Magazine Diario personale

Fëdor Michajlovič Dostoevskij, I fratelli Karamazov

Da Silvy56
Fëdor Michajlovič Dostoevskij, I fratelli Karamazov
“Questa sete di vivere certi tisici e catarrosi moralisti spesso la chiamano vile, e specialmente i poeti. Almeno in parte, questa sete di vivere è karamazoviana, e forse la provi anche tu; e perché dovrebbe esser vile? V’è sul nostro pianeta, Alesa, ancora molta e grande forza centripeta. Vogliamo vivere, e io vivo a dispetto della logica. Che io non creda nell’ordine delle cose, però mi son care le umide e vischiose foglioline che si schiudono a primavera, mi è caro il cielo azzurro, mi son care certe persone che, talvolta, credimi, nemmeno sai perché le ami; mi è cara anche l’azione dell’uomo, nella quale forse da molto tempo hai cessato di credere, tuttavia per una vecchia memoria del cuore continui a venerarla. […] Le vischiose foglioline della primavera, il cielo azzurro, io amo queste cose! Qui non c’entra l’intelligenza, non la logica; qui col ventre, qui con le viscere ami, le prime tue forze giovanili tu ami… Non ho mai potuto capire come sia possibile amare la gente che ci sta vicino. È precisamente tal gente che non è possibile amare, forse chi ci sta lontano sì. […] Per amare un uomo bisogna che resti nascosto, ché, quando mostra il volto, cade l’amore. […] Supponiamo che io soffra d’una profonda sofferenza: gli altri non potranno comprendere fino a che punto io soffra perché gli altri sono gli altri e non me; e, oltre a ciò, è difficile che un uomo sia disposto a riconoscere le sofferenze d’un altro (quasi si trattasse d’un privilegio). E sai perché non le riconosce? Perché, ad esempio, io puzzo malamente, perché ho una faccia da imbecille, perché m’è accaduto una volta di pestarti un piede. Del resto c’è sofferenza e sofferenza: un’umiliante sofferenza che mi deprima, o anche, diciamo, la fame, potrà essere compatita dal mio benefattore, ma una qualche sofferenza superiore, diciamo un’idea, ben difficilmente e di rado potrà tollerarla, perché, una volta che mi guardi, osserverà ch’io non ho la faccia che, secondo la sua fantasia, dovrei avere soffrendo per un’idea.”

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I benandanti

    benandanti

    I buoni camminatori, piccole congreghe del XVI-XVII secolo, presenti in Friuli legate ad un culto pagano-sciamanico contadino basato sulla fertilità. Leggere il seguito

    Da  Marta Saponaro
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La parola ai libri: "I fratelli Karamàzov" - F. Dostoevskij

    parola libri: fratelli Karamàzov" Dostoevskij

    "La bellezza è una cosa terribile e paurosa. Paurosa, perché è indefinibile, e definirla non si può, perché Dio non ci ha dato che enigmi. Qui le due rive si... Leggere il seguito

    Da  Rossellamartielli
    RACCONTI, TALENTI
  • Cosa può insegnare Dostoevskij

    Di recente ho acquistato un ebook (privo di DRM Adobe: c’è bisogno di scriverlo?) che contiene i capolavori di Fëdor Dostoevskij. L’introduzione è curata da Luc... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, LIBRI, TALENTI
  • “Le notti bianche” di Fëdor M. Dostoevskij

    notti bianche” Fëdor Dostoevskij

    Edizione integrale Cura e traduzione di Luisa De Nardis Le notti bianche è, insieme a Delitto e castigo, la più amata e la più letta delle opere di Dostoevskij. Leggere il seguito

    Da  Vivianap
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • I ❤ you

    buondì! quando ho qualcosa fra le mani..più che al riciclo, penso al riuso. siccome, con mio grande rammarico, la carta si spreca a tonnellate attraverso... Leggere il seguito

    Da  Ilcerchiomagico
    TALENTI
  • Se Dostoevskij ha continuato a scrivere

    Piovve per quattro anni, undici mesi e due giorni. Si tratta di un brano tratto da “Cent’anni di solitudine” di Gabriel Garcia Marquez. Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Dostoevskij e l’intelligenza

    “E sì! I discorsi intelligenti li si ascolta volentieri.”Questa è una frase tratta dal romanzo “Delitto e Castigo”, del buon Dostoevskij. Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI