Magazine Media e Comunicazione

Fabio Caressa: Ai Mondiali con Sky tecnologia e storie inedite

Creato il 06 dicembre 2013 da Nicoladki @NicolaRaiano
Fabio Caressa: Ai Mondiali con Sky tecnologia e storie inediteIn ogni manifestazione calcistica internazionale, Mondiale o Europeo che sia, Fabio Caressa ormai contende a Mario Balotelli e Gigi Buffon la leadership nella graduatoria del più ricercato dai cacciatori di autografi. Già, perché The Voice di Sky da qualche anno è uscito dalla cabina del telecronista e tra le incursioni in Afghanistan e le apparizioni in tv al tavolo da poker è diventato quasi più personaggio dei calciatori. Da quest'anno ha deposto il microfono per assumere il ruolo di direttore di Sky Sport24 e in molti hanno nostalgia dei suoi duetti con lo zio Beppe Bergomi.
Caressa, ma ai Mondiali sarà dietro le quinte o in prima fila?Torno, torno, state tranquilli. Da qui a fine stagione farò qualche telecronaca per tenermi in allenamento ma ai Mondiali mi riapproprierò del ruolo di telecronista.
Perché questa tregua dal microfono?Perché dirigere Sky Sport24, che non è un semplice telegiornale ma un autentico canale, mi assorbe completamente.
Come sarà il mondiale di Sky?Totale, un vero e proprio show con immagini di altissimo livello e uno straordinario supporto tecnologico. Sarà il Mondiale più tecnologico di sempre, ne sono sicuro.
Va bene la Tecnologia però l'anima dove la mettiamo?Sky ovviamente racconterà anche molte storie, soprattutto con Federico Buffa e Giorgio Porrà che sono narratori unici e che porteranno sul piccolo schermo anche storie assolutamente inedite.
Che cosa ha Sky più della Rai?Direi che noi siamo più agili e forse più abituati a dirette on the road che iniziano all'alba e finiscono di notte.
E la Rai cosa ha più di Sky?Sicuramente la storia, la grande tradizione e anche un po' di esperienza che non guasta ma anche noi siamo cresciuti.
Conosce il suo "rivale" Bizzotto?Molto bene, siamo amici, ci siamo conosciuti alle Olimpiadi di Londra dove lui seguiva i tuffi e io il nuoto.
E come lo definisce?E' molto bravo, un grande professionista sempre molto preparato e che cura anche i dettagli di una telecronaca.
Scendiamo in campo: chi sarà la rivelazione del Mondiale?Saranno due le squadre rivelazione: il Belgio e la Colombia. Il Belgio ha lavorato benissimo con i giovani e adesso sta raccogliendo i frutti mentre la Colombia, soprattutto in fase offensiva, può contare su un gruppo di talenti straordinario.
E l'Italia?Sicuramente arriverà tra le prime quattro poi in che ordine si classificherà dipenderà da una serie di cose e dagli episodi anche perché il calcio è fatto di episodi.
Ha già pronta la frase per un eventuale trionfo azzurro?Ho già una mezza idea in testa ma cercherò di svilupparla meglio in Brasile e soprattutto speriamo di poterla pronunciare.
Intervista di Valentino Beccariper quotidiani Gruppo L'Espresso

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog