Magazine Cultura

Europa, Siria, migranti e barconi, una tragedia senza fine

Creato il 15 settembre 2015 da Dfalcicchio

Siria

Anche la Germania ci ripensa. La situazione relativa ai migranti in arrivo in Europa sta mettendo a dura prova i nervi e la tenuta del Vecchio Continente e adesso che anche la Merkel ha deciso di sospendere temporaneamente Schengen per problemi collegati al gran numero di arrivi degli ultimi giorni, la trama si infittisce.

In un paio di settimane siamo passati dalla quasi abitudine a leggere notizie relative all’ennesima tragedia in mare – con conseguenti dichiarazioni di rito dei premier europei – ad un atteggiamento sproporzionatamente accogliente da parte di alcuni Stati senza nel frattempo aver capito bene quale sia stata la chiave di volta né quale siano le soluzioni pensate per risolvere o almeno iniziare ad intervenire lì dove la questione nasce.

Improvvisamente, con l’arrivo di migliaia di profughi alle frontiere ungheresi, il problema è diventato prioritario – e finalmente ci sarebbe da aggiungere – ma è facile pensare che senza la famosa foto del bimbo siriano riverso in terra su di una spiaggia turca, tutta questa efficienza non sarebbe stata possibile.

Il fatto in sé non ha bisogno di commenti, ed è altrettanto normale ammettere che un sincero moto di sdegno e tenerezza abbia colpito tanto il cittadino comune quanto un qualsiasi Premier europeo.

Ma mentre il primo non ha pressoché responsabilità dirette verso questi fatti, i secondi non possono soltanto limitarsi a reazioni dettate dall’emotività.

Quando ad aprile scorso affondò un barcone portandosi dietro circa 950 persone risucchiate dalle acque del canale di Sicilia, il mondo si indignò allo stesso modo o quasi. E quella volta a morire, secondo i racconti dei superstiti ,furono tra i 40 e i 50 bambini. Affogati, proprio come il bimbo siriano. Mancando la foto, forse, mancarono le motivazioni emozionali oltre che di propaganda.

Allo stesso modo il 14 settembre, proprio mentre la Germania bloccava la libera circolazione per fermare i flussi verso il suo territorio, un barcone al largo delle coste greche si ribaltava facendo 30 morti di cui molti bambini.

Questo dovrebbe bastare a chiarire il fatto che se accoglienza deve essere, non può configurarsi come una lotteria che premia chi si trova nei paraggi in quel momento come avvenuto per i flussi verso Austria e Germania, ma qualcosa di strutturato con delle regole stabilite e soprattutto condivise prima ancora di cominciare.

Senza regole certe all’interno dell’Unione, si tornerà inesorabilmente a quanto visto nei mesi scorsi con un caos che si ripercuoterà inevitabilmente su coloro che effettivamente accolgono e sui poveri che arrivano.

Questo soprattutto alla luce di quanto sta accadendo in questi giorni, con alcuni Stati che, con ragioni più o meno condivisibili, hanno rifiutato totalmente la possibilità di ospitare sul proprio territorio i profughi in arrivo.

Se poi volessimo dare uno sguardo più ampio alla questione e non limitarci soltanto a tamponare le conseguenze di un problema, un passo importante sarebbe quello di trovare una strategia utile a disinnescare quella bomba umanitaria che è la Siria. Ma vista la confusione tra un occidente che vuole bombardare l’ISIS e allo stesso tempo chiede la cacciata di Assad, e la Russia che su quest’ultimo non intende cedere, di soluzioni all’orizzonte, al momento, non se ne vedono.

Luca Arleo


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Europa Report – Sebastian Cordero

    Europa Report Sebastian Cordero

    8 settembre 2015 Lascia un commento "Tutti questi mondi sono vostri tranne Europa". Cosi’ ci aveva lasciato Clarke alla fine della seconda odissea, col monito... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Commovente commemorazione al Quartiere Europa

    Commovente commemorazione Quartiere Europa

    Il comitato delle inaugurazioni si è portato nel quartiere Europa a celebrare i dieci anni della Centrale di Cogenerazione. Presenti le massime e le minime... Leggere il seguito

    Da  Jet
    ARTE, CULTURA
  • Siria: la russia attacca

    :::: Giorgio Da Gai :::: 5 novembre, 2015 ::::   A fine settembre sono iniziati i bombardamenti russi contro il “Califfato” e le milizie jihadiste. Leggere il seguito

    Da  Eurasia
    CULTURA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Europa Report

    Europa Report

    è un film di fantascienza “spaziale” girato con la tecnica del found footage e che risulta focalizzato sui caratteristici topos sci-fi propri del genere di... Leggere il seguito

    Da  Paopru
    CINEMA, CULTURA
  • Islam ed Europa

    Islam Europa

    Gli imam:  Islam ostaggio degli estremisti Ecco il testo scritto dagli imam di Francia e riportato dal quotidiano "L'Avvenire": Cari musulmani e care... Leggere il seguito

    Da  Jet
    ARTE, CULTURA
  • Povera Europa

    Povera Europa

    Erigi un muro di qua, chiudi una frontiera di là… L’Italia è rimasta l’unica con i confini aperti e si trasformerà in un gigantesco campo di cland… opps…... Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Europa…vecchio scarpone.

    Europa…vecchio scarpone.

    Il 25 marzo del 1957, nel secolo scorso, alcuni uomini politici ebbero il coraggio di guardare lontano facendosi avvolgere da emozioni costruttive, certi... Leggere il seguito

    Da  Bruno Carenini
    OPINIONI