Magazine Passione Motori

Eicma 2015

Da Racing Cafè
L'edizione 2015 del salone motociclistico più importante del mondo è stata caratterizzata, a mio avviso, da una ritrovata "vitalità" del settore che già si era apprezzata lo scorso anno. Mi ha sorpreso la Honda, che oltre alla spettacolare Africa Twin - tra le regine di questo salone insieme al concept Husqvarna 701 Vitpilen e alla Ducati XDiavel  - ha presentato ben 4 prototipi che rappresentano un rinnovato interesse della casa motociclistica più grande del mondo verso moto emozionali e innovative. Dopo il salone di Tokyo, pensavo che le novità fossero esaurite. Evidentemente il successo delle nuove Yamaha (sia quelle di serie che le versioni speciali) comincia a smuovere i piani dirigenziali della casa alata dopo anni di moto più efficienti che fedeli al motto "The power of dreams".

Moto Guzzi: la nuova piattaforma V9 promette bene, anche se mi auguro di vedere in un futuro molto breve un'erede della Griso e una gamma di nuove moto stradali moderne con 110-130 cv e un'estetica azzeccata. La nuova bagger MGX-21 mi è piaciuta, anche se il concept dell'anno scorso dalla quale deriva aveva una "marcia in più".Mi hanno deluso molto sia Suzuki che Aprilia. La prima con il finto concept GSX-R 1000: oltre ad essere troppo simile frontalmente alla sportiva Hyosung GT, non mi pare che vogliano seriamente interessarsi al settore moto. Resuscitare la sigla SV per l'erede della Gladius non basta: servono moto diverse, che non nascano già vecchie. Occorre svecchiare la gamma, magari partendo da una reinterpretazione di modelli storici. Nella gamma Suzuki non c'è nulla di tutto questo. Per non parlare dell'attenzione dedicata alle special, completamente sconosciuta.Aprilia continua ad investire sulla piattaforma V4: troppo specialistica e costosa per fare grandi numeri. Pensavo a delle variazioni interessanti sulla bicilindrica 750, magari una versione enduro (bastava anche un concept) per contrastare la BMW F 800 GS e la Triumph Tiger 800. Nulla di nulla. Tutto già visto e immutato. Difficile sperare in un futuro radioso senza novità e con segnali decisi sulla direzione da prendere. 

Non resta che consolarsi con Ducati: una gamma di moto davvero ben fatte, tecnologiche e soprattutto dedicate al pubblico giovanile. Avanti così!

Concludo il post parlando di Yamaha: l'attenzione verso il mondo delle special e tutti i progetti Yard Built mostrano un costante interesse verso questo settore, con ovvi benefici non solo per l'immagine del marchio ma anche per la creazione di nuovi modelli come la recente famiglia XSR.  Sarebbe un peccato - per tutto l'ambiente - non prendere ispirazione dalla recente politica della casa dei tre diapason. La moto è soprattutto emozione, e certe case si ostinano a non volerlo capire.Francè

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015

Eicma 2015
Foto: Racing Cafè

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :