Magazine Società

Due o tre cose sulle rinnovabili

Creato il 10 marzo 2011 da Fabio1983
Sono stato questa mattina al Teatro Quirino, all’incontro pubblico organizzato da SOS Rinnovabili per sondare il terreno e capire quanto sono incazzati coloro che operano nel settore delle energie alternative (avevo accennato qualcosa in questo articolo per Regione Digitale, ma ad ogni modo se ne è parlato tanto nelle ultime settimane). Iniziamo con il dire che sono incazzati parecchio e che tutti i torti non li hanno. Anzi. Il ministro Romani, con il decreto che sospende gli incentivi all’industria fotovoltaica, è riuscito a sconquassare un intero settore, a spaccare la maggioranza (con Micciché che fa il diavolo a quattro e che minaccia di imitare la Lega old school), Confindutria (dove non tutti i vertici condividono il parere del governo) e, inoltre, di andare incontro alle inevitabili sanzioni comunitarie (il pacchetto 20/20/20 sul clima rientra nell’ambito della strategia Europa 2020). Appurato tutto ciò, c’è da aggiungere che la retroattività del decreto bloccherebbe centinaia di investimenti (le banche già non concedono più i finanziamenti) e che tanti lavoratori sono dunque a rischio. Nel fotovoltaico, ad esempio, sono impiegati oltre 150 mila addetti. Durante il dibattito, mentre ascoltavo le testimonianze di piccoli e medi imprenditori, mi sono convinto che il problema dell’Italia è il futuro, non il presente. Più volte si è fatto riferimento al modello tedesco. La Germania, infatti, sta investendo a lungo termine sulle rinnovabili al di là delle scadenze previste. La sospensione degli incentivi significa non innovare e perdere l’ennesimo treno. Al contrario, porsi l’obiettivo della competitività entro dieci anni varrebbe il graduale azzeramento degli aiuti economici favorendo lo sviluppo di un’industria nazionale ancora assente. Creare un meccanismo virtuoso non è roba per noi. E il Paese arretra.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Due milioni su sessanta

    In Italia 611.438 famiglie possono contare su un patrimonio finanziario personale superiore ai 500mila euro, escludendo l’investimento immobiliare. Leggere il seguito

    Da  Diarioelettorale
    ECONOMIA, INVESTIMENTI, SOCIETÀ
  • Una poltrona per due. L’interrogazione

    poltrona due. L’interrogazione

    Ne avevamo scritto sul nostro sito già nel luglio scorso http://gruppoconsiliarehenridaumale.myblog.it/index-6.html Ora, come preannunciato in quell’occasione,... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • In due sabati, due manifestazioni

    Solo uniti saremo credibili!"La Fim Cisl - attraverso una lettera che il responsabile dell'Ufficio Stampa, Rosario Iaccarino, ha inviato alle maggiori testate t... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    LAVORO, SOCIETÀ
  • Due lattine

    lattine

    Tra i suoi cibi preferiti ci sono anche il pompelmo rosa mangiato a fette e la bresaola. Un consomme' viennese per primo, un tagliere di salumi stiriani come... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Due pesi e due misure

    Perchè al grande fratello i gigolo si e le mignotte no?Perchè c'è una cultura perbenista del cavolo.Cioè quelli si prostituiscono come le donne... Leggere il seguito

    Da  Wanderer
    SOCIETÀ
  • Due robe veloci sul PD...

    La prima... perchè "Chi dice che non c'è differenza sta tirando la voltata a Berlusconi" o, nel caso di Grillo, la sta tirando a se stesso... Leggere il seguito

    Da  Magobago
    SOCIETÀ
  • i due mammasantissima

    mammasantissima

    La puntata di ieri sera di Annozero (http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-b2559917-ff1f-4119-bf76-fa46c1fc76d3-annozero. Leggere il seguito

    Da  Nomadus
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ

Magazine