Magazine Società

Decalogo (psicologico) della (buona) comunicazione?

Creato il 17 luglio 2011 da Alessandro

  1. Il nostro successo come comunicatori non dipende da quello che il messaggio fa al pubblico, ma da che cosa il pubblico farà con il nostro messaggio;
  2. Il lettore di solito interpreta i messaggi in un modo che lo faccia sentire più sicuro;
  3. Quando si attaccano frontalmente gli atteggiamenti delle persone, esse tendono a difenderli e quindi a rinforzarli;
  4. Le persone prestano più attenzione ai messaggi che toccano loro stesse o le loro opinioni;
  5. Le persone che non si sentono sicure in un rapporto non sono buoni ascoltatori;
  6. E' più probabile che le persone ti ascoltino se anche tu ascolti loro;
  7. Le persone tendono a cambiare più facilmente in risposta a una nuova esperienza affiancata da una comuicazione che non in risposta alla sola comunicazione;
  8. E' più probabile che le persone siano a favore di un cambiamento che le riguarda se vengono consultate prima che quel cambiamento avvenga;
  9. Il messaggio racchiuso nelle parole sarà interpretato alla luce di come, quando, dove e da chi esse vengono pronunciate;
  10. La mancanza di consapevolezza di sè stessi e la mancata risoluzione dei propri conflitti interni rende più difficile comunicare con gli altri. 

(Hugh Mackay, "Why don't people Listen?" -1994)
[citato da Piero Bianucci in "Te lo dico con parole tue"]
DECALOGO (PSICOLOGICO) DELLA (BUONA) COMUNICAZIONE?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine