Magazine Società

Democratura(democrazia +dittatura) e demopazzia / A quando invece la vera democrazia?

Creato il 10 marzo 2011 da Marianna06

La rapida caduta di due dittature nell'Africa maghrebina(Tunisia eEgitto) e le ripercussioni  ad est(fino ai Paesi del Golfo ) e ad ovest( per il coinvolgimento della gioventù  di Marocco ,Algeria, Mauritania e non solo) hanno fatto e stanno facendo versare fiumi d'inchiostro agli esperti  di politica internazionale, i quali si chiedono, analisi dopo analisi ,sui documenti della storia recente e passata, come ciò sia stato possibile e  poi in così breve tempo.

In realtà la spiegazione del fenomeno è molto più semplice di tanti paroloni, che si vogliono adoperare o delle più disparate teorie di complotti politici o pseudo-tali, che si vogliono propagandare.

In Tunisia e in Egitto, con le dovute differenze sotto il profilo econonomico, politico e culturale, c'è un fattore demografico ,che ha un suo notevole peso.

E questo peso si è fatto sentire, facendo pendere la bilancia in direzione della democrazia o, quanto meno, di una sua possibile ricerca.

La maggior parte dei Paesi dell'Africa settentrionale infatti, fortemente popolati (si pensi che cos'è una magalopoli come Il Cairo), sono appunto abitati e vissuti da giovani di età  sotto i vent'anni.

E ,per quanta pesante povertà possa esserci in queste realtà, una certa istruzione di base ormai esiste. così come ci sono molti giovani che hanno avuto accesso all'università e vivono una loro vita culturale non diversamente dai coetanei europei.

Si aggiungano le tv satellitari ed internet e si capisce perchè tanta voglia di democrazia e tanta determinazione nel volerla realizzare.

Anche a costo della propria vita.

Il caso Libia parte dallo stesso terreno di "coltura" ma è  molto più complesso.

Merita pertanto un'analisi a parte, anche per l'andirivieni di notizie spesso troppo contraddittorie circa una eventuale soluzione.

Oggi, per altro,  è noto che ci dovrebbero essere incontri di emissari libici del "colonnello" a Bruxelles.

Ritornando invece a Tunisia ed Egitto bisogna dire che la fine delle due dittature rappresentano una svolta storica a livello di poltica internazionale.

E questa svolta è un mix di cultura e voglia giovanile di cambiare , presto e bene,le cose in casa propria.

Anche se con i giovani c'erano i meno giovani e tutte le menti pensanti della diaspora tanto tunisina quanto egiziana.

Il vero nodo da sciogliere oggi , in questi due Paesi ,è invece puttosto  il ruolo che giocherà politicamente l'esercito, che ha dato il suo grosso contributo alla liberazione.

Perché, finite le dittature dei "rais", che non tenevano in alcun conto il benessere delle proprie popolazioni, con soprusi e ruberie sfacciate, calpestando i più elementari diritti umani, si potrebbe, come attualmente in Algeria, correre il rischio di avere una "falsa" democrazia,

Ossia una democrazia di facciata, dove a comandare sostanzialmente sono i militari mentre il presidente è l'ennesimo fantoccio manipolato da un "altrove", più o meno dissimulato.Magari anche con un pluralismo di finti-partiti.I partiti del presidente .

Occorre, allora, davvero lavorare tutti per una "vera" democrazia in Africa settentrionale, Nord e Sud del mondo, Oriente e Occidente.

Il Mediterraneo è un mare piccolo e circoscritto. Più quasi un lago che un mare ,su le cui sponde s'affacciano tanto l'Africa che l'Europa. Non possiamo fare finta che così non sia.

Solo così, infatti, si scongiureranno enormi pericoli e si taglieranno in partenza le gambe ad ogni forma di violenza e/ o sopruso. E forse si vivrà la pace.

In armonia. Com'è giusto che, prima o poi , finalmente sia.

I famosi "fiori nei vostri cannoni" sessantottini, dei quali oggi con i venti di guerra che soffiano, si ha proprio una certa nostalgia.

 

 A cura di Marianna Micheluzzi(Ukundimana)

 

1691_07
 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Per una democrazia cellulare

    democrazia cellulare

    Vorrei che qualcuno mi usasse la gentilezza di spiegarmi per quale dannato motivo la scienza è nobilis et pulcherrima quando riesce a mantenere in vita un esser... Leggere il seguito

    Da  Ilgrandemarziano
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Omofobia. Patanè: “Un limite alla democrazia”

    Omofobia. Patanè: limite alla democrazia”

    Si è svolto ieri al Teatro San Carlo di Napoli il convegno nazionale “Omofobia. Atteggiamenti, pregiudizi e strategie di intervento” voluto dall’Ordine degli... Leggere il seguito

    Da  Uiallalla
    MONDO LGBTQ, SOCIETÀ
  • Democrazia a a

    Riceviamo dal signor Giancarlo Borluzzi e volentieri pubblichiamo. La democrazia è certo una questione di numeri, ma solo all’interno di regole non eludibili:... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • C'era una volta la democrazia...

    C'era volta democrazia...

    Lodo-Alfano retroattivo: ulteriore schiaffo alla democraziaPericle - Discorso agli Ateniesi, 461 a.C. Qui ad Atene noi facciamo così. Qui il nostro governo... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La democrazia di Vandana Shiva

    democrazia Vandana Shiva

    Attivista politica e ambientalista, Vandana Shiva (1952) è una delle scienziate più famose al mondo. Si è laureata in fisica alla University of Western... Leggere il seguito

    Da  Gianluca1
    PER LEI, SCIENZE, SOCIETÀ
  • La democrazia delle castagne

    democrazia delle castagne

    Courtesy of partitodemocraticovigonza.org Domenica 7 novembre a Codiverno ,nella piazzetta, Castagnata Democratica Questa volta abbiamo scelto le castagne, un... Leggere il seguito

    Da  Capponrenato
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Democrazia porta a porta

    A Roma, nel quartiere di Pietralata, il segretario del PD, Pier Luigi Bersani, aprirà personalmente la campagna di mobilitazione nazionale del porta a porta... Leggere il seguito

    Da  Renatocappon
    SOCIETÀ