Magazine Cinema

Dredd – La legge sono io

Creato il 04 aprile 2014 da Sbruuls

Stallone e la fantascienza, un binomio ideale, fanno proprio a cazzotti.
judge-dredd
Titolo: Dredd – La legge sono io
Cast: Sylvester Stallone, Armand Assante, Rob Schneider, Diane Lane, Max von Sydow
Regia: Danny Cannon
Protagonisti: Forze dell’ordine
Materia: Fantascienza, Americanata
Energia: Sparatorie, Combattimenti
Spazio: Usa
Tempo: Futuro

In un futuro lontano la terra non è piu abitabile e l’uomo vive in poche megalopoli sparse per il mondo.
L’ordine pubblico è mantenuto dall’ordine dei Giudici, una polizia che giudica sul campo, a Megacity il più famoso è il giudice Dredd temuto per le sue esecuzioni sommarie, anche dopo l’ennesima strage di cattivi, mandato in accademia a ripassare etica, questo non sposta le sue convinzioni di essere l’incarnazione della legge stessa.
Per togliere di torno lui e il suo anziano capo e creare il Caos creando un nuovo ordine sulle ceneri dei Giudici, Dredd viene incastrato e condannato al carcere a vita per omicidio, questo grazie ad un proiettile marchiato con il suo DNA.
Spogliato di ogni simbolo di quella legge in cui crede fugge nel trasferimento verso la prigione ed insieme ad un ladruncolo che lui aveva catturato inizia a cercare di capire chi lo ha incastrato mentre il caos regna a Megacity e i giudici muoiono come mosche.

Scoppi, sparatorie ed esplosioni con qualche frase ad effetto quà e là sono gli ingredienti principali del film che prende l’accattivante ambientazione, ben ricreata, da un personaggio dei fumetti.
All’epoca dell’uscita poteva sembrare un discreto film di fantascienza ma rivisto oggi non è altro che l’ennesima americanata.

Voto Finale: Debole

Frase del film: Io sono la legge!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines