Magazine Lifestyle

Divise EA7 Armani dell’Italia a Rio 2016

Creato il 23 febbraio 2016 da Scurati @amalamaglia
Divise EA7 Armani dell’Italia a Rio 2016

Come per le Olimpiadi di Londra 2012 e i Giochi invernali di Sochi 2014 il marchio EA7 di Giorgio Armani fornisce l'intero guardaroba formale e per il tempo libero alla squadra Olimpica e Paralimpica dell'Italia a Rio 2016.

Le divise sono di colore blu notte come ormai da tradizione sul quale spiccano le nuove galvaniche color oro della scritta Italia oltre al nuovo logo del Coni che torna ad avere l'aspetto classico dello scudetto tricolore.

La tuta destinata al podio si distingue grazie ai grandi inserti grafici bianchi a contrasto che richiamano il numero sette del logo EA7 della galassia Armani, mentre sul retro la scritta "Italia" è color oro. All'interno delle giacche e delle felpe è poi riportata, in oro e in corsivo, la prima strofa dell'inno di Mameli mentre sulle polo, sotto il collo, l'inizio dell'inno appare sulla fettuccia blu, visibile solo a colletto alzato.

Il kit di ogni atleta include tute, giubbino waterproof con cappuccio e zip centrale, smanicato e a manica lunga; polo a manica corta e a manica lunga blu e nella variante bianca con colletto tricolore e scritta 'Fratelli d'Italia' sulla fettuccia esterna; bermuda; pantaloni cargo corti e lunghi, con tasconi alti studiati per migliorarne la funzionalità; due modelli di scarpe da running - bianca e blu e nei colori della bandiera italiana - realizzate con l'innovativa tecnologia C-Cube (Carbon Cushion Control) che garantisce comfort e reattività.

"Quando si rinnova qualcosa di positivo ne siamo tutti contenti. È un ulteriore avventura. Speriamo continui così e che questo rapporto Coni-Armani sia sempre onesto. Ho cercato la semplicità e la funzionalità nel disegnare le divise. Magari vorrei cambiarne un po' la fisionomia, renderla più attualizzata. Qualcosa di più legato ai tempi", ha detto Giorgio Armani a margine della sfilata di presentazione.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines