Magazine Attualità

Evviva le chiacchiere di Carnevale

Creato il 12 gennaio 2012 da Yellowflate @yellowflate

Evviva le chiacchiere di CarnevaleLe chiacchiere sono un tipico dolce italiano per il periodo di carnevale. Bugie, frappe, cenci, gale, maraviglias, ogni regione italiana le chiama in modo diverso. La differenza nella denominazione sarebbe dovuta, più che alla ricetta con cui sono fatte, alle forme diverse con cui la sfoglia di pasta viene tagliata. Un’altra scuola di pensiero, lega invece l’origine del nome ad un suono onomatopeico, che si produce quando, per l’estrema friabilità essa si rompe appena arriva alla bocca.

Tipici dolci di carnevale, le chiacchiere hanno un’antichissima tradizione che probabilmente risale a quella delle frictilia dell’antica Roma, durante le liberalia, feste  in onore di divinità protettrici della fecondità campestre. Le donne romane, col capo cinto d’edera, preparavano le frictilia, pizzette fritte col miele da offrire agli altari degli dei. Erano questi dolci fritti nel grasso di maiale e venivano prodotti in gran quantità poiché dovevano durare per tutto il periodo della Quaresima.

Le chiacchiere di carnevale si realizzano velocemente impastando la farina con uova, zucchero e gli altri ingredienti, poi dalla pasta  si ricaveranno delle striscie o degli anelli che verranno fritti nell’olio e cosparsi di zucchero a velo.

Ingredienti
300 g farina
50 g zucchero
2 uova
100 g burro
1⁄2 c vino bianco secco

Sulla spianatoia disponete la farina a fontana, nel mezzo mettete le uova intere, il burro ammorbidito, un pizzico di sale, lo zucchero e il vino bianco. Lavorate bene l’impasto sino a renderlo consistente ma non troppo sodo. Fatene una palla e mettetelo a riposare in luogo fresco, avvolto in un panno, per circa un’ora.
Tagliatelo in pezzi e col matterello stendete ogni pezzo in sfoglie dello spessore di 2-3 millimetri, con la rotellina tagliatele a losanghe, a nastri, con alcuni formate dei nodi senza stringere e gettateli, pochi alla volta, nell’olio fumante.
Appena dorati, metteteli a scolare per eliminare l’eccesso di grasso.
Serviteli cosparsi di zucchero a velo vanigliato.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Evviva la semplicità

    Evviva semplicità

    Più è semplice è la comunicazione più è efficace; così la pensano i creativi dell’agenzia brasiliana DPZ, che per realizzare la campagna di advertising del... Leggere il seguito

    Da  Ilovegreen
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Tanzania / Evviva gli squali-balena !

    Tanzania Evviva squali-balena

    La notizia di oggi è veramente simpatica e in un certo senso benaugurante per il Tanzania. Solitamente, specie nei mesi estivi, quando la gente va al mare,... Leggere il seguito

    Da  Marianna06
    SOCIETÀ
  • La rivoluzione culturale di Fantozzi: evviva la Potemkin

    rivoluzione culturale Fantozzi: evviva Potemkin

    L'appuntamento di stasera in Piazza Maggiore è di quelli che attireranno le grandi folle: sarà proiettato Il Secondo Tragico Fantozzi. Riporto, di seguito, un... Leggere il seguito

    Da  Tiba84
    OPINIONI
  • Evviva il 7° Cavalleggeri di Wall Street!

    Evviva Cavalleggeri Wall Street!

    Era un po' di giorni che mi stavo chiedendo:ma con tutto questo continuo scatafascio delle Borse si sta veramente rischiando la Resa dei Conti di questo Mondo d... Leggere il seguito

    Da  Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • Evviva i primini!

    Evviva primini!

    Ieri è stato un grande giorno per tanti piccini! Il primo giorno di squola scuola!Ce li immaginiamo emozionatissimi (in realtà ci immaginiamo ancora più... Leggere il seguito

    Da  Ilvillaggiodeidesideri
    CONSIGLI UTILI, TALENTI
  • Evviva lo squelch

    Per la scienza odierna gli ‘antichi’ rischiano spesso di essere come un ‘rumore di fondo‘ (=il QRM radio) che impedisce di ‘capire’ cosa si ha di fronte. Leggere il seguito

    Da  Losgherro
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Evviva la frutta!

    Dal 2007 è partito il progetto europeo FRUITNESS enjoy it! Il progetto finanziato da UE, Stato Italiano e CSO si rivolge a 5 paesi: UK, Svezia, Polonia, Germani... Leggere il seguito

    Da  Rossellagrenci
    LIFESTYLE, SALUTE E BENESSERE