Magazine Medicina

Farmaci gastrointestinali provocano problemi neurologici

Creato il 14 novembre 2013 da Amosb

farmaci gastrointestinaliNumerose sono le persone che ricorrono a farmaci gastrointestinali per migliorare la digestione, per combattere la nausea etc.
Molti di questi farmaci però risultano essere molto pericolosi.

Riporto qui un articolo uscito sulla Stampa l’8 Novembre 2013:

In un comunicato di qualche mese fa, l’Ema (l’Agenzia Europea dei Medicinali) metteva sull’avviso dall’assunzione dei farmaci gastrointestinali contenenti il principio attivo denominato “metoclopramide”. I farmaci di questa categoria si utilizzano per i problemi digestivi come nausea, vomito da varie cause (anche mediche come i trattamenti chemioterapici) e problemi di motilità intestinale.
Tra i vari farmaci che comprendono questo principio attivo vi sono quelli da banco come Geffer, Isaprandil, Delipramil e il Digestivo S. Pellegrino; e quelli acquistabili solo su ricetta medica come Plasil, Migpriv e Randum. (grassetto mio)
Secondo quanto appurato dallo studio revisionale, i principali rischi a cui si va incontro con l’assunzione di questo genere di farmaci sono soprattutto neurologici, con la possibile comparsa di “disturbi extrapiramidali a breve termine, un gruppo di disturbi del movimento involontari che possono includere spasmi muscolari (che spesso coinvolgono testa e del collo), e la discinesia tardiva (movimenti involontari quali smorfie e contrazioni). Il rischio a breve termine di effetti neurologici acuti è maggiore nei bambini, anche se la discinesia tardiva è stata segnalata più spesso negli anziani, e il rischio aumenta a dosi elevate o con il trattamento a lungo termine. Le prove indicano che tali rischi erano superiori ai benefici del metoclopramide in condizioni che richiedono un trattamento a lungo termine. Ci sono stati anche casi molto rari di gravi effetti sul cuore e la circolazione, in particolare dopo l’iniezione”, così come riportato nel documento Ema.

A motivo di ciò, l’Ema ha pubblicato alcune raccomandazioni circa l’uso di questi farmaci. Per esempio, non assumerli per più di 5 giorni. Tenete presente che i rischi sono maggiori con dosaggi di principio attivo elevati  – che variano da farmaco a farmaco – e lunghi trattamenti. 
Questo genere di farmaci non deve mai essere usato nei bambini al di sotto l’anno di età. Per i bambini di 1 anno e più devono obbligatoriamente essere prescritti dal medico e vanno considerati un trattamento di seconda scelta, ovvero dopo che altri trattamenti sono stati considerati o provati.
Poiché molti di questi farmaci sono OTC, ossia acquistabili senza ricetta, questo non significa che siano privi degli effetti collaterali segnalati dall’Ema. E’ dunque necessario fare molta attenzione.
L’Ema, ritiene inoltre che le dosi massime consigliate in adulti e bambini dovrebbero essere limitate, e le formulazioni di resistenza più elevate ritirate dal mercato.
Ora le raccomandazioni CHMP (Committee for Medicinal Products for Human Use) sono state inviate alla Commissione Europea per l’adozione di una decisione giuridicamente vincolante in tutta l’Unione europea (UE).

(tratto da La Stampa 8 Novembre 2013)

Troppo spesso le persone assumono farmaci senza porsi troppe domande. I farmaci descritti nell’articolo sono per lo più di libera vendita, questo però non è garanzia della loro innocuità!

LA SOLUZIONE

Per risolvere i disturbi gastrointestinali è necessario andare alla causa del problema, inibire semplicemente il sintomo non risolve la situazione.

La causa principale dei problemi gastrointestinali è da ricercare nella cattiva alimentazione e in un intestino in cattive condizioni, ricco di parassiti e con pochissima flora batterica.

Se soffri di problemi gastrointestinali il primo passo da compiere è eliminare questi alimenti:

I 10 peggiori alimenti da evitare

Al contempo è necessario che tu ripulisca il tuo intestino in modo ottimale, clicca qui per capire bene come fare.

Nessun articolo correlato trovato


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :