Magazine Cinema

Dead in Tombstone

Da Omonero

LocandinaMAT4239USA – 2012

cast: Danny TrejoMickey RourkeAnthony Michael HallDina Meyer - Catalina Grama - Edward Akrout - Daniel Lapaine
regia: Roel Reiné
soggetto e sceneggiatura: Shane Kuhn - Brendan Cowles
fotografia: Roel Reiné
musica: Hybrid
durata: 95 min.

Dead_In_Tombstone_(2013)


21036739_20130906172729885.jpg-r_640_600-b_1_D6D6D6-f_jpg-q_x-xxyxx

Guerrero Hernandez (Danny Trejo) è un cazzutissimo pistolero a capo di una banda di altrettanto cazzuti fuorilegge che seminano morte e terrore nel Far West. Dopo aver liberato il fratellasto Red ( un Anthony Michael Hall ovviamente cazzutissimo anche lui), condannato a morte per le sue efferatezze, Guerrero si lascia convincere dal consanguineo a compiere una rapina nella cittadina di Edendale che, a quanto pare, ha una banca che straripa oro estratto da una miniera appena scoperta.
Il colpo va a segno ma Red, si rivela oltre che cazzuto anche un gran bastardo ed insieme agli altri componenti della banda sforacchia il “buon” Guerrero spedendolo dritto dritto all’inferno dove ad attenderlo c’è nientepopòdimenoche Satana (Mick
ey Rourke) in persona.

5_zpsd5899103
Ma, come già accennato, Guerrero è un tipo decisamente cazzuto  e non si lascia intimorire dal Diavolo (il più cazzuto per antonomasia), neanche quando questi si diverte a marchiargli a fuoco il petto con una croce di ferro o a strappargli pezzi di carne per farli “alla fiamma”, così, giusto per vivacizzare la serata; anzi, arriva a proporgli un patto per salvare il culo e l’anima da quella situazione decisamente scottante. Così dopo aver fatto per un po’ a gara con Satana su “chi c’è l’ha più lungo”  Guerrero gli offre uno scambio: la sua anima al posto di quella del fratellastro e dei cinque companeros della banda che lo hanno tradito.
Satana tentenna, traccheggia e ci pensa su, poi per far vedere al messicano che oltre ad essere cazzuto ha anche un paio di cojones grossi così accetta la transazione, a patto però che tutto avvenga nelle canoniche 24 ore (così tanto care all’immaginario americano).
2d565d25edc40aab0a70e0a4bd604f46
Così, esattamente un anno dopo la sua dipartita, Guerrero Hernandez risorge dalla tomba ben deciso a consumare la sua cazzutissima vendetta.


Faccio subito una premessa: nonostante cerchi di apparire una persona civile e ben educata sono pur sempre un “portatore sano di pene e, come tale, sono soggetto alla inevitabile fascinazione di alcuni stimoli primordiali che ogni maschio porta con sé sin dai tempi delle caverne e le punte di selce; per farla breve, quando la luna è piena e l’aconito è in fiore, non posso impedire di trasformarmi  in un illecito consumatore di tamarrate che trasudano testosterone regalando manciate di violenza gratuita e battutacce da saloon che gratifichino il mio ego selvatico di maiale mannaro….ma aimè, purtroppo, Dead in Tombstone fallisce miseramente nel raggiungimento di un pur così facile obiettivo.

Mickey_Rourke_and_Danny_Trejo_to_Star_in_DEAD-IN-TOMBSTONE
Eppure i presupposti c’erano tutti: una storiaccia buttata giù sul retro di un biglietto della metro, scenografie rimediate dagli scarti di western televisivi, una manciata di tipi poco raccomandabili anche nella vita reale e la solita fighettina di turno ( seppure po’ passata d’età) che sbava per l’antieroe…e allora che cosa è andato storto?
Pur volendo sorvolare sulla storia fotocopiata dallo Spawn di McFarlainiana memoria e dialoghi basati sul continuo riciclo di quattro/cinque frasi ripetute all’infinito da un film del genere ci si aspetta un po’ di più di 95 minuti d’interminabili sparatorie con inquadrature che rendono praticamente impossibile distinguere i cattivi dai meno cattivi e dai buoni, intervallate da continui ed esasperanti rallenty di bossoli espulsi dalle pistole, bicchieri sbattuti sul bancone, ingranaggi di orologi che segnano i minuti ed altre amenità del genere. Ma dico, un po’ di grinta nel film ce la vogliamo mettere?
geppo_487
Lo sconcertante e bolso Rourke ha lo stesso mordente di Geppo il diavolo buono e la crudele astuzia di un mr. Bean degli Inferi (inciso: qualcuno potrebbe spiegare a Mickey che non c’è bisogno di siliconarsi anche il doppio mento?), mentre Trejo  non fa altro che morire e resuscitare da una bara all’altra mugugnando incomprensibili frasi su vendetta, giustizia, riscatto e scaricando le pistole su qualsiasi cosa si muova nel raggio di cento metri. L’antagonista, poi, lasciamolo proprio perdere; il buon Hall riusciva ad essere più inquietante quando interpretava Johnny Smith, lo storpio veggente della noiosissima serie “La Zona Morta” e a poco serve non farlo lavare per una settimana e iniettargli gli occhi di sangue con del collirio urticante.

Dead in Tombstone

“O facevo stò film o il remake de La Casa nella Prateria…”

Chiunque, e dico chiunque, sarebbe riuscito a girare un film abbastanza cazzuto specie se concepito direct-to-DVD come questo. Tutti meno Roel Reiné a quanto pare, anche se un’occhiata alla sua filmografia un qualche sospetto ce lo aveva fatto nutrire.

corvi05


Archiviato in:CINEMA, DVD Tagged: le diable...peut-etre, mad...mad...mad!, mattanza's time!, okkult and cult

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines