Magazine

Elenco delle parole sbagliate che amiamo utilizzare!

Creato il 04 aprile 2014 da Moveup

Scritto da: Nina Catalano 4 aprile 2014 in Notizie dal mondo Inserisci un commento 66 visite

Parole sbagliate che amiamo utilizzare!

Che poi, un giorno, ti svegli e mangi solo le insalatone!

Esistono un sacco di parole sbagliate e senza senso che amiamo utilizzare, non perché ci sembrano belle, ma perché sono entrate a far parte della nostra quotidianità: li sentiamo in TV, li leggiamo sul web, li sentiamo dire spesso a colleghi, amici e parenti, che insomma, li usano perché il linguaggio, che sia anche quello più formale, tende sempre di più ad avvicinarsi a quello informale.

Cosa ancora più straordinaria è l’esperimento di una persona che, talmente ci ha fatto caso alle parole sbagliate che amiamo utilizzare, che ha pensato di fare una collezione. Insomma, l’elenco è vasto, ma qui, ne riportiamo solo alcuni, anche perché se non l’avete ancora capito, non si salvano neanche i poeti o gli scrittori.

Esempi di parole sbagliate utilizzate dalla massa:

1. Piuttosto che… (esempio: preferisco andare al mare piuttosto che al lago e in montagna).

La frase, in questo caso, significa: “mi piace andare al mare e anche al lago (è indifferente)”. Per dire invece quello che “stranamente tutti abbiamo compreso“, si sarebbe dovuto utilizzare un “come anche” al posto di “piuttosto che”.

2. Assolutamente (esempio: Ti piace leggere? Assolutamente!!! )

Assolutamente è un rafforzativo e quindi non va usato da solo. Si deve per forza accompagnare, ad esempio, da un Si oppure da un NO!, ma non solo.  Qui vorrei davvero aprire un dibattito, perché conosco molte persone che per darsi delle arie, optano per l’assolutamente secco, che ogni volta io ci rimango male, perché non capisco. Mi verrebbe da dire, assolutamente che?

Sarà colpa di Ruzzle?

parole italiane grammaticalmente scorrette

Non si salvano neanche i Manager: parole sbagliate

Non solo parole sbagliate usate senza un criterio, ma c’è anche un vasto elenco di parole inventate dai manager che sono del tutto frutto della loro brillante fantasia. Davvero, NON esistono, eccole:

1. Attenzionare: ti devo attenzionare una mail ?!?!?!?!?!?! Anche Word te lo segnala in rosso..

2. Briffare: Ti devo briffare, oggi ne vedrai delle belle! (dall’inglese briefing, riunione aziendale in cui, il manager impone determinati obblighi come scadenze e consegne).

Non abbiamo ancora finito: ecco ancora alcune delle parole sbagliate tuttavia dall’utilizzo  simpatico:

1. Anche no! E’ errato, nasce grazie a Walter Veltroni e alla satira di Corrado Guzzanti. Entrato nel vivo del linguaggio romano si è diffuso in tutta la città e in generale in tutto lo stivale.

2. Insalatona: ?!)! Insalata grande, termine coniato da chi ha la fissa della dieta, per cenare con una dose massiccia di insalata. E’ un termine dettato dalla moda del momento e magari, fra un paio di anni non esisterà più, oppure, ci saremo talmente abituati che non ci faremo più caso.

3. Apericena: quante volte avete letto questa parola, online o sulle locandine in città? E’ anch’essa la moda del momento, tutti organizzano apericene per riempire locali, offrendo un drink e qualcosa da mangiare a prezzi davvero contenuti, ma anche qui, vale lo stesso ragionamento dell’insalatona. Queste parole non esistono.

Pensate di stampare un volantino con un errore di battitura o grammaticale. Ecco è la stessa identica cosa.
Se avete altre parole insensate da inserire nel pezzo, inviateci le vostre segnalazioni, dall’apposito campo, Lascia un commento!

 


Commenta l'articolo parole italianizzate parole sbagliate termini scorretti di uso comune

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :