Magazine Cinema

Dream Team

Creato il 21 novembre 2013 da Nehovistecose

(Les Seigneurs)Locandina

Regia di Olivier Dahan

con José Garcia (Patrick Orbéra), Franck Dubosc (David Léandri), Jean-Pierre Marielle (Titouan Legennec), Gad Elmaleh (Rayane Ziani), JoeyStarr (Shaheef Berda), Ramzy Bédia (Fabien Marandella), Omar Sy (Wéké N’Dogo), Sami Ameziane (Yoann Le Penis), Frédérique Bel (Floria), Clémentine Beart (Anne Legennec), Jean Reno (se stesso).

PAESE: Francia 2012
GENERE: Commedia sportiva
DURATA: 97′

Calciatore finito, alcolizzato e inguaiato col fisco, accetta suo malgrado di allenare una squadra di pescatori che vivono su un isolotto della Bretagna. Per arrivare ai 32esimi di coppa di Francia – vincendo così una somma che eviterebbe la chiusura della fabbrica di sardine che mantiene l’intera isola – chiama a sé una serie di ex campioni messi peggio di lui…

Scritta dai fratelli Philippe e Marc de Chauveron, una commediola sportiva d’oltralpe che racconta la storia di un’ennesima squadra-pollicino che arriva in alto. I film in cui una squadra di sfigati vince qualcosa spopolano da anni sia negli USA che in Inghilterra (meglio se lo scopo è quello di impedire che un’azienda chiuda), a tal punto che non è illegittimo parlare di un genere a se stante. Nulla di nuovo, dunque, ma qui le premesse per fare un buon film c’erano. Premesse deluse. Il film non decolla mai, è molto poco divertente (colpa anche dei brutti dialoghi), squilibrato a livello di scrittura (troppo spazio lasciato agli ex giocatori “finiti”, e nessuno ai pescatori operai dell’isolotto) e insopportabile quando va in farsa. Filmare il calcio giocato è da sempre una scommessa rischiosa; Dahan la perde su tutta la linea: la sua regia è piatta e dilettantesca, non c’è un’azione ripresa in modo emozionante e – colpa delle colpe – ogni tiro, azione, “veronica” è in realtà confezionata con pesanti ritocchi digitali. Certo, il film non annoia e non disturba, e va via veloce come un dribbling di Messi. Con la differenza che il secondo si ricorda, il primo finisce subito nel dimenticatoio. Bravo comunque il protagonista Garcia.

2



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines