Magazine Poesie

Due poesie da La caduta di Bisanzio, Alessandro Rivali

Da Vivianascarinci

Era una solitaria ascesi

nella lotta contro il drago.

Un guardiano minacciava la sua opera:

quel sudario era telo di untori,

possibile irradiazione e contagio.

Un giorno avrebbe invocato

la rabbia degli sciacalli e dei cani,

su chi lacerava la grazia nel lutto.

Nel diluvio ritornava la promessa:

leggeremo insieme i poemi del mare.

.

Incideva i riquadri d’erba

e ripassava gli anni insieme,

la scelta dei regali ai figli,

i libri sottratti al contagio.

I dialoghi s’alzavano dal passato,

rocche sulla nebbia dei laghi.

Si accaniva sugli strati di torba,

anche le viscere conoscevano

la rovina della superficie.

Non dimenticare il tremito della mano.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines