Magazine Motori

F1 | Gp Australia. Conferenza stampa dei piloti

Da F1news @F1Newsinfo

Alonso_Vettel_GPUSAQuesta mattina è andata in scena la prima conferenza stampa FIA dell’anno a Melbourne, sede del GP d’Australia. I piloti che vi hanno partecipato sono Sebastian Vettel, Fernando Alonso, Mark Webber, Lewis Hamilton, Kimi Raikkonen e Daniel Ricciardo.

Il tema principale della conferenza stampa sono le gomme, vero dilemma quest’anno dal momento che hanno dimostrato un grande degrado nei test anche per via delle basse temperature.

Qui di seguito vi proponiamo il botta e risposta dei piloti.

Fernando Alonso (Ferrari)
Pensi di avere una macchina migliore rispetto allo scorso anno?
“Vedremo. Non era difficile iniziare meglio dello scorso anno,  Sarebbe stato difficile iniziare peggio. Abbiamo capito meglio la macchina e sfruttato meglio le risorse. C’è più fiducia e ottimismo. Ma chi può sapere come andrà. Mi auguro sia una stagione competitiva. Dobbiamo partire con il piede giusto e fare punti”.
Sulle gomme e la loro tenuta in base alle varie temperature.
“Speriamo sia diverso rispetto ai test…”
Credi di poter vincere da subito?
“Difficile saperlo. Dovremo aspettare e vedere. I test non hanno dato risposte. Gli altri top team hanno un vantaggio su di noi, ma non è lo stesso dello scorso anno. C’è continuità nelle regole, quindi dagli stessi top team mi aspetto battaglia, però è difficile capire chi è il favorito. McLaren, Ferrari, Red Bull e Lotus hanno dimostrato potenzialità diverse tra Jerez de la Frontera e Barcellona, ma ora è difficile scegliere”.
Hai fatto registrare il miglior tempo a Barcellona nell’ultimo settore. Che tipo di sensazioni hai per il Mondiale?
“Non lo so, i test sono difficili da interpretare. E’ pericoloso trarre conclusioni. Ho avuto dei carichi di carburante e diversi pneumatici durante i collaudi. Siamo soddisfatti, tutto è andato secondo i piani, nonostante i cambiamenti atmosferici. Ma siamo qui, con il nostro cento per cento di potenziale. Melbourne mi piace, mi sento a mio agio. Così come in Malesia. I primi due GP possono essere buone opportunità per fare punti. Ma davvero, non so quanto saremo veloci”.
Hai perso il titolo alla fine per due volte negli ultimi 3 anni.
“Sono un privilegiato per aver lottato spesso per il titolo. In pochi hanno la possibilità di salire sul podio e lottare per il campionato. Mi sento fortunato. Certo, abbiamo perso due volte all’ultima corsa, speriamo quest’anno di cambiare il risultato finale. E’ normale nello sport, ma questo dà anche uno stimolo diverso, sia a me che al team”.
Cosa pensi di Vettel?
“Come pilota, poco da dire. Tre volte campione del mondo, ha battuto tutti i record. E non è solo una questione di macchina. E’ stato perfetto, per questo è diventato campione. Un rivale duro, lo sarà anche in futuro. Però non passiamo tempo insieme. Un ragazzo normale. Credo”.

Sebastian Vettel (Red Bull)
Vincere il quarto titolo di fila è possibile?
“Ogni anno si riparte da zero e quindi tutti hanno le stesse possibilità. I test non ci hanno permesso di fare le stesse valutazioni dello scorso anno. Non sappiamo cosa accadrà, ma sarà un anno molto lungo e non vediamo l’ora d’iniziare. Ogni corsa è molto importante. Iniziamo qui, ma i GP sono molti”.
Sulle gomme e la loro tenuta in base alla temperatura.
“Le gomme non duravano molto durante i test. E’ stato difficile fare buoni tempi”.
Dopo tre titoli di fila, le tue motivazioni ora sono diverse?
“L’unico segreto è non passare al passato. Non ho più la pressione del primo anno, dove volevo dimostrare cosa potevo. Poi ne sono arrivati altri due di anni fantastici, l’uno diverso dall’altro. Ma non pensiamoci più. Siamo qui, abbiamo zero punti come gli altri, quindi le stesse opportunità con macchine simili. Ci sarà più equilibrio, bisogna dare il massimo in ogni gara”.
Ancora sulle gomme.
“Ci sono gomme mai usate prima e utilizzate nei test invernali. Sarà interessante vedere se le temperature faranno la differenza”.
Cosa pensi di Alonso?
“E’ tra i più stimati al mondo. Ha l’abilità di spingersi al limite e per questo lotta sempre per il titolo. Nelle ultime stagioni siamo stati noi a prevalere, ma Fernando ha fatto del suo meglio per darci filo da torcere. Lo farà anche quest’anno. Non passiamo molto tempo assieme. Io non bevo molto caffè, ma potremmo prendere una Red Bull insieme…”.

Mark Webber (Red Bull)
Sei il più vecchio sulla griglia di partenza e giochi in casa…

“E’ molto molto piacevole iniziare il Mondiale qui. Ma vogliamo salire in macchina, perché questo è il lavoro che ci piace fare. I team sono altrettanto emozionati, normale per l’esordio. Sfida fresca in Australia, è il nuovo anno. Dopo 6-7 gran premi ti senti più a tuo agio, vale per me e per tutti”.
Cosa farai per vincere?
“Sono già fortunato per aver vinto tanti GP in passato. Sarebbe speciale farlo qui in casa. Cercherò di mettere a segno un weekend positivo e nel complesso una bella stagione. Ma il primo evento dell’anno è insidioso, anche se ho una grande voglia di partire”.
Sulle gomme e la loro tenuta in base alle varie temperatura.
“Tutti avranno le stesse, non vedo drammi”.

Lewis Hamilton (Mercedes).
Il passaggio dalla McLaren alla Mercedes: cosa è cambiato?

“Non è così diverso. Mi sto ambientando bene. L’obiettivo è vincere. I ragazzi hanno fatto un buon lavoro ed io sono entusiasta e fiducioso. Entusiasta non dopo Barcellona, però, collaudi da dove non si è potuto trarre grandi indicazioni”.
Ti senti a tuo agio in Mercedes?
“Noto ottimi passi in avanti, ma abbiamo ancora molto da fare. E’ normale quando arrivi in un nuovo team. Sto lavorando al massimo e con il passare del tempo migliorerà tutto. Una cosa è cambiata: la squadra mi ha dato più tempo per stare con i miei affetti”.

Kimi Raikkonen (Lotus)
Qual è il bilancio dopo i test e quali le prospettive della Lotus?
“Difficile dire se saremo competitivi. Lo capiremo dopo 2 o 3 corse. Ci sono ancora dei piccoli problemi che hanno bisogno di essere risolti. A livello di velocità siamo messi come l’anno scorso e magari dopo le prime libere ne sapremo di più. Non è cambiato granché rispetto alla scorsa stagione, ma è un anno nuovo e cercheremo di fare di più”.
Sulle gomme e la loro tenuta in base alle varie temperatura.
“A volte sono molto veloci sul giro, ma si deterioravano velocemente durante i test. Le condizioni meteo in cui abbiamo lavorato durante i test erano difficili. Magari qui a Melbourne cambierà tutto per il bilanciamento”.

Daniel Ricciardo (Toro Rosso)
Senti più pressione addosso rispetto allo scorso anno?
“Cercherò di fare leva sull’esperienza accumulata per avere più fiducia e migliori risultati. Bisogna cercare di migliorare, questo è ovvio e questo è il piano. Ma non ci sono stati grandi cambiamenti”.
Che effetto può avere e quanto incide l’uso delle nuove gomme su chi è a metà griglia?
“Non bisogna avere nessuna paura. C’era frustrazione durante i test invernali, ma qui andrà meglio. Avverto ottimismo, poi siamo tutti sulla stessa barca…”.

Articoli Correlati


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog