Magazine Cucina

“Di farfalle in volo e di farfalle spezzate”. In scena al teatro di Castelnuovo d’Elsa un intenso ed esilarante monologo liberamente tratto da Franca Rame e Dario Fo. A cura di Chiara Riondino, con Nicoletta M. Loisi

Da Silviamaestrelli
“Di farfalle in volo e di farfalle spezzate”. In scena al teatro di Castelnuovo d’Elsa un intenso ed esilarante monologo liberamente tratto da Franca Rame e  Dario Fo. A cura di Chiara Riondino, con Nicoletta M. Loisi Sabato 25 gennaio, alle ore 21.30, il Teatro di Castelnuovo d’Elsa ospiterà una performance interpretata dall'empolese Nicoletta M. Loisi e diretta da Chiara Riondino. Due autentici pezzi di bravura per l’attrice di origini lucane formatasi all’Accademia Teatrale di Firenze, sotto la direzione di Pietro Bartolini, vincitrice del Premio Nazionale Attori in Promo 2013. Dopo aver approfondito lo studio della Commedia dell’Arte e collaborato con diversi registi toscani tra cui Marco Natalucci, Angelo Savelli e il Monni, l’incontro con il premio Nobel Dario Fo e la talentuosa discendente di una stirpe di teatranti, Franca Rame, alla cui memoria il monologo “Di farfalle in volo e di farfalle spezzate” è dedicato. Il seminario alla Libera Università di Alcatraz, a Gubbio, tenuto nel 2012 da una delle coppie più outsider del teatro italiano, ha prodotto la versione lucana della famosa giullarata ispirata ai fabliaux francesi del X secolo "La parpaja topola", nella quale il protagonista, Giovanpietro, attraverso una serie di peripezie, cerca di conquistare il cuore della bella Alessia. La mimica coinvolgente e il linguaggio colorato trasformano la situazione grottesca alla base della narrazione in un gioco teatrale sorprendente e buffo. La messa in scena del testo ad opera di Nicoletta Loisi è stata autorizzata da Dario Fo. Con un volo di farfalla su sesso e poesia, con la leggerezza e l’intensità che da sempre contraddistinguono il lavoro di Chiara Riondino, artista fiorentina che da qualche anno ha trasformato la propria residenza privata in una sorta di teatro domestico rianimando la storica abitazione dei nonni materni sulle colline della Val dʹElsa, il “fabulazzo osceno”, denso d’ironia e riflessione sociale, lascia il palco a “Lo stupro”, scritto e rappresentato da Franca Rame, che ci precipita nella lucida crudeltà esercitata sul corpo della donna, ovvero il sesso femminile violato oltre ogni logica umana. Da non perdere! SABATO 25 GENNAIO 2014 ore 21.30_ TEATRO DI CASTELNUOVO D’ELSA_ VIA ROMA 24 - 50051 CASTELNUOVO D’ ELSA - CASTELF.NO (FI)_ Biglietto € 8,00 E-Mail: [email protected] - Cell.: 329.5499609 (dalle 15.00 alle 19.00)“Di farfalle in volo e di farfalle spezzate”. In scena al teatro di Castelnuovo d’Elsa un intenso ed esilarante monologo liberamente tratto da Franca Rame e  Dario Fo. A cura di Chiara Riondino, con Nicoletta M. Loisi

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog