Magazine Opinioni

Engels aveva bevuto!

Creato il 25 giugno 2013 da Francosenia

picture-010

« E che vino! Che varietà: dal Bourdeaux al Bourgogne, dal Bourgougne al corposo St-George, al Lünel al Frontignan del sud, fino allo spumeggiante Champagne! Quale scelta di bianchi e di rossi: il Petit Mâcon, lo Chablis, lo Chambertin, lo Château Larose, il Sauterne, il Roussilloner, l'Aï Mousseux! E se si pensa che ognuno di questi vini dà un'ebbrezza diversa e che con poche bottiglie si possono attraversare tutti gli stadi intermedi dalla quadriglia alla marsigliese, dal piacere folle del cancan all'ardore selvaggio della febbre rivoluzionaria per tornare alla fine, con una bottiglia di Champagne, all'umore carnevalesco più lieto del mondo! E solo in Francia vi è una Parigi, una città in cui si dispiega la civiltà europea all'apice della sua fioritura, in cui si raccolgono tutte le fibre della storia europea e da cui, a intervalli di tempo regolari, provengono le scosse che fanno tremare il mondo intero; una città la cui popolazione riunisce in sé come nessun'altra la passione del godimento con la passione dell'azione storica, i cui abitanti sanno vivere come i più raffinati epicurei di Atene e morire come più impavidi spartani, come Alcibiade e Leonida in uno; una città che veramente, come dice Louis Blanc, è il cuore ed il cervello del mondo. »

- Friedrich Engels - Von Paris nach Bern – da ‘Die Neue Zeit’, Stuttgart 1859 -

Nota - commenta Eduard Bernstein: "Benché si tratti di un frammento, questo appunto di viaggio ci dà un'immagine del suo autore più completa che qualunque altro dei suoi lavori."


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • confini

    confini

    Addio alla Città? di James Heartfield In una recente occasione allo Institute of Contemporary Arts (ICA) di Londra, mi è stato chiesto di parlare del... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Un mondo incantato

    mondo incantato

    Alienazione, reificazione e feticismo della merce di Anselm Jappe Al tempo della Seconda Internazionale (1889-1914), la teoria di Marx venne trasformata in... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • I marxisti e la Grande Guerra

    marxisti Grande Guerra

    di Giorgio Gattei (*) Una pace “per sempre”: da Kant a Angell. La guerra è brutta – e chi lo nega! Però la si fa – e come si spiega? Leggere il seguito

    Da  Zeroconsensus
    ATTUALITÀ, ECONOMIA, POLITICA, SOCIETÀ
  • Il tempo è scaduto

    tempo scaduto

    Crisi e Critica - Il limite interno del capitale e le fasi di avvizzimento del marxismo - di Robert Kurz Un frammento Nota: Il 10 febbraio de... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI
  • Tempi di crisi

    Tempi crisi

    Crisi e Critica - Il limite interno del capitale e le fasi di avvizzimento del marxismo - di Robert Kurz Un frammento Nota: Il 10 febbraio de... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Robot e moduli da riempire

    Robot moduli riempire

    Il pezzo che segue, di David Graeber, è abbastanza lungo, e devo dire che alcuni dei suoi passaggi (notamente, lo spostare il problema dalla sfera della... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI

Magazines