Magazine Politica

E' morto Cossiga, qualcuno lo scrive ancora con la K

Creato il 17 agosto 2010 da Marcotoresini

E' morto Cossiga, qualcuno lo scrive ancora con la KE' morto Francesco Cossiga: me lo ha detto l'iPhone. Aveva 82 ed è la conferma che puoi passare indenne la stagione delle Br e di Gladio, puoi essere amico dei servizi segreti, puoi essere un sardo di quelli tosti ma l'immortalità non è di questa terra.
E' morto Cossiga ed è l'unico cognome che qualcuno si ostina ancora a scrivere con la K, altri alla doppia esse preferiscono le ss in stile "camice brune", germania hitleriana, giusto per evidenziare quanto l'uomo fosse di quelli che dividono un Paese. Personalmente lo incrociai un paio di volte, da presidente emerito ad una assemblea annuale della Compagnia delle Opere di Brescia in cui, da grande affabulatore, ci intrattenne su tutto e di più, e da presidente della Repubblica in carica, quando, negli anni da picconatore, per conferire con Mino Martinazzoli, trattenuto a Brescia dalla morte della madre, si fece "paracadutare" lungo la rotta per il Trentino dove era diretto per un impegno ufficiale, all'obitorio dell'Ospedale civile di Brescia, dove era allestita la camera ardente. Ricordo il suo "Ciao Minno" con un'inflessione sarda da manuale e il lungo colloquio in un ufficio, deserto visto che era una domenica mattina, dell'amministrazione del nosocomio cittadino. Ricordo sorridendo i bresciani in visita parenti che chiedevano curiosi ragione di quel biscione di quaranta auto blu che ingolfava i viali interni all'ospedale e i poveri agenti della guardia presidenziale che faticavano a gestire la sicurezza di quel inatteso fuori programma, tanto che, nonostante la rigidita del protocollo,  mi ritrovai fortunosamente ad attendere il Presidente appoggiato alla portiera della sua auto, senza che nessuno  mi chiedesse cosa ci facessi lì.
Amato, odiato, comunque un personaggio, un navigatore di mari limacciosi, una carpa che sa sopravvivere nel fango e si esalta nelle acque limpide: ma chi era Francesco Cossiga?
A lui Mino Martinazzoli dedica più di un passaggio della sua autobiografica "Uno strano democrestiano". Cossiga era quello che lo confortava quando, da presidente della commissione parlamentare d'inchiesta sullo scandalo Lockheed, il parlamentare bresciano stava per imbarcarsi su un aereo (leggendario il terrore per il volo di Martinazzoli) alla volta degli Stati Uniti ("Vedrai che torni, vedrai che torni" ripeteva nel tragitto verso Fiumicino tenendogli quasi la mano). Ma Cossiga era anche la scheggia impazzita dell'universo Dc. "Siamo amici - spiega Martinazzoli - anche se non sempre condivido le sue idee. ma del resto l'amicizia vale più delle opinioni politiche. Nell'ultimo periodo della sua presidenza Cossiga ha avuto con la Dc rapporti tutt'altro che sereni. Fu uno dei protagonisti del passaggio tra la prima e la seconda Repubblica. Era la voce che, dall'interno, gridava che il re era nudo. Naturalmente ai suoi amici non poteva non apparire una sorta di tradimento in un momento nel quale occorreva essere uniti e convinti in una battaglia da intraprendere. Del resto, se parlo della mia esperienza, devo dire che non l'ho certo trovato d'accordo nel momento in cui ho tentato l'estrema resistenza alla guida del Partito popolare".
IL COSSIGA- PENSIERO
 

 

 

 

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cossiga? No, grazie

    Cossiga? grazie

    Tutti i giornali strombazzano che Cossiga è stato in politica per 60 anni. Allora rispondete a questa semplice domanda: se fosse defunto a 22 anni invece che a... Leggere il seguito

    Da  Dragor
    OPINIONI, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Cossiga uno statista? Mavalà!

    Cossiga statista? Mavalà!

    Che sia stato un personaggio “controverso” non siamo certo noi a scoprirlo né, tantomeno, a doverlo raccontare. La sua “storia” è sotto gli occhi di tutti,... Leggere il seguito

    Da  Massimoconsorti
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • I sassolini dalle scarpe di Cossiga

    Mi ricordo quando un mattino, in un giornale radio, sentii lo speaker che annunciava che il presidente della repubblica Cossiga, in una nota, domandava al poter... Leggere il seguito

    Da  Lebarricate
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Cossiga è vivo

    Cossiga vivo

    Cossiga non è morto. È tutta una farsa. Cossiga è vivo ed è in mezzo a noi. Tutta quella messa in scena non è che l’ultima trovata del più misterioso politico... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • E-e-e-e-e-e-e-e-e stop telephonin' me

    E-e-e-e-e-e-e-e-e stop telephonin'

    Quando ti telefona un operatore del call center, che chiami da Telecom, Infostrada, Tele2 o quant'altro, sai già cosa aspettarti.Quando ti telefona Silvio... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • In ricordo del Sardo-italiano Francesco Cossiga

    Ognuno di noi, credo, ricorda le persone che non ci sono più per un episodio particolare, anche quando, come nel caso di Francesco Cossiga, le cose da ricordare... Leggere il seguito

    Da  Zfrantziscu
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • Lettera di Cossiga a Berlusconi

    Lettera Cossiga Berlusconi

    Signor Presidente, dopo le tre lettere alle più alte cariche dello stato viene lei, l'altissimo. Come ho fatto a definirla un demone spregiudicato? davvero di... Leggere il seguito

    Da  Gians
    POLITICA ITALIA, SATIRA, SOCIETÀ