascienza – Philip DickInvio manoscritti: (Inviata mail info,... Leggere il seguito

    Da  Philomela997
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, LIBRI, STORIA E FILOSOFIA
  • LibroCo Italia

    LibroCo Italia

    Nata nel 1992, Libro Co. Italia è oggi un’azienda leader nella distribuzione libraria e vendita online. Essa annovera tra la propria clientela le più... Leggere il seguito

    Da  Andrea Leonelli
    CULTURA, LIBRI
  • Tombeur de femmes.

    Tombeur femmes.

    1935 circa.Una cosa è certa, mio papà doveva essere un gran tombeur de femmes, almeno penso e direi che in caso contrario, foto come questa non avrebbero avuto... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Scenes de crimes

    Scenes crimes

    di: F.Schoendoerffer. con: C.Berling, A.Dussolier, L.Schoendoerffer, P.Mottet, E.Navarre, E.Darlan. Drammatico - FRA 2000 - 100 min Il percorso di... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA