Magazine Ecologia e Ambiente

Energia pulita dalle scarpe!

Creato il 24 febbraio 2016 da Deboramorano @DeboraMorano

shoe-energy-footsteps-1-e1455293138657

Nel 2011 gli ingegneri meccanici Tom Krupenkin e Ashley Taylor dell’Università del Wisconsin-Madison si sono attivati per realizzare un modello di scarpe “green” grazie all’energia cinetica del passo.

Lo scopo del progetto è quello di di trasformare il movimento del corpo in energia pulita da riutilizzare per ricaricare piccoli apparecchi elettronici.

Il passaggio dall’idea alla vendita sul mercato, tuttavia, non è stato così semplice come i due ricercatori credevano.

Sulla rivista “Nature” è stata pubblicato il loro ultimo studio illustrante i passi in avanti fatti in questa direzione.

Gli ingegneri hanno dichiarato di ever proposto e dimostrato con successo un nuovo approccio per la conversione diretta dell’energia meccanica in energia elettrica utilizzando la microfluidica.

Con questo sistema si combina la creazione di piccole bollicine dinamiche ad un fenomeno chiamato REWOD (detto anche “elettrowetting inverso su dielettrico”), ossia la produzione dell’energia elettrica ottenuta grazie al movimento veloce di gocce di liquido conduttivo su superfici realizzate con isolanti elettrici. Secondo i due scienziati grazie a questo metodo sarà possibile generare una grande quantità di energia.

Le goccioline conduttive sono contenute tra due piastre interne alle scarpe. La piastra inferiore, essendo forata, consente all’aria di passare tramite la pressione esercitata da ogni passo: ciò permette di creare in maniera continua e veloce delle bolle che scoppiano nel momento in cui urtano con la piastra superiore. A creare elettricità sono quindi gli spostamenti rapidi e dinamici delle gocce di liquido.

Durante gli esperimenti nei laboratori dell’Università Wisconsin-Madison, i due inventori sono riusciti a raggiungere i 10 W per metro quadro, ora l’obiettivo è quello di raggiungere i 10 KW per metro quadro.

(fonte: www.ambientequotidiano.it)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :