Magazine Diario personale

E’ peggio essere gay o pedofili?

Da Gattolona1964

Buongiorno a tutti, vorrei agganciarmi ad un post molto interessante che mi ha colpito moltissimo. L’ho letto attentamente sul blog dei miei amici “Moschettieri”, (umanoidipazzoidi). L’articolo ben strutturato, tratta il complesso argomento delle unioni tra persone dello stesso sesso.  I ragazzi, hanno anche fatto riferimento, giusto peraltro, all’antica Grecia e a Plutarco, dove le attenzioni di adulti maschi nei confronti di ragazzini era all’ordine del giorno. Il mio pensiero personale oggigiorno, anno 2014, l’avevo già espresso nel post intitolato”essere gay o lesbiche non è essere diversi”, scritto il 14 agosto 2013, ed archiviato su “I miei articoli pubblicati sul Resto del Carlino”. E’ inutile ricordarvelo perciò. Una delle lettrici/ori del blog si poneva il seguente quesito, a seguito di un lungo dibattito:
“Ma tu ai tuoi figli non diresti cosa è giusto o cosa non è giusto? Loro hanno bisogno della differenza perché sennò rimangono confusi.” Orbene, abbiamo compreso che i figli hanno bisogno della differenza, cioè hanno bisogno di avere come riferimento corretto e dignitoso di un genitore maschio e di un genitore femmina per crescere sereni e felici. Invece no. I bambini, hanno innanzi tutto bisogno di avere accanto due figure che non siano in contrasto tra di loro, cioè che non devono urlarsi a vicenda quando si parlano, che non si  picchiano come consuetudine, né tanto meno picchiano i figli o si ubriacano davanti a loro.  Due figure che seguono la stessa linea di vita e di insegnamento, due figure che possano trasmettere valori ed amore e sulle quali i bambini, possano sempre contare. Mi troverei in grossa difficoltà a spiegare a mia figlia Alice Aurora di anni 9, come mai ed il perché, hanno raccontato al telegiornale,con dovizia di particolari, che un nonno e una nonna, (figure fondamentali per la serena crescita di un bambino!) hanno violentato il nipotino. Perchè per anni, nessun famigliare si è mai accorto di nulla, o se sapeva ha taciuto, rendendosi complice di un fatto gravissimo?? I nonni, sottolineo che sono un uomo e una donna. erano un uomo e una donna, cara lettrice, la differenza di sesso c’era, la deviazione mentale o la malattia psichiatrica pure.Non saprei nemmeno come giustificare il perché un alto prelato, come un cardinale, un vescovo, un papa (V: Borgia…) o un basso pretino di montagna, non mi interessa, ha sodomizzato e abusato per anni, bambini e bambine innocenti. Doveva occuparsi delle loro anime e della loro crescita, che fosse sana, priva di immoralità, religiosa, pulita e acculturata. Ed invece? Violenze taciute per anni, che hanno creato adulti cattivi, violenti, labili mentalmente, psicologicamente disturbati, dei potenziali violentatori a loro volta, potenziali genitori crudeli e abusatori quasi certi dei loro figli. Genitori sempre uomo et donna, con la differenza incorporata!. Desidero precisare e sottolineare che una coppia che si ama profondamente, che si rispetta, che non dà scandali pubblici, che svolge il proprio lavoro in modo onesto e leale, che decide di percorrere un cammino insieme, con rispetto e dignità profonde, a me personalmente non da fastidio e non mi fa differenza da quale dei due sessi è formata. Non esistono categorie a parte, non esistono i gay, le lesbiche, le coppie omosessuali, bisessuali o trisex:siamo noi bigotti che vediamo coppie diverse, mentre i diversi siamo o potremmo diventarlo anche noi, gente perbene un giorno!! Dovrebbero esistere solo persone che si amano e, se desiderano prendersi cura di quei bambini abusati, la legge glielo consenta. Un bambino ha bisogno di amore, di cure, di non essere “toccato” da mano sporca e lussuriosa, ha bisogno di nutrimento d’amore e di riferimenti certi se si ammala, se prende un brutto voto a scuola, se la ragazzina non gli è più amica, oppure se ha subito atti di bullismo. Cari signori e care signore, è ora di parlare della pedofilia, soprattutto dei preti pedofili, in modo forte e chiaro,senza stendere più veli omertosi. Anche Papa Francesco lo sta facendo, con i dovuti e rispettosi metodi, senza peli sulla lingua però. Ha deciso in coscienza e davanti a Dio di non rimanere più in silenzio davanti alle grida di quei ragazzini abusati, ai quali veniva messa una pezza in bocca per non farsi udire. Quante grida in quelle cellette degli orfanotrofi? Quanto sangue uscito dai corpicini di parti intime e sante, appartenenti a bambine o bambini puri e vergini è stato versato su quei muri dei bagni, sulle lenzuola dei lettini, sui tavoli freddi delle infermerie, dentro ai confessionali? Tutte queste mura, tacite tesoriere di segreti inenarrabili,  se potessero parlare, denuncerebbero tutti quantim poi si sbriciolerebbero in mille puntini adimensionali.  Il nostro amato Papa e papà, non starà più zitto su quelle orge, come hanno fatto i suoi predecessori, papa Wojtyla e papa Ratzinger. Quest’ultimo, al limite dello scandalo e della bomba atomica che gli stava scoppiando tra le mani, non ha retto e ha dovuto dare le dimissioni. Concludo dicendo che Gesù se fosse vivo e tra di noi, brucerebbe i pedofili, coloro che vendono droga, i trafficanti d’armi, i protettori ed incitatori alla prostituzione, i mafiosi, coloro che violentano e poi uccidono i bimbi…. Gesù,  non condannerebbe sicuramente una coppia serena e seria, formata da due donne o da due uomini, che come unico desiderio, ha quello di far felice un bimbo solo. Riflettiamo. e non facciamoci inutili e sterili domande sulla “differenza”.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog