Magazine Arte

Era farsi – Margherita Rimi

Creato il 28 giugno 2012 da Wsf

Era farsi – Margherita Rimi

Era da tanto che non incontravo un discorso così intenso sul silenzio. A questo penso, oggi, tornando a immergermi, come si fa, nella lettura di questa così bella Autoantologia di Margherita Rimi, che porta in dote (di una vita) la parte che sinora è data.

Su un nucleo tematico dolente, che lavora sulla rottura, sulla ferita, sull’inciampo, sulla perdita e sulla mancanza, ogni suo verso è rispettoso, rigoroso, non indulge al vezzo o al cedimento della interpretazione, e si concede invece, intero, ad ospitare una esperienza. Multipla e personalissima (pirandelliana).

Ed gni verso, ogni sezione, all’incrocio degli anni, nomina un modo per stare nel silenzio. Per consumarlo da dentro e portare in emergenza, in superficie, non un’ipotesi, non un disvelamento, ma un fiato, la compiutezza di un respiro. E sembra, quasi sempre, che sia il primo. Il primo in vita.

Ci sono sorellanze, figlitudini, adozioni, prese in carico, accoglienze. Di sentimenti e di silenzi. Ci sono movimenti che trapassano le pagine, vanno da un verso all’altro, come il tempo che si è scelto per dividere ciascuna traccia di ricerca. Ci sono biografie intensissime, struggenti. Ci sono temi, ci sono gesti e ci si inciampa, nella lettura, in quella sensazione di contatto. Toccare è un verbo che ritorna, come una mossa, ossessione silenziosa, sussurrata, come un fantasma che si fa anomatopea, toc, toc toc, sotto a chi tocca.

Ci sono mondi che attraversano chi legge, e mondi ad ogni verso, ad ogni gruppo di versi, ad ogni testo. E’ come se ogni storia, ogni persona, fosse davvero nominata, proprio per nome, con confidenza per condivisione, per scommessa, ma senza alcuna violazione di perimetro. E c’è ad un tempo, precisissima, la presa incarico del danno, la presa in carico del battito.

E il tema è il tema del silenzio, e della sua decostruzione. La costruzione di grammatiche che stanno al danno (sul linguaggio) come sa stare, prossima, la cura dell’ascolto. La costruzione (interna) dell’ascolto.  Ed è una poesia generosissima, che si fa intima per essere, che non proclama, non esclama. Quella punteggiatura rotta al verso, che pure è fluida, canta, incanta. Come ci incantano le fronde se guardiamo il bosco con il corpo. Persino spaventando.

Il lavoro che c’è dietro questa antologia è potente, per convergenza di rigore scientifico verso un vissuto dedicato a contenere le drammatiche (ed uso qui uno dei versi più struggenti della Rimi) e l’altrettanto rigore di ricerca che c’è per una parola e una poetica che possan dire, senza contraddire, come si fa quando si ascolta. Con voce piccola si ascolta, e quel che arriva è dato.

Cos’altro domandiamo, alla poesia, oggigiorno, se non questo saper portare senza voler recedere dal desiderio che la voce si apra, si faccia corpo, sappia sedimentarsi, senza intaccare la dimensione intima che sta all’ascolto?

Una raccolta, questa di Margherita Rimi, di straordinarie intelligenza e volontà (operative, sociali, sentimentali). E, quindi, una semina preziosa.

(ng – Roma, giugno 2012)

*

Margherita Rimi – Era farsi, Marsilio, 2012


Filed under: poesia, Recensioni, scritture Tagged: Margherita Rimi, Nerina Garofalo, poesia, WSF

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Margherita Dolcevita [Milano]

    Margherita Dolcevita [Milano]

    Una ragazza alta, gira senza la borsa. Legge sorretta dalla porta. La metro è quella verde ed a quest’ora sono tutti ancora un po’ assonnati. C’è stranamente... Leggere il seguito

    Da  Librimetro
    CULTURA, LIBRI
  • Era ora

    16.08: chiuse le conte, spente le luci, scambiati gli ultimi abbracci e auguri, ora di tornare a casa. Ho fatto una tappa lungo la strada per comprare lievito... Leggere il seguito

    Da  Unarosaverde
    CULTURA, LIBRI
  • la neve era sporca...

    neve sporca...

    Giuliano Pasini è un esordiente molto dotato, appena sbarcato alla TimeCRIME, nuova costola decisamente noir della casa editrice romana Fanucci. Lo abbiamo... Leggere il seguito

    Da  Omar
    CULTURA
  • Chi era Rossetti?

    Rossetti?

    Dante Gabriel Rossetti era un poeta e pittore londinese nato nel 1828. Insieme ad altri artisti e letterati sviluppò la filosofia della confraternita dei... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Il Vegetarianismo Applicato di Margherita Hack

    Vegetarianismo Applicato Margherita Hack

    Postato il marzo 15, 2012 | LETTERATURA | Autore: Loredana AielloUn po’ prevedibile nelle argomentazioni, ma senza dubbio interessante, è l’ultimo libello... Leggere il seguito

    Da  Dietrolequinte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Chi era Don Chisciotte?

    Chisciotte?

    Questo personaggio nasce dalla penna di Miguel Cervantes . Don Chisciotte è un gentiluomo di campagna, che rappresenta quella nobiltà decaduta della Spagna del... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • "Gli amici del bar Margherita"

    "Gli amici Margherita"

    Ogni tanto bisogna tornare al cinema italiano e vedere cosa combinano i nostri registi più bravi. Pupi Avati, che tra i tanti sicuramente si distingue, ci... Leggere il seguito

    Da  Odette
    CINEMA, CULTURA

Magazines